Hermine Braunsteiner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hermine Braunsteiner-Ryan (Vienna, 16 luglio 1919Bochum, 19 aprile 1999) è stata una criminale nazista austriaca.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque in Austria presso un'influente famiglia. Finita la scuola, sognava di diventare infermiera, non riuscendo nell'intento lavorò per un breve periodo come domestica assieme a sua sorella in Inghilterra. Nel 1939 venne assunta per un lavoro alla Heinkel di Berlino e mandata nel campo di concentramento di Ravensbrück, vicino alla capitale tedesca. Nell' ottobre del 1942, a causa di alcune frizioni tra la Braunsteiner e il suo supervisore Maria Mandel, venne trasferita nel campo di sterminio di Majdanek, nei pressi di Lublino in Polonia, dove venne successivamente promossa come assistente di reparto. Svolgendo tale mansione, si rese responsabile di crimini, abusi e atti di sadismo. Si occupò infatti della "selezione" di donne e bambini da mandare alle camere a gas. Frustò a morte diverse donne, e divenne nota nel campo per aver ucciso varie donne, spesso anziane, calpestandole con particolare violenza; questa abitudine le valse nel campo il soprannome di cavalla scalciante (in polacco Kobyla).

Nel marzo 1944, dopo due anni di servizio, Majdanek venne evacuata, sotto l'avanzata dell'armata rossa e Hermine tornò a Ravensbrück, dove venne promossa capo del lavoro al dettaglio e, verso la fine dell'anno, a supervisore nel campo secondario di Genthin. Alcuni testimoni affermarono che Hermine abusò di alcuni prigionieri attraverso una speciale frusta che teneva con sé. Nel maggio 1945 fuggì dal campo ormai vicino dall'essere conquistato dall'esercito sovietico e tornò a Vienna. Il 6 maggio del 1946 venne arrestata da una corte austriaca e detenuta fino al 18 aprile dell'anno successivo. Venne nuovamente arrestata il 7 aprile del 1948 per omicidio, infanticidio e maltrattamenti, con riferimento ai fatti di Ravensbrück, ma venne nuovamente rilasciata il 22 novembre del 1949. Nessuno dei crimini per i quali fu detenuta furono riferiti alla sua permanenza a Majdanek.

Il soggiorno statunitensemodifica | modifica sorgente

Durante gli anni seguenti il suo rilascio, il governo austriaco le amnistiò eventuali crimini non ancora denunciateli. Successivamente, lavorò presso alcuni alberghi e hotel. In una di queste occasioni conobbe un soldato americano, Russel Ryan, col quale strinse una relazione. Nel 1959 si sposarono e Ryan, diventato uomo d'affari del Queens, le trasmise la cittadinanza americana il 19 gennaio 1963.

Cinque anni dopo, la sua vera identità venne però scoperta da Simon Wiesenthal, che la denunciò presso l'ufficio immigrazione degli Stati Uniti. Secondo la testimonianza dell'ex direttore del New York Times Joseph Lelyveld, Wiesenthal avrebbe allertato quest'ultimo già da diverso tempo della possibilità che un criminale nazista avesse contratto matrimonio con Ryan e che vivesse a Maspeth, presso il Queens. Trovando la Signora Ryan, si arrivò alla Braunsteiner. Secondo alcune testimonianze durante l'arresto avrebbe detto:

« Mio dio, sapevo che sarebbe successo. Siete arrivati, dunque. »

L'estradizionemodifica | modifica sorgente

Nel 1971 il dipartimento di giustizia cominciò a togliere alla Braunsteiner la cittadinanza a causa della sua dubbia qualità. L'anno successivo, testimoniò presso un tribunale contro un ex guardia della SS. Quindi, il 14 marzo del 1973 Hermine Braunsteiner divenne il primo criminale nazista a essere estradato dagli Stati Uniti d'America. Dopo l'estradizione dovette affrontare un processo in Germania, assieme ad altri 15 ex-membri delle SS di Majdanek.

Uno dei testimoni contro la Braunsteiner affermò che questa avesse l'abitudine di scegliere in base al colore degli occhi i bambini che sarebbero dovuti salire sui camion per le camere a gas. Un altro testimone disse che la Braunsteiner frustava i prigionieri con la fibbia in acciaio della sua cintura fino a far loro perdere conoscenza. Il 30 maggio del 1980, all'età di 61 anni, venne così condannata all'ergastolo per i suoi atti al campo di concentramento di Majdanek.

Hermine Braunsteiner morì il 19 aprile del 1999 dopo essere stata rilasciata nel 1996 a causa delle complicazione del suo diabete, all'età di 79 anni. È sepolta nel cimitero di Bochum.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 23039369 LCCN: no2001048304

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie







Creative Commons License