Il Quizzone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Quizzone
Logo del programma Il Quizzone
Anno 19941998
Genere Gioco a quiz
Durata 120 min
Produttore R.T.I.
Presentatore Gerry Scotti (1994–1997)
Amadeus con la partecipazione di Laura Freddi e Dario Ballantini (1998)
Regia Maurizio Pagnussat
Rete Canale 5 (1994–1997)
Italia 1 (1998)
« Push! Push! Ocio che arriva! »
(Celebre frase nel programma di Gerry Scotti, durante il lancio dei filmati)

Il Quizzone è stato un gioco televisivo a quiz, andato in onda su Canale 5 dal 1994 al 1997 con la conduzione di Gerry Scotti, e su Italia 1 nel 1998 con la conduzione invece di Amadeus. Nel 2001, sempre su Canale 5, è stato fatto un remake della trasmissione con il titolo di Facce da quiz, presentato da Gigi Sabani.
Basato sul format giapponese Show by Shobai (クイズ世界はSHOW by ショーバイ!! Kuizu Shōbai ni Yotte Sekai wa Shō!!?, trad. Quiz World SHOW by Shobai!), trasmesso su Nippon Television (NTV) dal 1988 al 1996, a questo gioco estivo partecipavano, in qualità di concorrenti, otto personaggi del mondo dello spettacolo, della televisione e dello sport.

Regolamento principalemodifica | modifica sorgente

I partecipanti, raggruppati in due squadre da quattro componenti ciascuna, dovevano indovinare vari quesiti posti attraverso dei brevi filmati. Ognuno di loro aveva a disposizione due tentativi per rispondere a ciascuna prova: al primo errore veniva ammonito e quindi di fronte alla sua postazione veniva inserito un cartellino giallo, mentre al secondo errore veniva espulso con l'inserimento del cartellino rosso, e quindi il concorrente non poteva più rispondere al gioco in corso. Nella quinta edizione del programma i cartellini venivano sostituiti dai segnali elettronici a forma di croce.
Ad ogni risposta esatta fornita dalla squadra, la stessa vinceva una moltiplicazione per il “flipperone”, una slot machine meccanica. Al termine di un determinato numero di giochi, un componente della squadra invitato dal presentatore, si recava al flipperone, dove vinceva i punti che uscivano alla slot, moltiplicati per il numero di risposte esatte date. I punteggi presenti al flipperone erano 5, 10, 20, 30, 40 e 50 punti, più le due faccine simbolo del programma: quella blu triste che aveva il valore di 0 punti, e quella rosa felice avente il valore di 100 punti (non moltiplicabili per il numero di risposte).
Al termine dei giochi proposti, la squadra che aveva collezionato il maggior numero di punti veniva decretata vincitrice della puntata. Di questa squadra, i due concorrenti che avevano risposto meglio durante la puntata si contendevano il titolo di campione. Dalla squadra perdente invece veniva proclamato l’asino, cioè colui che aveva risposto peggio nella squadra. Il premio per il campione era un trofeo dorato a forma di pulsantone, mentre l’asino della puntata doveva rimanere seduto con le orecchie d’asino gigantesche fino alla fine della puntata.

Edizionimodifica | modifica sorgente

Prima edizione (1994)modifica | modifica sorgente

La prima edizione de Il Quizzone, veniva trasmessa dal 24 luglio all’11 settembre 1994, per un totale di sette puntate della durata di 120 minuti. Questa edizione era firmata da Giancarlo Muratori e Chicco Sfondrini, la regia era affidata a Maurizio Pagnussat, che sarà il regista di tutte le edizioni del programma. La scenografia della trasmissione, che assomigliava ad un enorme flipper con elementi estivi, era ad opera di Francesca Montinaro. Le due squadre erano aiutate dalle due vallette di Scotti, rispettivamente Sabrina Jencinella per la squadra rossa e Michela Simoni per la squadra blu.
La prima edizione vedeva la presenza di moltissimi filmati importati dalla versione giapponese del programma. Tra i giochi presenti nella prima edizione, troviamo tutti quelli che erano stati presenti in tutte le sue edizioni successive:

  • Cosa stanno costruendo?: i concorrenti dovevano indovinare un oggetto del quale vedevano il processo di fabbricazione. Questo gioco fungeva anche da manche per la scelta dei capitani e da prova finale tra i due migliori concorrenti della puntata;
  • A cosa serve?: nel filmato veniva mostrato un oggetto di uso non comune (spesso presente solo nei mercati esteri), e i concorrenti dovevano individuare il reale utilizzo dell’oggetto;
  • Balle spaziali: venivano fatte vedere quattro situazioni strane in giro per il mondo, spesso riguardanti mestieri curiosi ed invenzioni bizzarre. Il capitano della squadra doveva dire quali siano delle storie vere e quali delle false. La squadra conquistava una moltiplicazione per ogni risposta esatta;
  • Prova scritta: in questo gioco i concorrenti vedevano un filmato dopo il quale il presentatore poneva una domanda sulla situazione appena vista. Ogni concorrente rispondeva individualmente alla domanda. La squadra conquistava una moltiplicazione per ogni risposta esatta;
  • Ma che sta a dì?: veniva visionato un filmato con alcuni turisti stranieri che cercavano di dire una frase (spesso un proverbio in rima) in italiano. Man mano che passa il filmato la pronuncia dei turisti diventava sempre più intuibile. I filmati venivano registrati nelle città di Roma e Firenze;
  • Il mastro vetraio: registrato presso lo studio del mastro vetraio Raffaele Moretti a Venezia, dove l’artista realizzava ed eseguiva personaggi dei cartoni e dei fumetti con la tecnica della lavorazione del vetro a lume. I concorrenti dovevano indovinare quale personaggio stava prendendo forma.

