Gran Premio di San Marino 1982

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marino Gran Premio di San Marino 1982
361º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 16 del Campionato 1982
Imola 1981.jpg
Data 25 aprile 1982
Nome ufficiale II Gran Premio di San Marino
Circuito Imola
Percorso 5,040 km / 3,132 US mi
Circuito stradale permanente
Distanza 60 giri, 302,4 km/ 187,902 US mi
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Francia René Arnoux Francia Didier Pironi
Renault in 1'29"765 Ferrari in 1'35"036
(nel giro 44)
Podio
1. Francia Didier Pironi
Ferrari
2. Canada Gilles Villeneuve
Ferrari
3. Italia Michele Alboreto
Tyrrell-Ford Cosworth

Il Gran Premio di San Marino 1982 è stata la quarta prova della stagione 1982 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 25 aprile 1982 sul Circuito Dino Ferrari di Imola. La gara è stata vinta dal francese Didier Pironi su Ferrari; per il vincitore si trattò del secondo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il canadese Gilles Villeneuve, anch'egli su Ferrari e l'italiano Michele Alboreto su Tyrrell-Ford Cosworth. Per quest'ultimo pilota si trattò del primo podio nel mondiale di F1.

Vigiliamodifica | modifica sorgente

Le decisioni della FIA e il boicottaggio della FOCAmodifica | modifica sorgente

La decisione dei commissari di squalificare la vettura di Gilles Villeneuve, al termine del precedente Gran Premio di Long Beach, fece temere che la Scuderia Ferrari potesse anche abbandonare, per protesta, il mondiale di F1.

Niki Lauda, a destra nella foto, nel paddock al venerdì. L'austriaco non poté competere nel gran premio a causa del boicottaggio adottato dalla maggioranza delle scuderie britanniche.

Ciò, soprattutto, a causa della contemporanea mancata squalifica di quelle vetture che, utilizzando la stratagemma del rabbocco d'acqua di serbatoi appositi (effettuato a fine gara), partecipavano ai gran premi sotto il peso minimo. La squalifica venne duramente criticata da Fabrizio Serena, presidente della Commissione Sportiva Automobilistica Italiana, che accusò Bernie Ecclestone per il troppo potere che concentrava nelle sue mani.[1] [2][3]

Il 20 aprile il Tribunale della Federazione Internazionale dell'Automobile accolse il ricorso presentato da Ferrari e Renault in merito al Gran Premio del Brasile, squalificando Nelson Piquet (su Brabham) e Keke Rosberg (su Williams), giunti rispettivamente, primo e secondo. La sentenza, inappellabile, ribadì che il peso minimo delle monoposto non poteva scendere sotto i 580 kg, e che i rabbocchi effettuati al termine della gara non potevano essere considerati come regolari. Venne così riscritta la classifica della gara, con la vittoria che venne assegnata ad Alain Prost.[4]Le scuderie britanniche, che avevano escogitato tale espediente per fronteggiare le vetture dotate dei più potenti motori turbo, minacciarono di non partecipare al Gran Premio di San Marino, anche se tale fronte non sembrava compatto, con la McLaren decisa a non boicottare l'evento.[5] A ciò si aggiunse anche la richiesta, fatta dalla Federazione automobilistica francese (Fédération française du sport automobile), presieduta da Jean-Marie Balestre, presidente anche della FISA, di squalificare altre quattro vetture giunte ai primi posti del gran premio brasiliano, tanto da portare al secondo posto Didier Pironi.[6]

La sentenza imponeva di rimuovere i serbatoi o, in alternativa, di presentarsi al via con i serbatoi pieni, al che il patron della Lotus, Colin Chapman, sarcasticamente fece notare che, se tale obbligo fosse stato applicato, al secondo giro tutti si sarebbero dovuti fermare a montare le gomme da bagnato.

