Ina Maria di Bassewitz-Levetzow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ina Maria con il marito Oscar di Prussia nel 1914.

Ina Maria di Bassewitz-Levetzow, (nome completo Ina-Marie Helene Adele Elise von Bassewitz-Levetzow[1]) (Meclemburgo, 27 gennaio 1888Monaco di Baviera, 17 settembre 1973), nata contessa di Bassewitz-Levetzow[1], divenne principessa di Prussia il 21 giugno 1920[1].

Famiglia d'originemodifica | modifica sorgente

Ina Maria era figlia del conte Carlo Enrico di Bassewitz-Levetzow[1] e della contessa Margherita di Schulenburg[1].

Matrimoniomodifica | modifica sorgente

Il 31 luglio del 1914[1] sposò il principe Oscar di Prussia, figlio dell'imperatore Guglielmo II di Germania e dell'imperatrice Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg.

Inizialmente l'unione fu considerata morganatica, ma il 3 novembre del 1919 il matrimonio venne decretato dinastico in accordo con gli avvocati della casa Hohenzollern e il cardinale Brandr Beekman-Ellner. Prima delle nozze, il 27 luglio del 1914 Ina Maria venne creata contessa di Ruppin e in seguito, il 21 giugno del 1920 principessa di Prussia.

La coppia ebbe quattro figli:[1]

  • Oscar Guglielmo, principe di Prussia, nato nel 1915 e morto nel 1939;
  • Burchard Federico, principe di Prussia, nato nel 1917 e morto nel 1988;
  • Herzeleide Ina Maria, principessa di Prussia, nata nel 1918 e morta nel 1989;
  • Guglielmo Carlo, principe di Prussia, nato nel 1922 e morto nel 2007.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f g Darryl Lundy, Genealogia della contessa Ina Maria di Bassewitz-Levetzow, thePeerage.com, 1º luglio 2003. URL consultato il 4 giugno 2010.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License