Tra gli ospiti della prima edizione troviamo Fabio Fazio (ai tempi presentatore di Quelli che il calcio), Mino Damato, tra le varie partecipazioni quelle di Marisa Laurito e Carlo Pistarino, più la partecipazione esclusiva di Moana Pozzi, ospitata solo quattro giorni prima dall’annuncio della sua scomparsa, anche se le registrazioni furono effettuate tra giugno e luglio.

Ospiti della prima edizionemodifica | modifica sorgente

Puntata Data Ospiti
1
24 luglio 1994[1] Amadeus, Tony Binarelli, Gianfranco D'Angelo, Antonella Elia, Marisa Laurito, Alba Parietti, Carlo Pistarino e Nadia Rinaldi
2
31 luglio 1994[2] Massimo Boldi, Enzo Braschi, Gabriella Carlucci, Giucas Casella, Corinne Clery, Ombretta Colli, Milly D'Abbraccio e Davide Mengacci
3
7 agosto 1994[3] Angela Cavagna, Luana Colussi, Giobbe Covatta, Marisa Laurito, Giorgio Mastrota, Giampiero Mughini, Carlo Pistarino e Sergio Vastano
4
14 agosto 1994[4] Marco Balestri, Clarissa Burt, Gabriella Carlucci, Serena Grandi, Federica Moro, Carlo Pistarino, Corrado Tedeschi e Sergio Vastano
5
21 agosto 1994[5] Mino Damato, Natalia Estrada, Fabio Fazio, Enzo Iacchetti, Marisa Laurito, Franco Oppini, Federica Panicucci e Pamela Prati
6
4 settembre 1994[6] Tony Binarelli, Maurizio Ferrini, Laura Freddi, Enzo Iacchetti, Alessia Marcuzzi, Davide Mengacci, Andrea Roncato e Umberto Smaila
7
11 settembre 1994[7] Lello Arena, Massimo Boldi, Silvana Giacobini, Gabriella Golia, Susanna Messaggio, Franco Oppini, Moana Pozzi e Andrea Roncato

Seconda edizione (1995)modifica | modifica sorgente

Visto il successo ottenuto nella prima edizione, la seconda edizione de Il Quizzone veniva trasmessa dal 2 luglio al 10 settembre 1995, per un totale di undici puntate. La scenografia della trasmissione, sempre a cura di Francesca Montinaro, cambiava aspetto, anche se manteneva alcuni elementi del flipper. Anche le vallette della trasmissione cambiano; a capitanare le squadre c'erano Cristiana Pezzucchi per la squadra rossa e Fei Dracu per quella blu. Venne introdotta anche una terza valletta, Sara Abate, denominata “pallina”, che aveva il compito di portare i testi di alcuni giochi e le statistiche del gioco a Gerry Scotti.
Oltre ai giochi gia presenti nella prima edizione, venivano introdotti moltissimi giochi autoprodotti, e il numero di giochi per puntata saliva a diciotto. Alcuni giochi nuovi, come quello de “L'araba fenice”, restavano ancora tra i giochi preferiti e più ricordati del programma. I nuovi giochi introdotti in questa seconda edizione erano:

  • I Brambilla in vacanza: gioco nel quale i concorrenti dovevano individuare una città italiana in base ad una visita molto poco guidata dei coniugi Brambilla;
  • Prova culinaria: in questo gioco le squadre dovevano indovinare il reale utilizzo di un oggetto da cucina presentato dal cuoco, denominato da Scotti, “lo zozzone” (interpretato dall’attore Leo Valli);
  • L’araba fenice: il filmato di un oggetto che prende fuoco veniva mostrato al contrario. Bisognava indovinare quale oggetto stava risorgendo dalle proprie ceneri;
  • Il dipinto celato: anche in questo gioco il filmato veniva mostrato al contrario: infatti la valletta Sara Abate, vestita da pittrice, aveva imbrattato un famoso quadro con della vernice. Vedendo il filmato al contrario i concorrenti vedranno apparire pian piano i dettagli dello stesso. Come risposta esatta valeva dire o l’autore o il titolo dell’opera;
  • L’automobile: venivano mostrati i dettagli di un’automobile, della quale i concorrenti dovevano dire marca e modello. Per evitare pubblicità ai veicoli, venivano utilizzati modelli fuori produzione ed auto d’epoca;
  • Il bimbo-game: alcuni bambini di età compresa tra i 4 ed i 7 anni spiegavano a modo loro un oggetto, e i concorrenti dovevano indovinare il nome dell'oggetto;
  • L’epilogo: veniva mostrato il finale di una storia della quale i concorrenti dovevano intuire l’inizio;
  • La plastilina: gioco nel quale veniva formato un oggetto da pezzi di plastilina. Spesso l’oggetto diventava intuibile solo nelle ultime fasi di trasformazione;
  • Il libro: Gerry leggeva i passi di un libro del quale i concorrenti dovevano indovinare il titolo.

Tra gli ospiti di questa edizione, troviamo Massimo Boldi in qualità di ospite fisso presente a tutte le puntate del programma, ed altri ospiti curiosi per Il Quizzone come Vittorio Sgarbi, Sandro Paternostro, Bruno Lauzi (vincitore della puntata alla quale partecipò) e Ivana Spagna.

