Hans-Joachim Stuck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans-Joachim Stuck
HansJoachimStuck2008.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1974-1979
Scuderie March, Brabham, Shadow, ATS
Miglior risultato finale 11° (1977)
GP disputati 81 (74 partenze)
Podi 2
Punti ottenuti 29
 

Hans-Joachim Stuck (Grainau, 1º gennaio 1951) è un pilota automobilistico tedesco figlio del famoso pilota della Auto Union Hans Stuck.

Gli esordimodifica | modifica sorgente

Dopo l'apprendistato sui kart nel 1969 corre nel campionato Europeo per vetture turismo con una BMW conquistando la 24 Ore del Nürburgring. Passerà nel 1972 al campionato tedesco conquistando assieme a Jochen Mass la vittoria nella 24 Ore di Spa.

Nel 1973 inizia la sua carriera nella vetture a ruote scoperte con una March di Formula 2. Già l'anno successivo sarà vicecampione, dietro a Patrick Depailler, conquistando ben quattro vittorie.

Formula 1modifica | modifica sorgente

La March lo impiega anche in Formula 1. Fa il suo esordio nel Gran Premio d'Argentina e conquista per due volte punti: in Spagna (quarto) e in Sud Africa (quinto).

Anche nel 1975 si divide tra l'impegno in Formula 1 e quello in Formula 2, sempre con la March, che lo chiamerà a stagione iniziata per correre 5 Gran Premi al posto di Lella Lombardi. Nella stagione s'impegnerà anche al volante di una BMW nel campionato IMSA. Nel 1976, stesso programma, condito da due vittorie nel campionato Formula 2 (entrambe ad Hockhenheim), e da un'ottima stagione nella massima serie con un quarto posto a Monaco e un quinto nel Gran Premio degli Stati Uniti-Est. Partirà addirittura in seconda fila nel Gran Premio di Germania.

Hans-Joachim Stuck con la March-Ford 761 al Nürburgring nel 1976

Il 1977 sarà la sua miglior stagione nella Formula 1. Passato alla Brabham orfana di Carlos Pace, otterrà due podi (terzo in Austria e in Germania) e scatterà dalla seconda piazza nel Gran Premio degli Stati Uniti-Est, dovendo però abbandonare la gara. Le sue ultime due stagioni nel circus saranno deludenti. Prima con la Shadow poi con la tedesca ATS, sarà spesso nelle retrovie, e conquisterà solo due quinti posti: nella prima stagione in Gran Bretagna e nella seconda a Long Beach.

Risultati completimodifica | modifica sorgente

1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 741 Rit Rit 5 4 Rit Rit Rit NQ Rit 7 11 Rit Rit NQ 5 16º
1975 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 751 Rit Rit Rit Rit 8 0
1976 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
March 761 4 12 Rit Rit Rit 4 Rit 7 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 5 Rit 8 13º
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
March
Brabham[1]
761B
BT45
Rit Rit 6 Rit 6 10 Rit 5 3 3 7 Rit Rit Rit 7 12 11º
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
Shadow DN8 e DN9 17 Rit NQ NP Rit Rit Rit 11 11 5 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 2 18º
1979 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
ATS D2 e D3 NP Rit Rit SQ 14 8 Rit NP NQ Rit Rit Rit 11 Rit 5 2 20º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Vetture Sportmodifica | modifica sorgente

La sua successiva carriera nelle vetture sport è stata lunga e piena di successi. Nel 1975 vince la 12 Ore di Sebring su BMW. Nel 1981 vince la 1000 km del Nürburgring con una BMW della GS Racing e nel 1984 la 1000 km di Imola con il team Brun Motorsport.
Nei due anni seguenti vince il Campionato mondiale per Vetture Sport, nonché la 24 Ore di Le Mans del 1986, vittoria quest'ultima bissata anche nel 1987, sempre alla guida della Porsche 962.
Vince nuovamente la 12 Ore di Sebring nel 1986 e nel 1988, entrambe a bordo di una Porsche 962. Nel 1989 corre nuovamente nel campionato IMSA e nel 1990 conquista il titolo nel DTM su Audi V8. Continua negli anni novanta nel campionato Turismo poi nel ITC guidando l'Opel Calibra V6, infine nel Campionato FIA GT, su McLaren F1 GTR del Team BMW Motorsport, dal 1998 al 2000 guida per lo stesso team la BMW V12 LMR impiegata nella 24 Ore di Le Mans e nell'ALMS, in quest'ultimo campionato continua a gareggiare fino al 2003 per squadre minori. Nel 2004 rivince dopo 35 anni la 24 Ore del Nürburgring.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Con la Brabham dal GP degli Stati Uniti-Ovest.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 45225397








Creative Commons License