Il giorno successivo, dopo una riunione a Londra, la FOCA, l'associazione che riuniva gli assemblatori britannici, guidata da Bernie Ecclestone, decise per il boicottaggio della gara imolese. I van delle scuderie inglesi, già presenti sul circuito romagnolo, ritornarono presso le loro sedi. Ecclestone minacciò di escludere dalla FOCA quelle scuderie che non avessero seguito l'invito a non gareggiare. Alcuni team erano però legati a sponsor italiani: per tale ragione Tyrrell e Arrows tentennarono nell'aderire alla protesta.[7]La FOCA propose agli organizzatori di spostare la gara al 3 luglio, vista l'impossibilità di approntare delle vetture, in tempo per la gara, che potessero rispondere alle nuove direttive in merito al peso minimo delle stesse. Per l'associazione dei costruttori questa decisione comportava una modifica regolamentare, che violava il Patto della Concordia.[8]

Per la stessa ragione vi fu la defezione anche della scuderia francese Ligier, che comunicò che non sarebbe riuscita a presentare, per tempo, delle vetture che rimanessero all'interno del limite minimo di peso.[9]Le scuderie presenti si riducevano così a Ferrari, Renault, Osella, Alfa Romeo e Toleman, tutte spinte da motori turbo, o comunque interessate in futuro a dotarsi di un motore sovralimentato. Il regolamento non imponeva un numero minimo di vetture presenti per dare validità alla gara, ma attribuiva agli organizzatori la possibilità di cancellare l'evento se fossero state disponibili meno di 13 vetture.[7]

Al primo giorno di prove si aggiunsero anche Tyrrell e ATS, anche se era sempre presente la possibilità che potessero abbandonare il circuito. Gli organizzatori, dal canto loro, minacciarono di sequestrare il materiale tecnico presente, delle scuderie che avessero boicottato la gara.[7]

Oltre il problema con la FOCA, la FISA venne attaccata anche dalle grandi case costruttrici (tra cui BMW, Renault Alfa Romeo e Ferrari), che inviarono una dura nota di protesta contro la volontà del presidente Balestre di modificare il regolamento tecnico già per il 1983, limitando l'uso dei motori sovralimentati, scelta che avrebbe violato il Patto della Concordia.[10]

Aspetti sportivimodifica | modifica sorgente

La Tyrrell sostituì Slim Borgudd col pilota britannico Brian Henton che, sino a quel momento della stagione, aveva corso nel mondiale con l'Arrows.

I prezzi per assistere alla gara andavano dalle 11.500 Lire delle curve Tosa e Rivazza, alle 100.000 per la Tribuna A, posta all'arrivo.[11]

Qualifichemodifica | modifica sorgente

Resocontomodifica | modifica sorgente

Gilles Villeneuve durante le prove del Gran Premio

Al venerdì il più rapido fu Alain Prost su Renault (in 1'31"169), che precedette i due ferraristi Gilles Villeneuve e Didier Pironi. La Renault ruppe il propulsore su entrambe le vetture, tanto che sia Prost che Arnoux furono costretti a ottenere il loro miglior tempo utilizzando il muletto. La situazione dell'asfalto era critica, tanto che rendeva difficile per i piloti mantenere, in talunti punti, la vettura in carreggiata.[7]

Tyrrell e ATS parteciparono anche alle prove ufficiali del sabato, che videro un buon afflusso di pubblico, pur in presenza di un ristretto numero di monoposto presenti. I tempi, rispetto al venerdì, si abbassarono e René Arnoux conquistò la pole in 1'29"675, nuovo record del tracciato. Per il francese si trattò dell'undicesima partenza al palo nel mondiale. La prima fila venne monopolizzata dalle Renault, con Prost secondo, mentre la seconda fila accolse le due Ferrari di Gilles Villeneuve e di Didier Pironi, unico a non migliorare i tempi del giorno precedente. Teo Fabi della Toleman e Riccardo Paletti dell'Osella, si qualificarono per la prima volta in carriera.

Al termine delle prove, Ken Tyrrell, manager della scuderia omonima, inviò un reclamo contro le vetture dotate di motore turbo, in quanto, secondo la sua interpretazione, tali propulsori avrebbero infranto il divieto di motori a turbina. Molti videro, in questo reclamo, la volontà della FOCA, tramite un suo membro presente alla gara, di porre sub-judice lo svolgimento della stessa. Il reclamo venne respinto.[12]

Risultatimodifica | modifica sorgente

I risultati delle qualifiche[13] furono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 16 Francia René Arnoux Francia Renault 1'29"765 1
2 15 Francia Alain Prost Francia Renault 1'30"249 2
3 27 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 1'30"717 3
4 28 Francia Didier Pironi Italia Ferrari 1'32"020 4
5 3 Italia Michele Alboreto Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'33"209 5
6 23 Italia Bruno Giacomelli Italia Alfa Romeo 1'33"230 6
7 22 Italia Andrea De Cesaris Italia Alfa Romeo 1'33"397 7
8 35 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Toleman-Hart 1'33"503 NP[14]
9 31 Francia Jean-Pierre Jarier Italia Osella-Ford Cosworth 1'34"336 9
10 36 Italia Teo Fabi Regno Unito Toleman-Hart 1'34"647 10
11 4 Regno Unito Brian Henton Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'35"262 11
12 9 Germania Manfred Winkelhock Germania ATS-Ford Cosworth 1'35"790 12
13 32 Italia Riccardo Paletti Italia Osella-Ford Cosworth 1'36"228 13[15]
14 10 Cile Eliseo Salazar Germania ATS-Ford Cosworth 1'36"434 14

