Gunnar Asplund

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erik Gunnar Asplund in una fotografia del 1930 circa

Erik Gunnar Asplund (Stoccolma, 22 settembre 188520 ottobre 1940) è stato un architetto svedese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nel 1905 si iscrive all'Istituto Reale di Tecnologia di Stoccolma dove studia architettura. Si laurea nel 1909 e prosegue gli studi presso la Scuola Klara sotto la direzione di quattro architetti noti: Ragnar Östberg, Carl Westman, Ivar Tengbom e Carl Bergsten. Questa scuola era stata creata in opposizione all'Accademia delle Belle Arti.
Nel 1913-14 fa un viaggio di studio nel sud dell'Europa in Francia, Italia e prosegue fino alla Tunisia. L'architettura italiana influenzerà molto le sue opere. Di ritorno in Svezia, nel 1915 vince assieme a Sigurd Lewerentz il concorso per Skogskyrkogården (il Cimitero del Bosco) a Stoccolma. Questo venne realizzato dal 1917 al 1940 ed è stato iscritto nell'Elenco del Patrimonio Culturale dell'Umanità dell'UNESCO nel 1994. All'attività di progettista aggiunge l'attività teorica: durante gli anni 1917-20 è redattore della rivista "Arkitektur" e a partire dal 1931 diventa professore di architettura all'Istituto Reale di Tecnologia a Stoccolma. Disegna anche dei mobili fra cui lo sgabello 323, oggi riproposto dalla ditta svedese Kallemo, e anche la sedia Göteborg e la poltrona Senna, riproposte da Cassina.

Opere realizzatemodifica | modifica sorgente

La cappella del bosco, Stoccolma, 1917-20

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Erik Gunnar Asplund. Mobili e oggetti, Electa, Milano 1985
  • Bruno Zevi, Erik Gunnar Asplund, Milano 1948 (ed. aggiornata Roma 2000)
  • Erik Gunnar Asplund, numero monografico di "Controspazio" n. 4, 1983
  • Il sogno, il rosso, il fuoco: Un'intervista impossibile di Antonio Rossin con Erik Gunnar Asplund, in "Modo" n. 74, 1984, pp. 39-43
  • Antonio D'Auria, Protagonisti del movimento moderno: Erik Gunnar Asplund, in "Ottagono" n. 69, 1983, pp. 112-119
  • Demetri Porphyrios, Classico, christiano, socialdemocratico: l'architettura funebre di Asplund e Lewerentz, in "Lotus International" n. 38, 1983, pp. 71-77
  • Luca Ortelli, Tre progetti di Eric Gunnar Asplund, Göteborg 1917 e 1918, Stoccolma 1922, in "Lotus International" n. 61, 1989, pp. 6-23
  • Luis Moreno Mansilla, Viaggio in Italia. Asplund e Kahn. Due vedute di Siena e una passeggiata per lo sguardo, in "Casabella" n. 699, 2002, pp. 88-95

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 47560120 LCCN: n82210973








Creative Commons License