Gran Premio di Francia 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Gran Premio di Francia 2008
793º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 8 di 18 del Campionato 2008
Circuit de Nevers Magny-Cours.svg
Data 22 giugno 2008
Nome ufficiale XCIII Grand Prix de France
Circuito Magny-Cours
Percorso 4.411 km / 2.74 US mi
Pista
Distanza 70 giri, 308.77 km/ 191.8 US mi
Clima Nuvoloso con leggera pioggia
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Kimi Räikkönen Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari in 1:16.449 Ferrari in 1:16.630
(nel giro 16)
Podio
1. Brasile Felipe Massa
Ferrari
2. Finlandia Kimi Räikkönen
Ferrari
3. Italia Jarno Trulli
Toyota

Il Gran Premio di Francia 2008 si è svolto il 22 giugno sul Circuito di Magny-Cours a Magny-Cours.

Vigiliamodifica | modifica sorgente

Il week end del Gran Premio è iniziato subito con le proteste dei tifosi locali contro le idee di Bernie Ecclestone, perché pare proprio che questo del 2008 sia l'ultimo Gran Premio francese a Magny-Cours. Il patron della Formula 1 infatti preferisce un Gran Premio a Parigi, meglio se ad Euro Disney, stanco ormai delle campagne di Magny-Cours [1]. Per l'occasione è stato addirittura presentato un progetto nuovo di zecca che permetterà al circuito un bella ristrutturazione, ma non si sa se l'attuazione di tale progetto (chiamato Magny-Cours 2), consentirà al popolo di Magny-Cours il prosieguo delle corse in F1 [2].

Provemodifica | modifica sorgente

Nella prima sessione del venerdì[3], si è avuta questa situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Brasile Felipe Massa Ferrari 1:15.306
2 Regno Unito Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1:16.002
3 Finlandia Heikki Kovalainen McLaren-Mercedes 1:16.055

Nella seconda sessione del venerdì[4], si è avuta questa situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Spagna Fernando Alonso Renault 1:15.778
2 Brasile Felipe Massa Ferrari 1:15.854
3 Finlandia Kimi Räikkönen Ferrari 1:15.999

Nella sessione del sabato mattina[5], si è avuta questa situazione:

Pos Nome Squadra/Motore Tempo
1 Brasile Nelson Piquet Jr. Renault 1:15.750
2 Australia Mark Webber Red Bull-Renault 1:15.759
3 Germania Sebastian Vettel Toro Rosso-Ferrari 1:15.827

Qualifichemodifica | modifica sorgente

Nella sessione di qualificazione[6], si è avuta questa situazione:

Pos N Nome Costruttore/Motore Q 1 Q 2 Q 3 Griglia
1 1 Finlandia Kimi Räikkönen Ferrari 1:15.133 1:15.161 1:16.449 1
2 2 Brasile Felipe Massa Ferrari 1:15.024 1:15.041 1:16.490 2
3 22 Regno Unito Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1:15.634 1:15.293 1:16.693 13*
4 5 Spagna Fernando Alonso Renault 1:15.754 1:15.483 1:16.840 3
5 11 Italia Jarno Trulli Toyota 1:15.521 1:15.362 1:16.920 4
6 23 Finlandia Heikki Kovalainen McLaren-Mercedes 1:15.965 1:15.639 1:16.944 10**
7 4 Polonia Robert Kubica BMW Sauber 1:15.687 1:15.723 1:17.037 5
8 10 Australia Mark Webber Red Bull-Renault 1:16.020 1:15.488 1:17.233 6
9 9 Regno Unito David Coulthard Red Bull-Renault 1:15.802 1:15.654 1:17.426 7
10 12 Germania Timo Glock Toyota 1:15.727 1:15.558 1:17.596 8
11 6 Brasile Nelson Piquet Jr. Renault 1:15.848 1:15.770 9
12 3 Germania Nick Heidfeld BMW Sauber 1:16.006 1:15.786 11
13 15 Germania Sebastian Vettel Toro Rosso-Ferrari 1:15.918 1:15.816 12
14 14 Francia Sébastien Bourdais Toro Rosso-Ferrari 1:16.072 1:16.045 14
15 7 Germania Nico Rosberg Williams-Toyota 1:16.085 1:16.235 19*
16 8 Giappone Kazuki Nakajima Williams-Toyota 1:16.243 15
17 16 Regno Unito Jenson Button Honda 1:16.306 16
18 17 Brasile Rubens Barrichello Honda 1:16.330 20***
19 21 Italia Giancarlo Fisichella Force India-Ferrari 1:16.971 17
20 20 Germania Adrian Sutil Force India-Ferrari 1:17.053 18
  • *** Rubens Barrichello è stato penalizzato di 5 posizioni per aver sostituito il cambio prima del GP [9].

Garamodifica | modifica sorgente

Al via le Ferrari mantengono le prime due posizioni; Alonso viene bruciato nello scatto da Trulli e Kubica. Hamilton parte aggressivo e sorpassa Vettel tagliando una chicane e andando ad attaccare subito Kovalainen. Il finlandese dopo qualche giro lascia passare il compagno di scuderia. Hamilton arriva come un fulmine addosso a Piquet, che è stato autore di un'ottima partenza, riuscendo ad issarsi all'ottavo posto; la resistenza del brasiliano è però strenua e l'inglese non passa. Dopo pochi giri Alonso recupera una posizione ai danni di Kubica.