Garamodifica | modifica sorgente

Resocontomodifica | modifica sorgente

Riccardo Paletti su Osella-Ford Cosworth prese il via con alcuni giri di ritardo per un problema tecnico. Fu il suo esordio in una gara valida per il mondiale di F1.

Derek Warwick non poté prendere il via per un guasto alla batteria verificatosi durante il giro di formazione, mentre Riccardo Paletti, all'esordio, fu costretto a partire dai box, con due giri di ritardo, sempre per un problema tecnico.

Alla partenza i primi quattro piloti mantennero le loro posizioni, con René Arnoux che precedeva Alain Prost e le due Ferrari. Le due vetture italiane però, già nel corso del primo giro, alla Piratella, passarono Prost. La gara di quest'ultimo terminò dopo solo sette giri, per un problema elettrico. Scalò così quarto Michele Alboreto.

Al decimo giro terminò definitivamente la gara di Paletti, mentre Andrea de Cesaris, attardatosi con una sosta ai box al giro 6, rientrò in pista, per ritirarsi un giro dopo.

Il vantaggio di Arnoux, sulle due Ferrari, si riduceva con Villeneuve che tentò, senza successo di passare il francese. In zona punti entrava, intanto, Manfred Winkelhock, che aveva passato Teo Fabi: il pilota milanese, dopo poco, fu costretto ai box per molti minuti. Al ventiduesimo passaggio Pironi passò Villeneuve, per esserne poi ripassato al giro 26. Un giro prima, nel frattempo, Bruno Giacomelli, quinto, si era ritirato col motore fuori uso.

Al giro 27 Villeneuve ebbe la meglio su Arnoux, con un sorpasso alla Rivazza; quattro giri dopo però, al Tamburello, il pilota della Renault riprese il comando della gara; ne approfittò anche Pironi, che passò nuovamente il suo compagno di scuderia, per il secondo posto. Il canadese, però, già alla Piratella, recuperò la piazza d'onore. Il giro seguente Eliseo Salazar entrò in zona punti, passando Winkelhock.

Gilles Villeneuve (col 27) e Didier Pironi (numero 28) dettero vita a un lungo duello.

Nei giri successivi continuò la lotta tra i primi tre: al giro 35 Pironi passò ancora Villeneuve, col canadese che si riportò secondo al giro 41. Intanto Salazar si era fermato ai box, facendo così rientrare tra i primi sei Winkelhock; il tedesco fu poi costretto anch'egli ai box per un problema elettrico. Al quarantacinquesimo passaggio René Arnoux fu costretto ad abbandonare la gara, con il motore fumante. Ora la classifica vedeva, con ampio margine, al comando le due Ferrari, seguite da Michele Alboreto, Jean-Pierre Jarier, Eliseo Salazar e Manfred Winkelhock.

Un giro dopo, approfittando di un errore di Gilles Villeneuve, Didier Pironi prese il comando della gara. La lotta fra i due proseguiì, così che al giro 49 il canadese, con un'azione alla Tosa, ritornò a condurre. Dai box della scuderia italiana venne esposto il cartello "SLOW", che di fatto imponeva ai piloti di preservare le vetture. Pironi però, al giro 52, superò ancora Villeneuve, che, a sua volta, cercò di insidiare ancora il francese, fino all'arrivo. A un giro dal termine, sempre alla Tosa, Gilles Villeneuve riprese a condurre, ma all'ultimo giro, Pironi, giunto al Tamburello, si portò all'esterno di Villeneuve, per passarlo nella curva seguente.

