Jacques Charles Brunet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacques Charles Brunet (Parigi, 2 novembre 178014 novembre 1867) è stato un bibliografo francese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un libraio, fu educato immerso in un'atmosfera impregnata di cultura e sin da giovane venne attratto dalla bibliografia.

Nel 1802 pubblicò un supplemento al Dictionnaire bibliographique de livres rares (1790) di Charles Pinot Duclos e Cailleau, ottenendo un buon successo.

Sulla scia dei buoni risultati editoriali riscossi, nel 1810 diede alle stampe la prima edizione del suo Manuel du libraire et de l'amateur des livres (3 vol. divenuti 6 nell'edizione del 1860), che divenne ben presto, grazie al rigore e al metodo innovativo, uno standard imitato nel tempo.

Tra i suoi lavori seguenti si annoverarono le Nouvelles Recherches bibliographiques (1834), le Notices sur les différentes éditions des Heures gothiques, le Notices sur deux anciens romans, intitulés <<Les chroniques de Gargantua>> e le Recherches bibliographiques et critiques sur les éditions originales des cinq livres du roman satirique de Rabelais (1852).

La notorietà di Brunet è però soprattutto dovuta al nuovo sistema di classificazione bibliografica, detto "sistema Brunet", introdotto nel sesto tomo del Manuel du libraire che venne utilizzato da molte biblioteche europee.[1] La classificazione proposta da Brunet prese spunto da quella già esistente di Marchand (1706), perfezionata poi successivamente dal libraio Martin nel 1711, ampliandola sia al livello di suddivisione sia per altri elementi di metodo. La necessità della nuova classificazione venne prepotentemente alla ribalta con i continui sviluppi del mondo delle scienze e della ricerca che imponevano discipline innovative. Il Brunet suddivise lo scibile umano in cinque grandi classi, Teologia, Giurisprudenza, Scienze e Arti, Belle lettere e Storia, ognuna delle quali si ripartiva in categorie e queste ultime in divisioni.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.II, pag.457

Controllo di autorità VIAF: 56650915 LCCN: n83227305

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie







Creative Commons License