Haroun Tazieff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Haroun Tazieff (Varsavia, 11 maggio 19142 febbraio 1998) è stato un ingegnere, agronomo e geologo polacco naturalizzato belga e francese. Personaggio mediatico, è stato un pioniere della comunicazione tra vulcanologi e grande pubblico e della ricerca sui gas nei dinamismi eruttivi.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Haroun Tazieff è nato a Varsavia nel 1914, quando era ancora parte della Russia zarista da un padre tartaro dottore in medicina e da una madre russa, chimica e dottoressa in scienze politiche. Dopo la morte del padre sul fronte durante la prima guerra mondiale è emigrato con la madre in Belgio dove è rimasto apolide fino al 1936, quando ne ha ricevuto finalmente la nazionalità.
Studioso,calciatore(era iscritto al Royal Daring Club Molenbeek di Bruxelles) ma soprattutto giocatore di rugby e boxeur (campione universitario del Belgio e poi campione provinciale del Katanga), compagno di Jacques-Yves Cousteau, geologo e vulcanologo sul battello Calypso. Ha seguito studi in Russia e in Belgio dove si è diplomato come ingegnere agronomo presso la facoltà di scienze agronome di Gembloux nel 1938 ha combattuto durante la Seconda guerra mondiale, e si è diplomato ingegnere geologo dell'universita di Liège nel 1944.
È stato naturalizzato francese nel 1971 ed è deceduto il 2 febbraio 1998. Ora è sepolto nel cimitero di Passy a Parigi

Carriera scientificamodifica | modifica sorgente

È stato nell'ordine:

Dal 1984 al 1986 fu segretario di stato incaricato della prevenzione tecnologica delle catastrofi naturali.

Haroun Tazieff fu anche uno dei pionieri della teoria della tettonica a placche. A partire dal 1967 le sue spedizioni in Etiopia hanno dimostrato l'origine oceanica dei sistemi vulcanici attivi nella regione.

L'eruzione della Soufrièremodifica | modifica sorgente

In seguito a delle manifestazioni inquietanti del vulcano della Soufrière nel 1976, una violenta polemica ha opposto Haroun Tazieff a Michel Feuillard, direttore dell'osservatorio vulcanologico di Guadalupa e a Claude Allègre, allora suo superiore all'Institut de Physique du Globe de Paris. Questi, insieme al professor Brousse, si fondavano su delle analisi allarmanti mostranti la presenza di magma fresco nelle zone circostanti il vulcano, consigliando l'evacuazione di 70000 abitanti vicini, mentre Tazieff, di ritorno da un viaggio all'equatore, fondandosi su una personale esperienza sul campo, affermò che non ce n'era e che il vulcano si sarebbe calmato senza alcun rischio di esplosioni piroclastiche. Dopo litigi e confronti finalmente si capì che il primo test era errato e la Soufrière non esplose e non provocò alcun danno.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 14777199 LCCN: n50008438








Creative Commons License