Ospiti della seconda edizionemodifica | modifica sorgente

Puntata Data Ospiti
1
2 luglio 1995[8] Martina Colombari, Leo Gullotta, Idris, Marta Marzotto, Alba Parietti, Veronica Pivetti, Vittorio Sgarbi e Massimo Boldi
2
9 luglio 1995[9] Gabriella Carlucci, Milly D'Abbraccio, Gabriella Golia, Marco Milano, Roberto Pregadio, Jo Squillo, Sergio Vastano e Massimo Boldi
3
16 luglio 1995[10] Aldo Agroppi, Paola Barale, Roberto Da Crema, Natalia Estrada, Marisa Laurito, Sandra Milo, Carlo Pistarino e Massimo Boldi
4
23 luglio 1995[11] Licia Colò, Federica Panicucci, Sandro Paternostro, Andrea Roncato, Gigi Sammarchi, Mago Silvan, Ivana Spagna e Massimo Boldi
5
30 luglio 1995 Tony Binarelli, Clarissa Burt, Rosanna Fratello, Franco Oppini, Maurizia Paradiso, Heather Parisi, Little Tony e Massimo Boldi
6
6 agosto 1995[12] Eleonora Brigliadori, Gino Cogliandro, Cristina D'Avena, Everardo Dalla Noce, Edoardo Romano, Patrizia Rossetti, Mirko Setaro e Massimo Boldi
7
13 agosto 1995[13] Elisabetta Ferracini, Bruno Lauzi, Annalisa Manduca, Gianni Mazza, Anna Mazzamauro, Davide Mengacci, Melba Ruffo e Massimo Boldi
8
20 agosto 1995[14] Enrica Bonaccorti, Sandro Ciotti, Everardo Dalla Noce, Lucrezia Lante della Rovere, Alessia Marcuzzi, Heather Parisi, Solange e Massimo Boldi
9
27 agosto 1995[15] Gigliola Cinquetti, Edwige Fenech, Laura Freddi, Stefano Masciarelli, Patrizia Rossetti, Zuzzurro e Gaspare, e Massimo Boldi
10
3 settembre 1995[16] Martina Colombari, Leo Gullotta, Amanda Lear, Valeria Marini, Davide Mengacci, Carlo Pistarino, Kay Sandvick e Massimo Boldi
11
10 settembre 1995[17] Roberta Capua, Sandro Ciotti, Nino Frassica, Franco Oppini, Marina Ripa di Meana, Yvonne Sciò, Iva Zanicchi e Massimo Boldi

Terza edizione (1996)modifica | modifica sorgente

Sostanziali novità erano presenti nella terza edizione de Il Quizzone, una fra tutte il giorno della messa in onda: non più la domenica ma il venerdì sera. Questa edizione, fu trasmessa per dieci puntate dal 12 luglio al 13 settembre 1996. Ad affiancare questa volta Gerry Scotti, non c'erano più vallette poco conosciute ma le già note Laura Freddi e Natalia Estrada, concorrenti nelle precedenti due edizioni del programma. Cambiavano anche gli autori: a Giancarlo Muratori si affiancavano Claudio Valentini e Stefano Magnaghi.
Proprio la presenza delle due showgirls dava spunto per numerosi divertenti siparietti con Gerry, introducendo la presenza di stacchetti ballati al rientro della pubblicità e vedendo l’aggiunta di un nuovo gioco, quello de “Il leitmotiv”, nel quale la Freddi e la Estrada eseguivano una coreografia diversa per puntata.
Cambiava di nuovo anche la scenografia, per l’ultimo anno a cura di Francesca Montinaro: lo studio era un’enorme spiaggia, l’entrata dei partecipanti rappresentava una cascata, le cabine erano degli scogli e le postazioni dei partecipanti erano a forma di moto d’acqua. Infine, sempre per la prima volta, cambiavano anche i colori delle squadre: si sfidavano infatti la squadra rossa (capitanata dalla Freddi) e la squadra gialla (capitanata dalla Estrada).
Alcuni giochi presenti nella precedente edizione non venivano più proposti, ed erano: “Il bimbo-game”, “La plastilina”, “L’epilogo”, “Il libro” e “Il dipinto celato”.
Altri giochi subivano invece delle lievi modifiche: il gioco de “I Brambilla in vacanza” diventava il gioco dei “Turisti per caso” con conseguente cambio di attori, come il gioco de “L’automobile” che diventava quello de "L'autovenditore", e vedeva la partecipazione dell’attore livornese Paolo Taradash nel ruolo del venditore Pinuccio. Alla classica manche del “Cosa stanno costruendo?” veniva affiancata la manche che Gerry introduce con “Accattateve illo”, che presentava un oggetto prodotto da artigiani napoletani. Inoltre, da questa edizione i concorrenti potevano prenotarsi alle domande solo dopo la comparsa di un semaforo verde.
Come per l’anno precedente, anche nella terza edizione venivano introdotti dei giochi nuovi, i quali erano:

  • Che anno era?: gioco nel quale i concorrenti dovevano individuare l’anno da filmati di eventi significativi italiani ed internazionali;
  • Il leitmotiv: in questo gioco veniva eseguito un balletto da Laura e Natalia. Questo balletto era ispirato da un famoso film o da una commedia musicale. Solo per questo gioco, Gerry non poneva ai concorrenti una domanda precisa ma erano loro stessi, una volta prenotati il balletto si interrompeva, che dovevano indovinare un particolare del film che Gerry voleva sapere (Es. che lavoro faceva la protagonista di Flashdance?);
  • Prova fotografica: la foto di un personaggio famoso resa molto sgranata veniva ingrandita e ne venivano mostrati i dettagli. I concorrenti dovevano indovinare il personaggio man mano che l’immagine diventava sempre più chiara;
  • L’ombra: in questo gioco veniva proiettata l’ombra di un oggetto da indovinare;

Visto l’enorme successo, questa edizione del programma era candidata ai Telegatti per la categoria Giochi e Quiz.

