Ian Paisley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ian Richard Kyle Paisley

Ian Richard Kyle Paisley (Armagh, 6 aprile 1926) è un politico nordirlandese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un catechista battista, venne ordinato sacerdote dal suo stesso padre. Dopo gli studi di teologia, fonda la Free Presbyterian Churc [1]e un giornale, il Protestant Telegraph. Nel 1971 ha fonda il DUP, partito democratico unionista. Venne soprannominato "Mister No", a causa della sua inflessibile opposizione a qualsiasi trattativa con i cattolici.

La sua avversione verso i cattolici lo portò a contestare, nel 1988, la visita di papa Giovanni Paolo II al parlamento europeo, definendolo Anticristo. Dopo l'accordo con i cattolici del Sinn Féin per la creazione di un governo congiunto, il giorno 8 maggio 2007 ha giurato davanti al parlamento regionale dell'Irlanda del Nord, assumendo la carica di primo ministro del governo autonomo della regione. Rassegnate le dimissioni, il 5 giugno 2008 ha ufficialmente passato il testimone all'ex ministro delle finanze Peter Robinson, attuale leader del DUP.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Riccardo Michelucci, Storia del conflitto anglo-irlandese. Otto secoli di persecuzione inglese, Bologna, Odoya 2009, ISBN 978-88-6288-045-9

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Trad.Ingl. "Libera chiesa presbiteriana"

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 79426950 LCCN: n50051819








Creative Commons License