Didier Pironi vinse così per la prima volta con la Ferrari, la seconda in carriera nel mondiale di F1. Terzo giunse Michele Alboreto, al suo primo podio iridato, quarto Jean-Pierre Jarier, che conquistò così i primi punti in F1 dell'Osella. Manfred Winkelhock, giunto sesto, venne squalificato, mentre Teo Fabi non venne classificato in quanto aveva coperto meno del 90% della distanza del vincitore. Il punto per il sesto classificato non venne perciò assegnato.[16]

Risultatimodifica | modifica sorgente

I risultati del gran premio[17] furono i seguenti:

Pos No Piloti Team Giri Tempo/Ritiro Pos.Griglia Punti
1 28 Francia Didier Pironi Italia Ferrari 60 1h36'38"887 4 9
2 27 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 60 + 0"366 3 6
3 3 Italia Michele Alboreto Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 60 + 1'07"684 5 4
4 31 Francia Jean-Pierre Jarier Italia Osella-Ford Cosworth 59 + 1 giro 9 3
5 10 Cile Eliseo Salazar Germania ATS-Ford Cosworth 57 + 3 giri 14 2
SQ 9 Germania Manfred Winkelhock Germania ATS-Ford Cosworth 54 Squalificato
per vettura irregolare
12  
NC 36 Italia Teo Fabi Regno Unito Toleman-Hart 52 Non classificato 10  
Rit 16 Francia René Arnoux Francia Renault 44 Turbo 1  
Rit 23 Italia Bruno Giacomelli Italia Alfa Romeo 24 Motore 6  
Rit 32 Italia Riccardo Paletti Italia Osella-Ford Cosworth 7 Sospensioni 13  
Rit 15 Francia Alain Prost Francia Renault 6 Motore 2  
Rit 22 Italia Andrea de Cesaris Italia Alfa Romeo 4 Impianto elettrico 7  
Rit 4 Regno Unito Brian Henton Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 0 Trasmissione 11  
NP 35 Regno Unito Derek Warwick Regno Unito Toleman-Hart 0 Impianto elettrico 8  

Classifichemodifica | modifica sorgente

Decisioni della giuriamodifica | modifica sorgente

Al termine della gara l'ATS di Manfred Winkelhock venne trovata di due chili sotto il minimo consentito; il pilota, classificato sesto, anche se non giunto al traguardo, venne così squalificato. Il punto iridato per il sesto posto non venne assegnato, in quanto il pilota subito seguente in classifica, Teo Fabi, non era stato classificato, avendo coperto meno del 90% della distanza.[18]

Polemiche nel dopo-garamodifica | modifica sorgente

Gilles Villeneuve, a sinistra, con Didier Pironi, sul podio, al termine della gara. Il canadese criticò pesantemente il suo compagno di scuderia per il comportamento tenuto in gara.

Gilles Villeneuve dopo il giro d'onore, si diresse al motorhome della Scuderia Ferrari ed apostrofò violentemente, a detta di molti presenti,[19] il direttore sportivo Marco Piccinini (il canadese esclamò :"Ed ora cercatevi un altro pilota!") che invece non trovò nulla di insolito o di scandaloso nella vittoria di Didier Pironi.[20]

Villeneuve quindi salì controvoglia sul podio, solo per non fare un torto alle autorità sanmarinesi e ritirare il piatto destinato al secondo classificato, ma mostrando una grande contrarietà. Nel dopogara il canadese ebbe un turbolento colloquio con Pironi, durante il quale lo accusò di avergli rubato la vittoria e di essere un falso amico, giurandogli che mai gli avrebbe più rivolto la parola.

Villeneuve commentò con la stampa:

« Credevo di avere un amico, un onesto compagno di squadra. Invece è un imbecille. L'unico vantaggio che ho avuto dalla lezione è che ora lo conosco bene. Potevo dargli due giri di distacco, ma avevo guidato con prudenza perché sapevo che alla Ferrari ci tenevano a portare tutte e due le macchine al traguardo. Tutto è iniziato quando Arnoux è stato costretto al ritiro. Ovviamente ho rallentato e Pironi ne ha subito approfittato per passarmi di sorpresa. Allora mi sono rifatto sotto e dopo due giri gli sono andato nuovamente davanti. Avrà capito, mi sono detto. Invece mi sbagliavo. Al box hanno esposto 11 cartelli "slow", che significa andare piano. Avevamo un vantaggio incolmabile. Ma lui mi ha nuovamente attaccato. Lui spingeva, tirava al massimo. Avevo il timore di finire la benzina, cercavo di controllare la situazione. A ogni giro vedevo il cartello della Ferrari che indicava di non forzare. Didier mi passa ancora. Mi viene un nervoso incredibile. Allora forzo e, rischiando di finire fuori strada, gli vado davanti. Prima aveva frenato troppo presto, e quasi lo tamponavo. Poi non mi ha centrato per un millimetro. Il motore non rendeva al massimo ed alla fine me lo sono visto sfrecciare all'Interno. Non credevo al miei occhi. Un comportamento da bandito.[21] »

