Jacopo Alessandro Calvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacopo Alessandro Calvi (Bologna, 23 febbraio 1740Bologna, 15 maggio 1815) è stato un pittore e letterato italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

La sua parziale sordità gli procurò il soprannome di Sordino. Fu apprendista nella bottega di Giuseppe Varotti dal 1750 e studiò dal 1752 nell'Accademia del Nudo di Bologna. Influenzato da Giampietro Zanotti e dalla pittura della tradizione bolognese, dal 1756 al 1762 frequentò i corsi del Varotti nella Pontificia «Accademia Clementina» di Bologna, dove egli stesso insegnò pittura dal 1773 al 1804 quando, mutata dal Regno d'Italia in Accademia nazionale, fu suo socio onorario.

Nel 1763 fece parte dell'«Accademia degli Indomiti» di Bologna e nel 1766, con il nome di Felsineo Macedonico, di quella romana. Nel 1770 sposò Laura Borgagnoni, dalla quale ebbe cinque figli.

Come pittore, fu inizialmente influenzato dal Creti e dei fratelli Ubaldo e Gaetano Gandolfi ma passò poi a una concezione accademica della pittura. Numerosi furono i suoi viaggi di studio: nel 1774 visitò Firenze e Siena, nel 1781 Venezia, Treviso, Bassano e Padova, nel 1783 Reggio Emilia e Parma per approfondire la conoscenza di Correggio e del Parmigianino.

Numerose le sue tele nelle chiese di Bologna e nella parrocchiali della provincia – ad Anzola, Ceretolo, Crevalcore, Medicina, Minerbio, Monghidoro, ecc. Un suo Autoritratto è conservato nella Pinacoteca Nazionale di Bologna.

Tra i suoi allievi si contano Luigi Basiletti, Antonio Maria Crescimbeni e Pietro Fancelli.

Scrittimodifica | modifica sorgente

  • Versi e prose sopra una serie di eccellenti pitture posseduta dal marchese F. Hercolani, Bologna 1780
  • Vita di Mauro Tesi, Bologna 1787
  • Commento sulla vita e le opere dei fratelli Gandolfi, 1802
  • Notizie della vita e delle opere del cavalier Giovan Francesco Barbieri, Bologna 1808
  • Memoria della vita e delle opere di F. Raibolini, detto il Francia, Bologna 1812
  • Corso di lezioni sull'arte della pittura, Bologna 1815

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • G. B. Grilli Rossi, Vita di Jacopo Alessandro Calvi, Bologna 1825
  • E. Busmanti, Jacopo Alessandro Calvi, Bologna 1989
  • R. Viola, La pittura di Jacopo Alessandro Calvi, Università di Bologna 1996
  • Alberto Macchi, Irene Parenti, pittrice e poetessa fiorentina vissuta nella seconda metà del XVIII secolo: atto unico teatrale fra realtà e ipotesi/ prefazione di Angela Sołtys, Aetas, Roma 2006 (Note)







Creative Commons License