Grognardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grognardo
comune
Grognardo – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Sindaco Renzo Guglieri (Lista Civica Due Spighe) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 44°37′53″N 8°29′37″E / 44.631389°N 8.493611°E44.631389; 8.493611 (Grognardo)Coordinate: 44°37′53″N 8°29′37″E / 44.631389°N 8.493611°E44.631389; 8.493611 (Grognardo)
Altitudine 206 m s.l.m.
Superficie 9,33 km²
Abitanti 302[1] (31-12-2010)
Densità 32,37 ab./km²
Frazioni Benzi, Galletto, Poggio, Ronchi, Oviè
Comuni confinanti Acqui Terme, Cavatore, Morbello, Ponzone, Visone
Altre informazioni
Cod. postale 15010
Prefisso 0144
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006084
Cod. catastale E188
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 655 GG[2]
Nome abitanti grognardesi
Patrono sant'Andrea
Giorno festivo 30 novembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Grognardo
Sito istituzionale

Grognardo (Gugnèrd in piemontese) è un comune di 303 abitanti della provincia di Alessandria.

Storiamodifica | modifica sorgente

Durante la seconda guerra mondiale, nel periodo successivo all'8 settembre 1943 e all'occupazione tedesca, trovò rifugio nel paese la famiglia ebrea genovese (marito e moglie) degli Urman. Sfuggiti per miracolo alla deportazione a Genova, trovarono aiuto in un cliente occasionalmente presente in quel frangente nel loro negozio di abbigliamento, il diciassettenne Gabriele Garofalo, che in tutta fretta li accompagnò con sé a Grognardo dal padre podestà del Comune, il quale subito offrì loro aiuto e protezione. Presentati come propri parenti sfollati, gli Urman restarono in paese ospiti della famiglia Garofalo fino alla Liberazione. Il 16 gennaio 1979 ai coniugi Francesco e Elsa Garofalo è stata per questo conferita l'alta onorificenza di giusti tra le nazioni dall'Istituto Yad Vashem di Gerusalemme.[3]

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[4]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Israel Gutman, Bracha Rivlin e Liliana Picciotto, I giusti d'Italia: i non ebrei che salvarono gli ebrei, 1943-45 (Mondadori: Milano 2006), pp.136-37.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte







Creative Commons License