Jenson Button rientra ai box per sostituire l'alettone anteriore danneggiato ma è costretto al ritiro. Dopo alcuni giri di assedio a Piquet, Hamilton viene penalizzato con un drive-through per aver tagliato la chicane al primo giro e non aver restituito la posizione a Vettel: rientra in pista al 13º posto. Il primo a rifornire è Alonso, al 15º giro, che monta gomme dure e rientra davanti a Hamilton. L'inglese lo attacca e al tornante Adelaide lo passa; di lì a poco però Hamilton si ferma per rifornire e ritorna nelle retrovie. Poi si fermano ai box nell'ordine Trulli, Kubica, Glock e Räikkönen. Ai box avviene un episodio curioso: Piquet, che aveva rifornito davanti a Kovalainen, inserisce al posto del limitatore di velocità il folle e viene sopravanzato all'uscita della corsia box proprio dal finlandese. Il ritmo delle Ferrari è insostenibile per gli avversari: Massa è a 6 secondi da Räikkönen, Trulli ad una trentina.

Ma a 32 giri dal termine la vettura di Kimi accusa un problema allo scarico destro: uno dei tubi si stacca e inizia a penzolare pericolosamente dal retrotreno, bruciando anche parte della carrozzeria. È impossibile per Räikkönen tenere il ritmo di Massa e, quando questi gli arriva ormai alle spalle, lo lascia passare. Räikkönen continua a perdere terreno anche su Trulli, terzo, ma alla fine il distacco si stabilizza sui dieci secondi. Quando mancano ormai 14 giri al termine, effettuati anche tutti i pit-stop, arriva la pioggia e i tempi cominciano ad alzarsi senza che però nessuno rientri. Lotta accanita nel finale fra Trulli e Kovalainen, col pescarese che mantiene il terzo posto ma non riesce a raggiungere Räikkönen. La gara termina così, con la dedica di Trulli ad Ove Andersson, ex team manager della Toyota, che in segno di lutto ha corso oggi con una banda nera sull'anteriore. Vince Massa, il primo pilota quest'anno a vincere tre Gran Premi, seguito dallo sfortunato Räikkönen e dal grintoso Trulli; quarto un positivo Kovalainen, quinto Kubica, sesto un ottimo Webber, settimo Piquet, che nelle ultime battute ha sorpassato il compagno di scuderia Alonso, durante un doppiaggio.

In classifica piloti Massa si porta in testa con 48 punti, davanti a Kubica con 46, seguito da Räikkönen a quota 43 ed infine Hamilton a 38. Nel campionato costruttori la Ferrari consolida il primato con 91 punti, davanti a BMW con 74 punti e McLaren con 58. I risultati del GP sono stati i seguenti[11]:

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 2 Brasile Felipe Massa Ferrari 70 1:31:50.245 2 10
2 1 Finlandia Kimi Räikkönen Ferrari 70 +17.984 1 8
3 11 Italia Jarno Trulli Toyota 70 +28.250 4 6
4 23 Finlandia Heikki Kovalainen McLaren-Mercedes 70 +28.929 10 5
5 4 Polonia Robert Kubica BMW Sauber 70 +30.512 5 4
6 10 Australia Mark Webber Red Bull-Renault 70 +40.304 6 3
7 6 Brasile Nelson Piquet Jr. Renault 70 +41.033 9 2
8 5 Spagna Fernando Alonso Renault 70 +43.372 3 1
9 9 Regno Unito David Coulthard Red Bull-Renault 70 +51.021 7
10 22 Regno Unito Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 70 +54.538 13
11 12 Germania Timo Glock Toyota 70 +57.700 8
12 15 Germania Sebastian Vettel Toro Rosso-Ferrari 70 +58.065 12
13 3 Germania Nick Heidfeld BMW Sauber 70 +1:02.079 11
14 17 Brasile Rubens Barrichello Honda 69 +1 Giro 20
15 8 Giappone Kazuki Nakajima Williams-Toyota 69 +1 Giro 15
16 7 Germania Nico Rosberg Williams-Toyota 69 +1 Giro 19
17 14 Francia Sébastien Bourdais Toro Rosso-Ferrari 69 +1 Giro 14
18 21 Italia Giancarlo Fisichella Force India-Ferrari 69 +1 Giro 17
19 20 Germania Adrian Sutil Force India-Ferrari 69 +1 Giro 18
Ret 16 Regno Unito Jenson Button Honda 16 Incidente 16

Classifiche Mondialimodifica | modifica sorgente

Costruttorimodifica | modifica sorgente

Pos Team Punti
1 Italia Ferrari 91
2 Germania BMW Sauber 74
3 Regno Unito McLaren-Mercedes 58
4 Austria RBR-Renault 24
5 Giappone Toyota 23
6 Regno Unito Williams-Toyota 15
7 Francia Renault 12
8 Giappone Honda 8
9 Italia STR-Ferrari 7

Notemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2008
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of Spain.svg Flag of Turkey.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Europe.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Brazil.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2007
Gran Premio di Francia
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1








Creative Commons License