Italo Pietra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Italo Pietra (Godiasco, 3 luglio 1911Ponte Nizza, 5 settembre 1991) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ha partecipato come ufficiale di complemento degli Alpini alla campagna d'Abissinia e alla guerra d'Albania. Con il nome di battaglia “Edoardo” ha partecipato alla resistenza nell’Oltrepò, divenendo prima ispettore delle brigate garibaldine, poi comandante delle diverse divisioni della zona.

Ha collaborato a Iniziativa socialista, Mercurio, Critica sociale, Avanti!. È stato per molti anni inviato dell' L'Illustrazione Italiana e del Corriere della Sera. Ha diretto Il Giorno dal gennaio 1960 al giugno 1972 e Il Messaggero dal maggio 1974 al giugno 1975.

Ha scoperto e lanciato molti giornalisti divenuti famosi, tra i quali: Natalia Aspesi, Bernardo Valli, Giorgio Bocca[1] e Tiziano Terzani[2].

È autore di I grandi e i grossi (1973), Il Paese di Perpetua (1975), Moro, fu vera gloria? (1983), I tre Agnelli (1985)

Stimato anche all'estero[3]. Morì dopo lunga malattia nel 1991 a Ponte Nizza, suo paese da sempre, dove il comune gli ha dedicato una piazza e un museo[4].

Riposa nel piccolo cimitero della frazione di Pizzocorno.

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente


Decorazionimodifica | modifica sorgente

  • Grand'ufficiale al merito della Repubblica Italiana

Conferimento 27/12/1962


  • Medaglia commemorativa delle operazioni in Africa orientale ruolo combattenti


  • Medaglia commemorativa della guerra 1940-1943


  • Medaglia commemorativa della guerra di liberazione nazionale 1943-1945

Operemodifica | modifica sorgente

  • Mattei. La pecora nera, Milano, SugarCo, 1987
  • E adesso Craxi, Milano, Rizzoli, 1990

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Italo Pietra-Giorgio Bocca, Repubblica, 10 luglio 1997
  2. ^ Tiziano Terzani, La fine è il mio inizio
  3. ^ Italo Pietra, Ex-Partisan Commander, die, The New York Times, 6 settembre 1991
  4. ^ Piazza e museo dedicati a Pietra, Corriere della sera, 18 novembre 2007

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Predecessore Direttore del Giorno Successore
Gaetano Baldacci dal 1º gennaio 1960 al 12 giugno 1972 Gaetano Afeltra
Predecessore Direttore del Messaggero Successore
Alessandro Perrone 29 maggio 1974 - 22 giugno 1975 Luigi Fossati


Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie







Creative Commons License