Ivan Egorovič Starov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Egorovič Starov

Ivan Egorovič Starov (in russo: Иван Егорович Старов[?]; San Pietroburgo, 1745San Pietroburgo, 1808) è stato un architetto russo.

Fece i suoi primi studi a Mosca, poi all'Accademia delle Arti di San Pietroburgo fino al 1762; dal 1762 al 1768 si recò a Parigi e a Roma.

Tornato in patria fu nominato accademico nel 1769 e, nel 1785, professore. Nei suoi primi lavori, a Bogorodicka e Bobriki, (governatorato di Tula) e a Nikolskoe-Gagarino, nei dintorni di Mosca si ispirò al gusto barocco. In seguito, sulle orme dell'architetto italiano Giacomo Quarenghi acquisì un gusto più classico, precursore e fonte di riferimento di quell'architettura neoclassica che si sviluppò sotto Alessandro I.

Dal 1774 lavorò alla ricostruzione della Lavra di Alessandro Nevskij dal 1778 al 1790. Le sue opere più famose restano il palazzo Pella, nei dintorni di San Pietroburgo e il palazzo di Tauride costruito per ordine di Caterina II di Russia per il principe Potëmkin, eroe di Crimea, dal 1783 al 1789. L'edificio fu in seguito sede del Parlamento russo dal 1905 al 1917. Negli ultimi anni ebbe la direzione e il controllo di uno dei più importanti monumenti del classicismo russo, la cattedrale del Monastero della Santa Vergine di Kazan', costruita da Andrej Voronichin.

Operemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 45678666








Creative Commons License