Gnomeo e Giulietta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gnomeo e Giulietta
Gnomeo e Giulietta.jpg
Una scena del film
Titolo originale Gnomeo and Juliet
Paese di produzione Regno Unito, Stati Uniti
Anno 2011
Durata 84 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, sentimentale
Regia Kelly Asbury
Soggetto William Shakespeare
Casa di produzione Touchstone Pictures, Startz Animation
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Musiche James Newton Howard, Chris Bacon, Elton John
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Gnomeo e Giulietta (Gnomeo and Juliet) è un film d'animazione del 2011 diretto da Kelly Asbury. La storia è una parodia dell'opera di William Shakespeare Romeo e Giulietta. Il film d'animazione è realizzato in CGI.

Tramamodifica | modifica sorgente

Gnomeo, gnomo da giardino della famiglia Montecchi (blu) e Giulietta della famiglia Capuleti (rossa), sono una e uno gnomo da giardino, e le loro famiglie sono in completa rivalità, persino i padroni dei giardini. Giulietta è combattiva e coraggiosa, Gnomeo è prudente e dolce. Una notte, Giulietta corre in un giardino vicino per rubare una bella orchidea. Si incontrano e si innamorano non sapendo di appartenere a famiglie rivali, cioè Giulietta crede che Gnomeo sia un rosso e Gnomeo crede che sia una blu. Quando se ne rendono conto, continuano ad incontrarsi di nascosto e in una di queste occasioni conoscono Piumarosa, un fenicottero di plastica al corrente della loro storia, che ha vissuto una triste storia di amore. Ma quando, durante uno di questi incontri un amico di Gnomeo,Benny,li scopre insieme,Gnomeo cerca di spiegargli tutto. L'altro, però, correndo incontra il cugino perfido di Giulietta, Tebaldo, che gli distrugge il cappello, così Gnomeo lo attacca e per sbaglio Tebaldo finisce contro un muro andando in mille pezzi. Tutti i Rossi danno la colpa a Gnomeo che finisce in strada. Tutti credono che sia morto sotto una macchina, ma invece Funghetto e Nanette, i migliori amici di Gnomeo e Giulietta consolano i due. Per strada Gnomeo incontra una statua di William Shakespeare che gli dirà come era finito il suo libro, dando a Gnomeo il coraggio di tornare a casa. Quando Gnomeo torna a casa però finisce con Giulietta sotto un mucchio di pietre: infatti i blu si sono vendicati distruggendo il giardino dei rossi, ma alla fine hanno distrutto pure quello loro. Però per fortuna tutti sopravvivono e i due giardini vivranno senza più essere in conflitto. Piuma Rosa ritrova il suo amore, Tebaldo viene incollato, Benny si sposa con una bambola di porcellana, e si festeggiano molti matrimoni insieme a quello di Giulietta e Gnomeo. Il film si conclude con Gnomeo e Giulietta sul tagliaerba di nozze.

Distribuzionemodifica | modifica sorgente

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi l'11 febbraio 2011, mentre in Italia è uscito il 16 marzo 2011.

Colonna sonoramodifica | modifica sorgente

Nel film sono presenti musiche di molti cantanti famosi come Lady Gaga, Nelly Furtado e Kiki Dee ma soprattutto di Elton John.

Il brano The Tiki Tiki Tiki Room è il tema ufficiale di Enchanted Tiki Room, un'attrazione del parco Disneyland di Anaheim, in California. Fu scritto nel 1963 dai fratelli Robert e Richard Sherman. L'attrazione consisteva in una vasta esposizione di uccelli meccanici il cui movimento era determinato da una tecnologia nota come audio-animatronica.

Traccemodifica | modifica sorgente

  1. Hello, HelloElton John & Lady Gaga
  2. Crocodile RockNelly Furtado
  3. Saturday Night's Alright for Fighting – Elton John
  4. Don't Go Breaking My Heart – Elton John & Kiki Dee
  5. Love Builds A Garden – Elton John
  6. Your Song – Elton John
  7. Rocket Man – Elton John
  8. Tiny Dancer – Elton John
  9. Bennie and the Jets – Elton John
  10. Gnomeo & JulietJames Newton Howard
  11. Dandelions – James Newton Howard
  12. Bennie and the Bunnies – James Newton Howard
  13. Terrafirminator – James Newton Howard
  14. The Tiki Tiki Tiki Room – Wally Boag, Thurl Ravenscroft, Fulton Burley & The Mellomen

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License