Didier Pironi ribatté che lui non era una seconda guida e che il suo comportamento era stato corretto, visti anche i problemi che la vettura di Villeneuve presentava. Il francese era anche sicuro che presto i rapporti col canadese si sarebbero tranquillizzati.[21]Enzo Ferrari, un paio di giorni dopo la gara, con un comunicato, stigmatizzò il comportamento di Pironi, ed espresse la sua comprensione per lo sfogo di Gilles Villeneuve.[22]

Nella settimana successiva, Villeneuve, accompagnato dall'ex ferrarista Jody Scheckter, si recò a Maranello per incontrare Enzo Ferrari in persona, sperando di trovare in lui quell'appoggio che Piccinini non gli ha manifestato ad Imola. Come ricordato dall'addetto stampa Ferrari di allora, Franco Gozzi, in realtà a Ferrari interessava che le sue macchine avessero portato a casa una doppietta e non gli interessava sindacare sull'ordine di arrivo. Bene Villeneuve, bene Pironi, purché vincesse la Ferrari[23]. Dopo ciò cominciarono a intensificarsi le voci sul passaggio di Villeneuve in Williams al termine della stagione.[24]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Michele Fenu, "La squalifica di Vileneuve? Fatto di mafia" in La Stampa, 7 aprile 1982, p. 23.
  2. ^ Gli inglesi temono il ritiro Ferrari dalla Formula 1 in La Stampa, 7 aprile 1982, p. 23.
  3. ^ Ferrari lascia? Per alcuni sì in La Stampa, 7 aprile 1982, p. 23.
  4. ^ Come i giudici hanno scoperto gli inganni in La Stampa, 21 aprile 1982, p. 17.
  5. ^ Carlo Ricono, Minacce di disertare Imola ma la McLaren non accetta in La Stampa, 21 aprile 1982, p. 17.
  6. ^ Chiesti altri provvedimenti in La Stampa, 22 aprile 1982, p. 31.
  7. ^ a b c d Cristiano Chiavegato, Corsa per pochi intimi, assente anche Lauda in La Stampa, 24 aprile 1982, p. 21.
  8. ^ (ES) Los argometos de la ruptura (PDF) in El Mundo Deportivo, 23 aprile 1982, p. 34. URL consultato il 5 novembre 2013.
  9. ^ Cristiano Chiavegato, Le scuderie inglesi boicottano la corsa di Imola in La Stampa, 22 aprile 1982, p. 31.
  10. ^ Le case minacciano di lasciare le gare in La Stampa, 24 aprile 1982, p. 21.
  11. ^ Come andare al circuito in La Stampa, 25 aprile 1982, p. 29.
  12. ^ Cristiano Chiavegato, Bastano i turbo per entusiasmare Imola in La Stampa, 25 aprile 1982, p. 27.
  13. ^ Risultati delle qualifiche
  14. ^ Derek Warwick non prese parte alla gara.
  15. ^ Riccardo Paletti partì dai box dopo due giri dal via.
  16. ^ (FR) 4. Saint Marin 1982, statsf1.com. URL consultato il 5 novembre 2013.
  17. ^ Risultati del gran premio
  18. ^ Ercole Colombo, Uno-due Ferrari, Renault ko in Stampa Sera, 26 aprile 1982, p. 20.
  19. ^ (FR) Philippe Crépeau, Le 500e de Tortora, radio-canada.ca, 21 giugno 2006.
  20. ^ Tommaso Pellizzari, Villeneuve e Pironi, l'ultimo sorpasso, La Lettura del Corriere della Sera.
  21. ^ a b Cristiano Chiavegato, Villeneuve furibondo: "Pironi è un bandito" in Stampa Sera, 26 aprile 1982, p. 20.
  22. ^ Cristiano Chiavegato, Ferrari interviene: "Aveva ragione Villeneuve" in La Stampa, 28 aprile 1982, p. 25.
  23. ^ Sfide Rai 3, 1 ottobre 2012, RAI Radiotelevisione Italiana
  24. ^ Clamoroso: quando morì, Gilles Villeneuve aveva già deciso di lasciare la Ferrari. Ce lo ha confermato il figlio del Drake : CONTROSTERZO
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1982
Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1981
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
1983
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1







Creative Commons License