Jesualdo Ferreira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jesualdo Ferreira
Jesualdo Ferreira.jpg
Dati biografici
Nome Manuel Jesualdo Ferreira
Nazionalità Portogallo Portogallo
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore
Squadra Braga Braga
Carriera
Carriera da allenatore
1981-1982 Rio Maior
1982-1984 Torreense Torreense
1984-1985 Academica Académica
1984-1986 Atletico de Portugal Atlético de Portugal
1986-1990 Torreense Torreense
1990-1992 Estrela Amadora Estrela Amadora
1995-1996 FAR Rabat FAR Rabat
1996-2000 Portogallo Portogallo U-21
2000-2001 Alverca Alverca
2001-2003 Benfica Benfica
2003-2006 Braga Braga
2006-2010 Porto Porto
2010 Malaga Málaga
2010-2012 Panathinaikos Panathinaikos
2013 Sporting CP Sporting CP
2013- Braga Braga
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Manuel Jesualdo Ferreira (Mirandela, 6 giugno 1946) è un allenatore di calcio portoghese, attualmente alla guida del Braga.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Nel 1982 Ferreira iniziò la sua carriera da allenatore alla guida del Rio Maior dove anonime prestazioni non gli consentirono di affermarsi tra i grandi del calcio portoghese.

La svolta arrivò due anni più tardi quando l'iberico, giunto ai quarant'anni, si sedette sulla panchina dell'Académica de Coimbra. Il campionato fu concluso dalla squadra al settimo posto della Superliga portoghese e questo piazzamento gli consentì di sedersi sulla panchina del Torreense per ben quattro anni (1986-1990).

Nella stagione 1990-91 venne chiamato alla guida dell'Estrela da Amadora, dove trovò come assistente tecnico un José Mourinho alle prime armi. La stagione si concluse con una retrocessione nella Liga de Honra.

Dopo una parentesi durata circa un anno (1995-96) tra le file della FAR Rabat, Ferreira tornò in Portogallo e gli venne assegnato l'incarico di allenare la Nazionale di calcio del Portogallo Under-21.

Nella stagione 2000-2001 riuscì a non far retrocedere l'FC Alverca e venne messo sotto contratto dal Benfica come allenatore in seconda al fianco di José Antonio Camacho.

Nell'Aprile del 2003 Ferreira venne chiamato alla guida dello Sporting Braga, portandola in soli due anni a lottare per lo scudetto, con le squadre portoghesi più blasonate, con l'aiuto dell'attaccante brasiliano Wender. Quindi l'allenatore riuscì a far piazzare lo Sporting Braga al 5º posto nel 2003-04 e al 4º posto per due anni consecutivi (2004-05 e 2005-06).

Fu poi contattato per il rilancio in campionato del Boavista, ma Ferreira firmò un contratto che lo portò allo Estádio do Dragão alla guida del Porto. Grazie anche all'amicizia di lunga data con il presidente Pinto da Costa, l'allenatore ebbe a disposizione una squadra formata da molti fuoriclasse: Ricardo Quaresma, Anderson, Pepe, Ernesto Farias, Lucho Gonzalez, Raul Meireles, Paulo Assunção, José Bosingwa e Lisandro López. Nel 2006-07, 2007-08 e 2008-09 ha condotto la squadra a vincere la Superliga portoghese, raccogliendo anche ottimi risultati in Champions League. In questi anni il Porto ha sempre raggiunto la fase finale della competizione, ottenendo come miglior piazzamento il raggiungimento dei quarti di finale, dove il Porto è stato eliminato dal Manchester United nel 2008-2009.

Dopo una stagione non brillante con un terzo posto finale in campionato, il 26 maggio 2010 risolve consensualmente il contratto con il Porto. Il 28 giugno si lega con il Malaga. L'avventura del tecnico portoghese in Andalusia non è molto fortunata e ai primi di novembre, dopo sole nove giornate di campionato, è esonerato a causa degli scarsi risultati ottenuti. Si accasa poi al Panathinaikos per sostituire Nikos Nioplias. Lascia la squadra ellenica il 14 novembre 2012.

Poco dopo viene ingaggiato dallo Sporting Lisbona in un ruolo dirigenziale. Il 7 gennaio 2013 assume il ruolo di allenatore a seguito dell'esonero di Franky Vercauteren. Il successivo 20 maggio annuncia però le sue dimissioni dalla guida dello Sporting a causa dei deludenti risultati ottenuti.

Nel maggio 2013 viene ingaggiato dal Braga come nuovo allenatore per rilanciare la squadra dopo una deludente stagione che ha portato la squadra a non qualificarsi per la Champions League 2013-2014, diventando il primo allenatore ad allenare la squadra per due volte sotto la presidenza di António Salvador.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Porto: 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009
Porto: 2008-2009
Porto: 2006, 2009

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License