Gran Premio del Brasile 1986

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brasile Gran Premio del Brasile 1986
421º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 16 del Campionato 1986
Circuit Jacarepagua.png
Data 23 marzo 1986
Nome ufficiale XV Grande Premio do Brasil
Circuito Jacarepaguà
Percorso 5,031 km / 3,126 US mi
Distanza 61 giri, 306,891 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Brasile Ayrton Senna Brasile Nelson Piquet
Lotus-Renault in 1:25.501 Williams-Honda in 1:33.546
(nel giro 46)
Podio
1. Brasile Nelson Piquet
Williams-Honda
2. Brasile Ayrton Senna
Lotus-Renault
3. Francia Jacques Laffite
Ligier-Renault

Il Gran Premio del Brasile 1986, XV Grande Prêmio do Brasil di Formula 1 e prima gara del Campionato di Formula 1 del 1986, si è disputato il 23 marzo sul Circuito di Jacarepaguà ed è stato vinto da Nelson Piquet su Williams-Honda.

Vigiliamodifica | modifica sorgente

Molte sono le novità tra i piloti nel primo gran premio della stagione. Niki Lauda abbandona definitivamente la F1, e viene sostituito da Keke Rosberg alla McLaren; il finlandese è sostituito a sua volta da Nelson Piquet alla Williams. Alla Brabham coppia italiana con Elio de Angelis e Riccardo Patrese, mentre l'ex tester della Ferrari Johnny Dumfries passa alla Lotus. La Scuderia Ferrari conferma Michele Alboreto e Stefan Johansson, con l'ex ferrarista René Arnoux che trova un volante alla Ligier.

Tra le scuderie c'è l'abbandono della Renault, che però continua a fornire i motori a Ligier, Lotus e Tyrrell. Da segnalare l'esordio della Benetton, motorizzata BMW. La Minardi iscrive due vetture (una per Alessandro Nannini, all'esordio in F1)[1].

Garamodifica | modifica sorgente

Resocontomodifica | modifica sorgente

La stagione si apre con Senna in pole position sulla Lotus-Renault, seguito dalle Williams-Honda di Piquet e Mansell e dalle Ligier-Renault gommate Pirelli di Arnoux e Laffite. In gara, Mansell va a sbattere al primo giro tentando di superare Senna. Vince Piquet, davanti a Senna, Laffite e Arnoux. Il campione in carica Prost, partito nono, arriva fino in testa prima di ritirarsi col motore fuori uso (sarà uno dei pochi guasti meccanici per la McLaren in questa stagione); fuori per noie tecniche anche le due Ferrari di Alboreto e Johansson. [1]

Risultatimodifica | modifica sorgente

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 6 Brasile Nelson Piquet Williams-Honda 61 1:39:32.583 2 9
2 12 Brasile Ayrton Senna Lotus-Renault 61 + 34.827 1 6
3 26 Francia Jacques Laffite Ligier-Renault 61 + 59.759 5 4
4 25 Francia René Arnoux Ligier-Renault 61 + 1:28.429 4 3
5 3 Regno Unito Martin Brundle Tyrrell-Renault 60 + 1 Giro 17 2
6 20 Austria Gerhard Berger Benetton-BMW 59 + 2 Giri 16 1
7 4 Francia Philippe Streiff Tyrrell-Renault 59 + 2 Giri 18  
8 8 Italia Elio de Angelis Brabham-BMW 58 + 3 Giri 14  
9 11 Regno Unito Johnny Dumfries Lotus-Renault 58 + 3 Giri 11  
10 19 Italia Teo Fabi Benetton-BMW 56 + 5 Giri 12  
Rit 18 Belgio Thierry Boutsen Arrows-BMW 37 Scarico 15  
Rit 27 Italia Michele Alboreto Ferrari 35 Alimentazione 6  
Rit 1 Francia Alain Prost McLaren-TAG Porsche 30 Motore 9  
Rit 22 Germania Christian Danner Osella-Alfa Romeo 29 Motore 24  
Rit 28 Svezia Stefan Johansson Ferrari 26 Freni 8  
Rit 16 Francia Patrick Tambay Lola-Hart 24 Batteria 13  
Rit 7 Italia Riccardo Patrese Brabham-BMW 21 Perdita d'acqua 10  
Rit 14 Regno Unito Jonathan Palmer Zakspeed 20 Motore 21  
Rit 17 Svizzera Marc Surer Arrows-BMW 19 Motore 20  
Rit 24 Italia Alessandro Nannini Minardi-Motori Moderni 18 Frizione 25  
Rit 23 Italia Andrea de Cesaris Minardi-Motori Moderni 16 Turbo 22  
Rit 21 Italia Piercarlo Ghinzani Osella-Alfa Romeo 16 Motore 23  
Rit 2 Finlandia Keke Rosberg McLaren-TAG Porsche 6 Motore 7  
Rit 15 Australia Alan Jones Lola-Hart 5 Iniezione 19  
Rit 5 Regno Unito Nigel Mansell Williams-Honda 0 Testacoda 3  

Classifichemodifica | modifica sorgente

Costruttorimodifica | modifica sorgente

Pos. Team Punti
1 Regno Unito Williams-Honda 9
2 Francia Ligier-Renault 7
3 Regno Unito Lotus-Renault 6
4 Regno Unito Tyrrell-Renault 2
5 Regno Unito Benetton-BMW 1

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Le figlie dell'elettronica, archivio.repubblica.it, 21 marzo 1986. URL consultato il 6 giugno 2009.

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da The Official Formula 1 website.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1986
Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1985
Gran Premio del Brasile
Edizione successiva:
1987
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1







Creative Commons License