Ospiti della terza edizionemodifica | modifica sorgente

Puntata Data Ospiti
1
12 luglio 1996[18] Elisabetta Ferracini, Marisa Laurito, Alessia Marcuzzi, Enrico Papi, Heather Parisi, Francesca Reggiani, Andrea Roncato e Umberto Smaila
2
19 luglio 1996[19] Giorgio Bracardi, Giucas Casella, Carmen Di Pietro, Gianni Mazza, Sandra Mondaini, Brigitte Nielsen, Ambra Orfei e Fabio Testi
3
26 luglio 1996[20] Enrica Bonaccorti, Martina Colombari, Leo Gullotta, Lucrezia Lante della Rovere, Davide Mengacci, Franco Oppini, Enrico Papi e Maria Teresa Ruta
4
2 agosto 1996[21] Roberta Capua, Giuliano Gemma, Anna Mazzamauro, Ambra Orfei, Mino Reitano, Carmen Russo, Solange e Sergio Vastano
5
9 agosto 1996[22] Jo Champa, Gino Cogliandro, Marina Ripa di Meana, Edoardo Romano, Yvonne Sciò, Aldo Serena, Mirko Setaro e Miriana Trevisan
6
16 agosto 1996[23] Amadeus, Dario Ballantini, Paola Barale, Enrico Beruschi, Silvana Giacobini, Ambra Orfei, Adriano Panatta e Carlo Pistarino
7
23 agosto 1996[24] Giorgio Bracardi, Antonella Elia, Stefano Masciarelli, Guido Nicheli, Claudia Peroni, Cristina Quaranta, Gigi Sammarchi ed Edoardo Vianello
8
30 agosto 1996[25] Ambra Angiolini, Cristina D'Avena, Roberto Da Crema, Riccardo Fogli, Nino Frassica, Giorgio Mastrota, Marco Milano, e Federica Panicucci
9
6 settembre 1996[26] Tony Binarelli, Roberto Da Crema, Edwige Fenech, Leo Gullotta, Claudio Lippi, Lorenza Mario, Donatella Rettore e Paola Saluzzi
10
13 settembre 1996[27] Aldo Biscardi, Matilde Brandi, Gabriella Golia, Marisa Laurito, Claudio Lippi, Heather Parisi, Mino Reitano e Andrea Roncato

Quarta edizione (1997)modifica | modifica sorgente

La quarta edizione de Il Quizzone, che ritornava alla domenica sera, è forse quella che apportava più cambiamenti in termini di format di gioco. Presentata come sempre da Gerry Scotti, con la collaborazione della sola Laura Freddi, l’edizione 1997 vedeva un cambio di autori dopo la scomparsa di Giancarlo Muratori: con l’autore dell’edizione precedente Claudio Valentini c'erano Alvise Borghi e Ludovico Peregrini, il “signor no”, che spesso interpellato da Gerry ricopriva la stessa funzione. Cambiava lo scenografo, che era Eugenio Falascone, e le squadre invece diventavano blu e gialla.
Un cambio radicale lo troviamo nel sistema di attribuzione dei punti alle squadre: dopo tre anni scompariva lo storico “flipperone”, che veniva sostituito dalla presenza del Mago Raptus, al secolo Salvo Testa. Il mago, dopo un veloce trucco di carte, faceva sceglierne una al concorrente. La carta scelta rappresentava i punti che venivano attribuiti alla squadra. Le carte recavano dei valori minori rispetto ai punteggi del flipperone: 5, 10, 15, 20, 25 punti, la faccia blu dei zero punti e la faccia rosa che stavolta aveva il valore di 50 punti, moltiplicabili per il numero di risposte esatte. Le attribuzioni dei punti stavolta non venivano fatte in momenti casuali ma solo prima dei blocchi pubblicitari.
Cambiavano anche l’inizio e la fine del programma: venivano rimosse le prime due manche per la scelta dei capitani delle squadre e le stesse venivano già formate in precedenza dagli autori, tutte composte da due maschi e da due femmine, tranne per la puntata finale dove partecipavano tutte donne. Il penultimo gioco, quello che proclamava la squadra vincitrice, diventava il “Film giapponese con errori”, un gioco che può cambiare radicalmente la situazione del punteggio ottenuto in quel momento. I due finalisti della squadra che aveva vinto non giocavano più in una manche del “Cosa stanno costruendo?”, ma nel nuovo gioco finale intitolato “Lo spot”.
Cambiavano infine anche i premi per l’asino e per il vincitore complessivo: il primo doveva subire una penitenza del Mago Raptus e fargli da cavia per un gioco di magia, mentre il campione non vinceva più il trofeo del pulsantone d'oro ma un premio in natura: botti di vino, chili di caramelle, salami, caciocavalli ecc..
Anche i giochi di questa edizione subivano alcune modifiche:

  • Il gioco de “L’automobile” veniva sostituito da quello de “L'autorottamazione”, nel quale veniva mostrata la rottamazione di un’automobile al contrario;
  • La “Prova fotografica” veniva sostituita dal gioco de “Il personaggio mascherato”, nel quale un famoso vip maschile viene truccato da donna e viceversa. I concorrenti dovevano indovinare chi si cela sotto il trucco man mano che veniva tolto;
  • La “Prova culinaria” veniva presentata da Dario Ballantini nelle vesti di Ignazio La Russa;
  • La “Prova scritta” veniva trasformata in prova di squadra e permetteva di vincere solo una moltiplicazione;
  • Non è più presente a partire da questa edizione il gioco de “Il mastro vetraio”.

