Gran Premio di Spagna 1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spagna Gran Premio di Spagna 1998
619º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 16 del Campionato 1998
Circuit Catalunya 1995-2003.svg
Data 10 maggio 1998
Circuito Circuito di Catalogna
Percorso 4,728 km / 2,938 US mi
circuito permanente
Distanza 65 giri, 307,320 km/ 190,960 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Mika Häkkinen Finlandia Mika Häkkinen
McLaren in 1:20.262 McLaren in 1:24.275
(nel giro 25)
Podio
1. Finlandia Mika Häkkinen
McLaren
2. Regno Unito David Coulthard
McLaren
3. Germania Michael Schumacher
Ferrari

Il Gran Premio di Spagna 1998 fu il quinto appuntamento della stagione di Formula 1 1998. Disputatosi il 10 maggio sul Circuito di Catalogna, ha visto la vittoria di Mika Häkkinen su McLaren, seguito da David Coulthard e da Michael Schumacher.

Vigiliamodifica | modifica sorgente

La FIA abolisce i cosiddetti "wings towers" o candelabri, appendici aerodinamiche montate sulle pance delle vetture, con cui anche la Ferrari aveva corso ad Imola.

La Ford porta il nuovo motore evoluzione P4, montato sulla Stewart di Barrichello.

Qualifichemodifica | modifica sorgente

In un circuito dove la McLaren MP4/13 hanno provato tutto l'inverno, i distacchi fra le frecce d'argento e le altre vetture aumentano notevolmente. Häkkinen conquista la pole position davanti a Coulthard ed è più veloce di un secondo e mezzo di Schumacher, terzo; seguono le due Benetton di Fisichella e Wurz, competitive grazie alle gomme Bridgestone che piazzano anche Barrichello in nona posizione. La seconda Ferrari di Irvine è sesta davanti a Herbert e Hill. Non si qualifica invece Rosset, lentissimo sulla Tyrrell.

Classificamodifica | modifica sorgente

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 8 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:20.262
2 7 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1:20.996 +0.734
3 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1:21.785 +1.523
4 5 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 1:21.894 +1.632
5 6 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 1:21.965 +1.703
6 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 1:22.350 +2.088
7 15 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 1:22.794 +2.532
8 9 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 1:22.835 +2.573
9 18 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:22.860 +2.598
10 1 Canada Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 1:22.885 +2.623
11 10 Germania Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 1:22.927 +2.665
12 11 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 1:22.963 +2.701
13 2 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 1:23.197 +2.935
14 14 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 1:23.327 +3.065
15 16 Brasile Pedro Diniz Arrows 1:23.704 +3.442
16 12 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 1:23.748 +3.486
17 17 Finlandia Mika Salo Arrows 1:23.887 +3.625
18 19 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 1:24.112 +3.850
19 23 Argentina Esteban Tuero Minardi - Ford 1:24.265 +4.003
20 22 Giappone Shinji Nakano Minardi - Ford 1:24.538 +4.276
21 21 Giappone Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 1:24.722 +4.460
Non qualificato 20 Brasile Ricardo Rosset Tyrrell - Ford 1:25.946 +5.684[1]

Garamodifica | modifica sorgente

Al via partono bene le McLaren, con Häkkinen che mantiene la prima posizione davanti a Coulthard; scatta male invece Schumacher, che si fa infilare da Irvine e Fisichella. Dopo poche curve Frentzen e Alesi si agganciano e finiscono in testacoda perdendo molte posizioni. Le McLaren distaccano immediatamente gli avversari, tenendo un ritmo insostenibile per tutti; Irvine è terzo e precede Fisichella, Schumacher, Wurz, Barrichello e Villeneuve. Mentre Alesi in fondo al gruppo sorpassa le due Minardi, si apre la prima serie di pit stop. Nel corso del 22º giro esplodono contemporaneamente i motori delle due Arrows; i piloti della scuderia inglese, che proseguivano in fila, danno vita ad un ritiro coreografico fra fumo e scintille e parcheggiano le loro vetture alla fine della corsia dei box.

