Il campione (film 1931)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il campione
Titolo originale The Champ
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1931
Durata 87 min
Colore B/N
Audio sonoro Mono (Western Electric Sound System)
Rapporto 1.37:1
Genere drammatico
Regia King Vidor (non accreditato)
Soggetto Frances Marion
Sceneggiatura Leonard Praskins, Wanda Tuchock e, non accreditato, Don Marquis
Produttore King Vidor e, non accreditati, Harry Rapf, Irving Thalberg e William M. Weiss
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated) (A King Vidor Production)
Distribuzione (Italia) MGM (1934)
Fotografia Gordon Avil
Montaggio Hugh Wynn
Scenografia Cedric Gibbons
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il campione è un film del 1931, diretto da King Vidor.

È un melodramma toccante che ebbe grande successo commerciale e di critica. Nel 1932 vinse due premi Oscar, per il miglior attore (Wallace Beery) e il miglior soggetto. Nello stesso anno fu presentato a Venezia alla prima edizione della Mostra del cinema.

Tramamodifica | modifica sorgente

Il protagonista è un ex pugile divorziato che regala al suo bambino un cavallo ribattezzato 'Little Champ'. La madre incontra casualmente il bambino e chiede al marito di poterlo tenere con sé. A malincuore, il pugile acconsente e riprende gli allenamenti per un faticoso rientro nello sport agonistico. Il suo avversario si rivela troppo forte e il combattimento si rivelerà fatale al protagonista che perderà la vita dopo una soffertissima vittoria, davanti agli occhi del figlio.

Produzionemodifica | modifica sorgente

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) (controlled by Loew's Incorporated) (A King Vidor Production).

Distribuzionemodifica | modifica sorgente

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 21 novembre 1931.

Doppiaggiomodifica | modifica sorgente

Il film fu doppiato a Roma negli studi della MGM di via Maria Cristina 5 , nel 1933 con la voce di Jackie Cooper affidata ad una giovane Rina Morelli ad uno dei suoi primi lavori nel doppiaggio.[1]

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Remakemodifica | modifica sorgente

Nel 1979 il film ebbe un discusso remake dall'omonimo titolo, diretto da Franco Zeffirelli, con Jon Voight e Faye Dunaway come protagonisti. Il soggetto del film di Zeffirelli è tratto dalla storia originale del 1931 di Frances Marion.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ La parola ripudiata a cura di Mario Quargniolo, La Cinetaca del Friuli, 1989

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License