I giochi nuovi di questa edizione erano pochi rispetto alle precedenti edizioni, e sono:

  • Il gioco dei legami: manche presentata da Laura Freddi, che leggeva una serie di parole con un legame ben preciso che doveva essere individuato dai concorrenti;
  • Film giapponese con errori: gioco decisivo di ogni puntata nella quale i concorrenti visualizzano un film giapponese con dei bloopers, cioè gli errori di produzione all’interno del film (ad es. in una scena l’attore appariva senza giacca e un secondo dopo ce l’aveva addosso, oppure la scultura di un gatto che si trasformava in gatto vivo). Ogni errore individuato portava alla squadra un determinato numero di punti. Il massimo punteggio realizzabile variava di puntata in puntata, e va tra i 300 e i 400 punti;
  • Lo spot: gioco finale che decretava il campione, nel quale veniva mostrato uno spot curioso di un paese estero partecipante a La notte dei pubblivori. I due finalisti dovevano individuare cosa stava venendo pubblicizzato in tale spot.

La puntata del 7 settembre vedeva la presenza dell’attore americano Clayton Norcross e delle allora coppie Claudio Lippi-Luana Ravegnini e Andrea Roncato-Stefania Orlando, in gara in squadre opposte. Puntata curiosa fu quella successiva, del 14 settembre, dove si sfidarono contrapposti Ignazio La Russa e Dario Ballantini nelle vesti dello stesso politico. Ovviamente in quell’occasione il comico non partecipò alla manche culinaria in quanto registrata dallo stesso in precedenza.

Ospiti della quarta edizionemodifica | modifica sorgente

Puntata Data Ospiti
1
6 luglio 1997[28] Lello Arena, Paola Barale, Marino Bartoletti, Alessandro Cecchi Paone, Antonella Elia, Michelle Hunziker, Enzo Iacchetti e Pamela Prati
2
13 luglio 1997 Amadeus, Ferruccio Amendola, Elenoire Casalegno, Giucas Casella, Natalia Estrada, Gabriella Golia, Martufello e Laura Efrikian
3
20 luglio 1997[29] Fabio Galante, Gene Gnocchi, Marisa Laurito, Linus, Katia Noventa, Cristina Parodi, Tullio Solenghi e Wendy Windham
4
27 luglio 1997[30] Gabriella Carlucci, Gianni Fantoni, Leo Gullotta, Simona Izzo, Stefano Masciarelli, Monica Scattini, Syria e Ricky Tognazzi
5
3 agosto 1997[31] Alberto Castagna, Elisabetta Ferracini, Emanuela Folliero, Giampiero Galeazzi, Franco Oppini, Rita Pavone, Francesca Reggiani e Corrado Tedeschi
6
10 agosto 1997[32] Roberto Ciufoli, Francesca Draghetti, Tiziana Foschi, Marina Graziani, Pino Insegno, Roberta Lanfranchi, Luca Laurenti e Riccardo Rossi
7
17 agosto 1997[33] Dario Ballantini, Roberta Capua, Athina Cenci, Giampiero Ingrassia, Giorgio Mastrota, Francesca Rettondini, Gigi Sammarchi e Miriana Trevisan
8
24 agosto 1997 Alex Baroni, Matilde Brandi, Martina Colombari, Gioele Dix, Gigi Marzullo, Brigitte Nielsen, Francesco Paolantoni e Cristina Quaranta
9
31 agosto 1997[34] Cesara Buonamici, Giucas Casella, Rita Forte, Idris, Daniele Luttazzi, Cristina Quaranta, Riccardo Rossi ed Ela Weber
10
7 settembre 1997[35] Elisabetta Ferracini, Claudio Lippi, Susanna Messaggio, Demo Morselli, Clayton Norcross, Stefania Orlando, Luana Ravegnini e Andrea Roncato
11
14 settembre 1997 Dario Ballantini, Licia Colò, Anna Falchi, Ignazio La Russa, Davide Mengacci, Franco Oppini, Federica Panicucci e Paola Perego
12
21 settembre 1997[36] Paola Barale, Matilde Brandi, Roberta Capua, Valeria Marini, Rita Pavone, Natasha Stefanenko, Simona Ventura e Lina Wertmuller

