Idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco, detta anche Fissero-Tartaro-Canalbianco-Po di Levante o Mantova-mare, è una via navigabile lunga 135 km che collega Mantova con il mare Adriatico attraversando la parte orientale della provincia di Mantova, un breve tratto della bassa veronese e tutta la provincia di Rovigo.

Il primo tratto, lungo 22 km, è costituito dal canale Fissero, dall'incile alla conca di Valdaro (presso il porto di Mantova) fino alla confluenza nel fiume Tartaro, poco prima della conca di Trevenzuolo (in comune di Ostiglia). Il secondo tratto, lungo 18 km, è costituito dal tratto finale del fiume Tartaro, dalla confluenza col Fissero fino alla conca di Torretta Veneta. Il terzo tratto, lungo 78 km, è costituito dal Canalbianco, un canale ricavato quasi totalmente da un paleoalveo del Tartaro; va dalla conca di Torretta Veneta fino alla conca di Volta Grimana. Il quarto tratto, lungo 17 km, è un canale ricavato da un antico ramo del delta del Po, ora abbandonato, chiamato Po di Levante; va dalla conca di Volta Grimana fino alla foce in località Porto Levante del comune di Porto Viro.

L'idrovia permette la navigazione di natanti della classe V europea (1500-1600 tonnellate).

Tabella percorsomodifica | modifica sorgente

Idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco
Tipo Denominazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Note
chiusa sbarramento di Formigosa, conca di Valdaro 0 135 MN Incile dal fiume Mincio; dislivello tra 1,7 e 5 m, altezza 12,5 m
porto porto di Mantova 1 134 MN
chiusa conca di Governolo o di S. Leone 13 122 MN Collegamento con il fiume Po
confluenza 20 115 MN Confluenza col canale Molinella
confluenza 22 113 MN Confluenza con lo scolo delle paludi di Ostiglia e confluenza nel Tartaro
chiusa conca di Trevenzuolo-Ostiglia 23 112 MN Dislivello 4 m, altezza 12,5-8,5 m
ponte ponti della ferrovia Verona-Bologna 25 110 MN
banchina banchina di Ostiglia-Bassa Veronese 26 109 MN
porto porto industriale della Bayer 27 108 MN Progetto
chiusa conca di Torretta Veneta 40 95 VR Fine del Tartaro, inizio del Canalbianco; dislivello 1,7 m, altezza 8,5-6,8 m
ponte ponte asburgico di Zelo 50 85 RO Stretto e recentemente rialzato.
chiusa conca di Canda 58 77 RO Con banchina e porticciolo; dislivello 2,98 m, altezza 6,8-3,82 m
chiusa conca di Bussari 78 57 RO Dislivello 2,56 m, altezza 3,82-1,26 m
ponte ponte della ferrovia Padova-Bologna 79 56 RO Molto basso, con progetto di rialzarlo
porto porto di Rovigo 86 49 RO
chiusa conche di Baricetta 102 33 RO Dislivello 1,26 m, altezza 1,26–0 m
chiusa conca di Volta Grimana 118 17 RO Collegamento col Po; fine del Canalbianco, inizio del Po di Levante
diramazione 119 16 RO Diramazione dell'idrovia Po-Brondolo
porto porto di Ca' Cappello ? ? RO Progetto
foce 135 0 RO Nel mare Adriatico, in località Porto Levante

Storiamodifica | modifica sorgente

Il primo a intuire che il sistema di bonifica idraulica del bacino del Tartaro-Canalbianco potesse essere utile anche alla navigazione fu Pietro Paleocapa nel 1835[1], l'artefice stesso delle opere di bonifica.

All'inizio del XX secolo il progetto iniziò ad essere studiato nei dettagli e venne inserito nell'organico "Piano di Sistemazione Generale Adige, Garda, Mincio, Tartaro, Canalbianco, Po di Levante" (detto "Progetto Miliani") del 1938, nel quale si prevedeva di costruire un'idrovia per natanti di 600 tonnellate da Mantova al mare Adriatico lungo i corsi opportunamente modificati del Fissero, del Tartaro, del Canalbianco e del Po di Levante.[1]

Dal 1938 fino alla seconda guerra mondiale fu dunque scavato un diversivo del Canalbianco presso Adria e furono costruite le conche di Governolo e Baricetta.[2]

I lavori ripresero nel 1961 con la sistemazione del tratto compreso tra l'incile e Trevenzuolo e successivamente nel 1985 con la costruzione delle conche di Trevenzuolo, di Torretta, di Bussari (in comune di Bosaro) e di Canda.[2] Entro il 1994 gran parte del tratto era stato nuovamente sistemato per permettere la navigazione ai natanti della classe V europea.[2] Gli ultimi lavori hanno riguardato l'armamento della foce, terminato nel 2000, e il rialzo di alcuni ponti, terminato nel 2001.[2]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Vedi relazione, op. cit.
  2. ^ a b c d Veneto Globale, op. cit.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti







Creative Commons License