Ivan Tisci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Tisci
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1993-1994 Genoa Genoa 1 (0)
1994-1995 Cosenza Cosenza 3 (0)
1994 Ospitaletto Ospitaletto 10 (1)
1995-1996 Savoia Savoia 28 (2)
1996-1997 Sora Sora 30 (1)
1997-1999 Pescara Pescara 39 (1)
1999 Vicenza Vicenza 6 (0)
1999 Pescara Pescara 0 (0)
1999-2000 Savoia Savoia 18 (1)
2000-2002 Pescara Pescara 42 (7)
2002-2003 Lanciano Lanciano 29 (5)
2003-2004 Avellino Avellino 45 (8)
2004-2007 Modena Modena 85 (5)
2007 Crotone Crotone 13 (1)
2007-2008 Foggia Foggia 21 (4)
2008-2009 Paganese Paganese 12 (4)
2009-2010 Lanciano Lanciano 15 (4)
2009 Avellino Avellino 13 (0)
2010 Sambonifacese Sambonifacese 13 (0)
2012- Cervia Cervia  ? (4)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ivan Tisci (Genova, 22 marzo 1974) è un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Esordisce in Serie A il 12 dicembre 1993 con la maglia del Genoa in Genoa-Foggia (1-4).

In seguito milita nel Pescara in Serie B, prima di tornare a giocare in Serie A nel Vicenza nel 1999 (6 presenze).

Successivamente gioca in cadetteria nel Savoia, ancora col Pescara e poi con Modena, Crotone, Foggia, Paganese e Lanciano.

Nell'agosto 2009 firma un contratto con l'Avellino Calcio.12.[1] Per il centrocampista si tratta di un ritorno, dopo aver già vestito la maglia biancoverde nella stagione 2003-2004 agli ordini di Zdenek Zeman.

Il 4 gennaio 2010 passa alla Sambonifacese firmando un contratto fino al 30 giugno 2010 con opzione per la stagione successiva.[2]

Si ritira il 2 giugno 2011 in un'amichevole disputatasi a Milano Marittima, giocando in una partita con ex calciatori come Christian Vieri e personaggi del mondo dello spettacolo.[3]

Tuttavia nel 2012, dopo i problemi dovuti all'inchiesta sul calcioscommesse, torna a giocare firmando con il Cervia nel locale campionato di Promozione.

Dirigentemodifica | modifica sorgente

Il 2 maggio 2011 ha ottenuto la qualifica di direttore sportivo[4].

Scandalo calcio-scommessemodifica | modifica sorgente

Il 1º giugno 2011 viene inserito nel registro degli indagati nell'ambito dello scandalo calcio-scommesse[5]. Secondo gli inquirenti sarebbe stato il riscossore dei soldi della puntata di Taranto-Benevento[6]. Decide poi a luglio di patteggiare la pena di un anno di squalifica.

All'alba del 28 maggio 2012, a un anno di distanza dall'altro scandalo che lo aveva coinvolto, viene arrestato nell’ambito dell’operazione condotta dalla procura di Cremona, denominata Last Bet, sempre relativa al calcio-scommesse. A Tisci sono contestate intercettazioni telefoniche che dimostrerebbero i contatti del calciatore con la cosiddetta banda degli ungheresi, gruppo che gestiva illegalmente le scommesse.[7]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Tisci e Tarquini all'Avellino, Avellinocalcio12.it, 27-08-2009.
  2. ^ IVAN TISCI E' ROSSOBLU'!, Sambonifacese.it, 04-01-2010.
  3. ^ Una partita tra vip per il ritiro di Ivan Tisci.
  4. ^ Diplomati a Coverciano 56 nuovi direttori sportivi settoretecnico.figc.it
  5. ^ Scandalo scommesse, indagato Quadrini del Sassuolo ilrestodelcarlino.it, 2 giugno 2011
  6. ^ L’offerta (respinta) per l’Hellas e quel piano su Pellissier corrieredelveneto.corriere.it, 2 giugno 2011
  7. ^ Calcio - Operazione Last Bet, arrestati anche Tisci e Pellicori

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License