Quinta edizione (1998)modifica | modifica sorgente

Se per le precedenti edizioni de Il Quizzone ci furono solo dei leggeri cambiamenti da edizione in edizione, l’edizione 1998 era quella della rivoluzione totale. Il programma passò da Canale 5 ad Italia 1; cambiavano: il periodo di trasmissione (che veniva mandata in onda in primavera), il giorno di messa in onda (il martedì) e soprattutto cambiava il presentatore, il quale era Amadeus, con la partecipazione di Laura Freddi e Dario Ballantini.
Il sistema di gioco cambiava ancora una volta: tornava la slot machine, stavolta elettronica che assegna alle squadre un massimo di 3 punti (raffigurante nella faccina rosa felice, di cui ogni faccia valeva un punto) ed un minimo di 0 (raffigurante invece nella faccina blu triste). La slot veniva azionata solo da Amadeus e i punti venivano assegnati dopo ogni gioco.
Venivano aboliti dei giochi storici presenti in tutte le edizioni precedenti, i quali erano: le “Balle spaziali”, “L’automobile” e i “Turisti per caso”.
La maggior parte delle prove, che un tempo venivano fatte scritte, ora si giocavano al pulsante (come la “Prova culinaria” o le stranezze dal mondo), la prova del “Che anno era?” non vedeva più i filmati dell’epoca ma solo i fatti dell’anno raccontati da Dario Ballantini nelle vesti di Paolo Limiti. Lo stesso Ballantini/Limiti, nelle prime puntate, presentava un gioco chiamato “La canzone misteriosa”, l'unico nuovo dell’anno assieme al “Gioco dei mimi” presente solo nelle prime puntate. Ritornava dopo tre anni “Il bimbo-game”, gioco nel quale bisognava individuare l’oggetto descritto da alcuni bambini. Le prove al pulsante che Gerry Scotti chiamava “push push”, nell’edizione di Amadeus prendevano il nome di “fast push”.
Il gioco finale diventava quello del “Film giapponese con errori”, con un punteggio massimo di cinquanta punti, ed inoltre non esisteva una finale per proclamare vincitore un giocatore singolo ma veniva proclamata vincitrice l’intera squadra. Infine, rimaneva comunque il titolo dell’asino della serata per il peggior concorrente.
Solo in questa edizione, la squadra blu era composta da donne, mentre quella gialla da uomini. Nelle ultime tre puntate, per la prima volta ad Il Quizzone, si avevano anche squadre composte da personaggi non famosi.
Tutti questi cambiamenti portavano il programma ad un inevitabile calo di ascoltatori. La trasmissione chiudeva dopo otto puntate (all’inizio della stagione ne furono previste dieci) il 16 giugno 1998.

Ospiti in "Due Squadre" della quinta edizionemodifica | modifica sorgente

Puntata Data Squadra blu Squadra gialla
1
14 aprile 1998 Elisabetta Ferracini, Loretta Goggi, Ellen Hidding e Iva Zanicchi Marco Columbro, Marco Liorni, Gerry Scotti e Gianmarco Tognazzi
2
21 aprile 1998 Paola Barale, Federica Panicucci, Alba Parietti e Susana Werner Beppe Bergomi, Fabio Galante, Gianluca Pagliuca e Ronaldo
3
28 aprile 1998 Natalia Estrada, Marisa Laurito, Cristina Quaranta ed Ela Weber Pippo Baudo, Martufello, Francesco Paolantoni e Andrea Roncato
4
12 maggio 1998 Barbara Bouchet, Carmen Russo, Wilma De Angelis e Catherine Spaak Enzo Jannacci, Giorgio Mastrota, Tullio Solenghi e Gabriel Garko
5
19 maggio 1998 Tosca D'Aquino, Michelle Hunziker, Alessia Merz e Natasha Stefanenko Claudio Brachino, Emilio Carelli, Idris e Marco Liorni
6
26 maggio 1998 Le mamme degli avversari Stefano Bettarini, Maria Teresa Ruta, Valerio Staffelli e Simona Ventura
7
2 giugno 1998 Afef Jnifen, Eleonora Brigliadori, Anna Falchi e Cristina Parodi I fratelli delle avversarie
8
16 giugno 1998 Vigilesse del traffico di Bergamo Vigili del fuoco di Roma

Facce da quizmodifica | modifica sorgente

Facce da quiz
Anno 2001
Genere Gioco a quiz
Durata 120 min
Produttore R.T.I.
Presentatore Gigi Sabani con Alessia Mancini ed Ellen Hidding
Regia Giancarlo Giovalli
Rete Canale 5
Mediaset Extra (repliche 2014)

Nel 2001 lo stesso schema di gioco de Il Quizzone tornava in una formula rinnovata: trattasi di Facce da quiz, presentato da Gigi Sabani con Alessia Mancini ed Ellen Hidding. Al gioco partecipavano sempre otto concorrenti vip, non più contraddistinti da un colore preciso di squadra ma dalla valletta di appartenenza. L’autore dei testi era Davide Tortorella con Max Novaresi e Peppi Nocera. Lo scenografo era lo stesso delle ultime due edizioni dell'originale, Eugenio Falascone, mentre la regia era di Giancarlo Giovalli.
Se il regolamento del gioco era pressoché identico, il momento del moltiplicatore di Facce da quiz era leggermente diverso da quello del programma originale: protagoniste erano le ragazze del corpo di ballo che portavano dei giacchetti neri sotto i quali erano nascosti i punteggi da 0 a 100. I concorrenti, scegliendo la ragazza, vincevano il punteggio nascosto. A differenza delle prime edizioni de Il Quizzone, a Facce da quiz anche i 100 punti venivano moltiplicati per il numero di risposte esatte date nel blocco di giochi.

Tanti erano i giochi ripresi dal programma originale, ma con piccole variazioni o con il solo cambio di titolo:

  • L'oggetto in costruzione (o il “Cosa stanno costruendo?”), diventava “Lavori in corso”;
  • Il “Ma che sta a dì?” (che stavolta era uno scioglilingua) si intitolava “La dica una frase a Firenze”;
  • Il gioco de “L’araba fenice” diventava invece “La prova del fuoco”;
  • Infine, “Il leitmotiv” cambiava nome in “Il balletto interrotto”, cambiato solo nel fatto che ad essere ballato era un medley di un famoso cantante.