La gara procede piuttosto linearmente, senza sorpassi in pista; l'unico lo compie Michael Schumacher ai box, sfruttando un rifornimento molto rapido per passare davanti a Irvine e Fisichella. Al 29º passaggio, Fisichella prova a sorpassare Irvine all'esterno del rettilineo dei box; quando cerca di chiudere la traiettoria, finisce però per agganciarsi con la Ferrari e i due finiscono nella sabbia. Dopo questo doppio ritiro dietro alle imprendibili McLaren si trovano Schumacher, Wurz, Barrichello, Villeneuve, Herbert, Hill e Panis. Al 36º giro, colpo di scena: a Michael Schumacher e a Tuero viene inflitto uno stop and go per velocità eccessiva ai box. Schumacher lo effettua al 40º giro e rientra dietro a Wurz.

Il pilota austriaco rifornisce al 46º giro; si decide in questo momento la gara per il terzo posto. Schumacher spinge al massimo e dopo il suo rifornimento rientra in pista davanti al rivale, riportandosi così in terza posizione. Intanto si ritira Hill con il motore rotto. Il dominio McLaren continua: le frecce d'argento doppiano anche il campione del mondo in carica Jacques Villeneuve. A pochi giri dal termine si verifica l'ennesimo ritiro per Panis. A due tornate dalla conclusione si scatena Frentzen: approfittando della lotta in corso tra i due, supera contemporaneamente alla staccata della prima curva Alesi e Ralf Schumacher, sopravanzando poi nel corso dell'ultimo giro anche Trulli e conquistando l'ottavo posto finale.

Häkkinen e Coulthard concludono nell'ordine, conquistando la terza doppietta stagionale per la McLaren; seguono Michael Schumacher, Wurz, Barrichello (che porta i primi punti alla Stewart) e Villeneuve.

Classificamodifica | modifica sorgente

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 8 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 65 1:33:38.3 1 10
2 7 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 65 +9.439 2 6
3 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 65 +47.095 3 4
4 6 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 65 +1:02.538 5 3
5 18 Brasile Rubens Barrichello Stewart - Ford 64 +1 giro 9 2
6 1 Canada Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 64 +1 giro 10 1
7 15 Regno Unito Johnny Herbert Sauber - Petronas 64 +1 giro 7
8 2 Germania Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 63 +2 giri 13
9 12 Italia Jarno Trulli Prost - Peugeot 63 +2 giri 16
10 14 Francia Jean Alesi Sauber - Petronas 63 +2 giri 14
11 10 Germania Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 63 +2 giri 11
12 19 Danimarca Jan Magnussen Stewart - Ford 63 +2 giri 18
13 21 Giappone Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 63 +2 giri 21
14 22 Giappone Shinji Nakano Minardi - Ford 63 +2 giri 20
15 23 Argentina Esteban Tuero Minardi - Ford 63 +2 giri 19
16 11 Francia Olivier Panis Prost - Peugeot 60 +5 giri 12
Ritirato 9 Regno Unito Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 46 Motore 8
Ritirato 4 Regno Unito Eddie Irvine Ferrari 28 Collisione con G.Fisichella 6
Ritirato 5 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 28 Collisione con E.Irvine 4
Ritirato 17 Finlandia Mika Salo Arrows 21 Motore 17
Ritirato 16 Brasile Pedro Diniz Arrows 20 Motore 15

Classifichemodifica | modifica sorgente

Costruttorimodifica | modifica sorgente

Pos. Team Punti
1 Regno Unito McLaren - Mercedes 65
2 Italia Ferrari 35
3 Regno Unito Williams - Mecachrome 14
4 Italia Benetton - Playlife 10
5 Svizzera Sauber - Petronas 4
6 Regno Unito Stewart - Ford 2

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Ricardo Rosset non si qualifica per il Gran Premio in quanto il tempo da lui fatto segnare in qualifica è superiore al 107% di quello ottenuto da Mika Häkkinen, in pole position.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1. URL consultato il 6 ottobre 2008.

o da GPupdate.net. URL consultato il 15 febbraio 2008.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1998
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Luxembourg.svg Flag of Japan.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1997
Gran Premio di Spagna
Edizione successiva:
1999
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1







Creative Commons License