I restanti giochi, tutti autoprodotti, erano:

  • Piccoli Giotto: gioco nel quale i concorrenti dovevano individuare un oggetto di uso comune disegnato da alcuni bambini di età prescolare;
  • Il mottovolante: in questo gioco Giorgio Mastrota (sostituito in alcune occasioni da Marco Predolin o Guido Meda) cercava di dire un proverbio mentre viaggiava su una montagna russa del parco di Mirabilandia. Il proverbio risultava molto disturbato sia per le urla dello stesso Mastrota che per quelle degli altri passeggeri;
  • Cosa bolle in pentola?: gioco nel quale i concorrenti dovevano indovinare il nome del piatto che stava venendo cucinato, vedendo gli ingredienti e le fasi di cottura dello stesso;
  • Robe da Pizzi: Nilla Pizzi, presente ad ogni puntata in studio, cantava una sua famosa canzone cambiandone il testo nella trama di un film del quale i concorrenti dovevano indovinare il titolo;
  • Il galateo: in questo gioco, alla quale i concorrenti dovevano rispondere alla lavagnetta, veniva visualizzato un filmato con protagonisti Cinzia Leone e Giorgio Vignali, nel quale l’ultimo commetteva parecchi errori di galateo che puntualmente indispettiscono la sua compagna. I concorrenti dovevano indovinare i cinque errori di galateo commessi da Vignali. Ogni errore individuato portava alla squadra un determinato punteggio. Ogni filmato, infine, si concludeva sempre con i due protagonisti che si lasciavano;
  • La canzone di Fiorella: con la partecipazione dell’allora annunciatrice di Canale 5 Fiorella Pierobon, che raccontava una canzone come se fossero gli annunci dei programmi. I concorrenti dovevano individuare il titolo esatto della canzone;
  • La battutaccia: gioco alla lavagnetta nel quale un pesonaggio famoso (spesso del mondo dello sport), faceva una domanda ai concorrenti la cui risposta doveva essere una battuta. Riceveva un punto chi forniva la risposta esatta alla battuta;
  • Il cucuzzaro: Alessia ed Ellen interpretavano due colf che stanno facendo le pulizie a casa di un vip. In base agli indizi forniti i concorrenti dovevano capire a casa di chi sono;
  • Il vestirello: a rotazione, una delle due vallette della trasmissione effettuava uno spogliarello che poi veniva mandato al contrario. Le ragazze si vestivano da personaggio storico che doveva essere individuato dai concorrenti;
  • Quando la moglie è in vacanza: sempre a rotazione, una delle due vallette era immersa in una vasca piena di schiuma e sta parlando al telefono con un’amica della vacanza appena trascorsa. Dagli indizi forniti i concorrenti dovevano capire di quale località si trattava;
  • I sensi vietati: gioco fatto in studio, nel quale Sabani diceva alla squadra una parola straniera che in italiano potrebbe sembrare una parola con un doppio senso. I concorrenti potevano domandare, alla propria capitana di squadra, delle domande alle quali lei poteva rispondere solo con un si o con un no. Il compito dei concorrenti era quello di trovare la traduzione giusta alla parola fornita. Conquistava il punto la squadra che riusciva ad indovinare la propria parola nel minor tempo possibile.

L’unico gioco non autoprodotto di questa riedizione era “Campioni di balle”, che fungeva da ultimo gioco a squadre. I filmati da gioco erano ripescati dai vecchi archivi de Il Quizzone, e ricalcava le regole della manche delle “Balle spaziali”. Nella versione di Facce da quiz però ogni risposta esatta valeva cento punti, per un massimo realizzabile di 400 punti.
A questo punto veniva proclamata la squadra vincitrice, ed i due concorrenti migliori di tale squadra si sfidano nel gioco finale, chiamata “L’inchiesta”. In questo gioco i finalisti, uno per uno, dovevano stilare una classifica di dieci personaggi, presenti su schede magnetiche, secondo una classifica effettuata da DataMedia (ad es. La vip peggio vestita oppure Il maggiordomo ideale). Il finalista, partendo dal decimo posto che gli viene dato, doveva ricomporre la classifica in maniera esatta dal nono al primo posto, però ogni volta che sbagliava le schede magnetiche precipitavano ed era costretto a ricominciare da capo. Ogni concorrente aveva a disposizione tre minuti di tempo. Veniva proclamato “Faccia da quiz” il finalista che riusciva a posizionare più personaggi al posto esatto.
Il campione di Facce da quiz portava a casa un “premio in natura” (un prosciutto, una mortadella o un cesto di salumi), invece a differenza de Il Quizzone non veniva proclamato il concorrente peggiore (o l'asino della serata).
In seguito agli attentati alle Torri Gemelle di New York dell'11 settembre, l’ultima puntata di Facce da quiz non veniva trasmessa nella sua regolare collocazione del venerdì sera ma andò in onda domenica 16 settembre alle ore 17.45, ma poi viene cancellato dal palinsesto televisivo di Canale 5 assieme a Il Quizzone proprio a causa sua e il suo posto lo lasciò alla prima puntata della nuova edizione di Buona Domenica, condotta da Maurizio Costanzo che verrà trasmessa il 23 settembre.

Ospiti in "Due Squadre" di Facce da quizmodifica | modifica sorgente

Puntata Data Squadra di Alessia Squadra di Ellen
1
6 luglio 2001 Gerry Scotti, Michelle Hunziker, Amanda Lear e Alessandro Cecchi Paone Claudio Lippi, Elenoire Casalegno, Afef Jnifen e Giorgio Mastrota
2
13 luglio 2001 Amadeus, Valeria Marini, Cristina Quaranta e Marco Balestri Massimo Boldi, Roberta Capua, Samantha De Grenet e Marco Columbro
3
27 luglio 2001 Amanda Lear, Cinzia Leone, Sandra Mondaini e Maria Amelia Monti Alba Parietti, Paola Perego, Rossella Brescia e Luisa Corna
4
10 agosto 2001 Elisabetta Ferracini, Angela Melillo, Antonella Mosetti e Miriana Trevisan Marino Bartoletti, Cesare Cadeo, Gigi Marzullo e Maurizio Mosca
5
17 agosto 2001 Mario Cipollini, Fabio Galante, Stefan Schwoch e Carlton Myers Natalia Estrada, Natasha Stefanenko, Filippa Lagerbäck e Nina Morić
6
24 agosto 2001 Daniela Bello, Alessia Fabiani, Silvia Toffanin e Vincenza Cacace Lorenzo Ciompi, Maurizio Aiello, Roberto Farnesi e Maurizio Zamboni
7
7 settembre 2001 Antonella Elia, Maria Teresa Ruta, Milena Miconi e Antonella Mosetti Sara Ricci, Mavi Felli, Veronica Logan e Donatella Pompadour
8
16 settembre 2001 Alba Parietti, Giorgio Mastrota, Natalia Estrada e Valeria Marini Tiziana Foschi, Pino Insegno, Roberto Ciufoli e Francesca Draghetti

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Gerry Scotti chiamava le fabbriche, dalle quali veniva presentato l’oggetto misterioso, con il nome di “Scotti Enterprises”, spesso indicando come suoi soci altri componenti dello staff del programma.
  • Ogni gioco veniva introdotto dalla frase tormentone “OCIO CHE ARRIVA!”, modificato solo per il gioco de “L’araba fenice” (ocio che brusa!) o quello del “Ma che sta a dì?” (orecio che arriva!).
  • La musica di sottofondo dei filmati fu, in tutte le edizioni de Il Quizzone, l’ouverture dell'opera Carmen, del compositore francese Georges Bizet; essa veniva ufficialmente applicata nei seguenti giochi: nel “Cosa stanno costruendo?”, ne “L’araba fenice”, ne “Il mastro vetraio” e nel gioco de “L’ombra”. Gli altri giochi avevano invece, come sottofondo, musiche originali del maestro Luca Orioli.
  • Memorabile fu la scena, trasmessa più volte da Paperissima (ma tagliata dalla trasmissione originale), nella quale Laura Freddi durante il balletto di 9 settimane e mezzo fa cadere addosso il pannello dietro al quale eseguiva lo spogliarello.
  • Nella puntata del 19 maggio 1998, fu per la prima volta Amadeus ad eseguire il balletto del gioco de “Il leitmotiv” (ispirato a Full Monty), mentre Laura Freddi presentò la manche.
  • Nella prima puntata del 1998 Gerry Scotti, nella sua prima volta come concorrente al programma, fece vedere un montaggio con tutte le risposte peggiori di Amadeus dalle sue partecipazioni del 1994 e del 1997.
  • Dalla quarta edizione furono introdotte le sigle cantate al posto delle musiche originali del maestro Orioli: nel 1997 si trattava de "Il Geghegè" e, nel 1998, di "Save a little prayer for you", entrambe cantate da Laura Freddi, mentre nel 2001 la sigla di Facce da quiz fu "Quelli belli come noi", cantata da tutto il cast.
  • Inizialmente assieme ad Alessia Mancini, a Facce da quiz doveva esserci Laura Freddi. Convocata da Maurizio Costanzo a presentare nel settembre dello stesso anno Buona Domenica, rinunciò al ruolo.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  2. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  3. ^ CANALE 5: IL QUIZZONE''
  4. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  5. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  6. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  7. ^ CANALE 5: ULTIMA PUNTATA DE ''IL QUIZZONE''
  8. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  9. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  10. ^ CANALE 5: DOMANI TERZA PUNTATA DEL ''QUIZZONE''
  11. ^ CANALE 5: SPAGNA, LICIA COLO' E SILVAN AL QUIZZONE
  12. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  13. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  14. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  15. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  16. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  17. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  18. ^ CANALE 5: DOMANI PRIMA PUNTATA DEL ''QUIZZONE''
  19. ^ CANALE 5: DOMANI SECONDA PUNTATA DEL QUIZZONE
  20. ^ CANALE 5: 'IL QUIZZONE'
  21. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  22. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  23. ^ CANALE 5: VENERDI' ''IL QUIZZONE''
  24. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  25. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  26. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  27. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  28. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''
  29. ^ CANALE 5: DOMANI TERZA PUNTATA DEL 'QUIZZONE'
  30. ^ Senza Titolo - il Tirreno dal 1997.it » Ricerca
  31. ^ CANALE 5: CASTAGNA E FERRACINI OSPITI A ''IL QUIZZONE''
  32. ^ Senza Titolo - il Tirreno dal 1997.it » Ricerca
  33. ^ http://storico.crol.it/downloadPdf.asp?url=%2Fdownload%2F140488199%2FLP26%2Epdf
  34. ^ CANALE 5: I PROTAGONOSTI DEL 'QUIZZONE' DEL 31 AGOSTO
  35. ^ CANALE CINQUE: I PROTAGONISTI DEL QUIZZONE DEL 7 SETTEMBRE
  36. ^ CANALE 5: ''IL QUIZZONE''

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione







Creative Commons License