Jimeno II Garcés di Navarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jimeno II Garcés
Co-regnante di Pamplona[1]
In carica 1025 - 1031
Predecessore Sancho I Garcés
Successore García I Sánchez
Nome completo Jimeno Garces di Navarra
Nascita ca. 882
Morte 931
Padre Garcia II Jiménez
Madre Dadildis di Pallars
Consorte Sancha Aznárez
Figli García Jiménez
Sancho Jiménez
Dadildis Jiménez
Munia (o Nunilo) Jiménez

Jimeno Garcés Jimeno anche in spagnolo, in galiziano, in aragonese e in portoghese, Ximeno in catalano e in basco (882 circa – 29 maggio 931) , fu reggente per il nipote, García I Sánchez, ma fu l'effettivo re di Pamplona della dinastia Jimena, dal 925 al 931.

Originemodifica | modifica sorgente

Figlio secondogenito del co-regnante e poi reggente di Pamplona García II Jiménez e della sua seconda moglie, secondo il codice di Roda[2], Dadildis di Pallars, sorella del conte di Ribagorza, Raimondo I di Pallars, nipote del conte Raimondo I di Tolosa. Jimeno era il fratello del primo re della dinastia Jimena, Sancho I Garcés.[3]

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo che suo padre, nell'882, alla battaglia di Lumbier, combattuta conto l'emiro di Cordova, Muḥammad I ibn ʿAbd al-Raḥmān, in cui morì il re di Pamplona, Garcia I Iñiguez[3], fu sconfitto, come co-regnante (nel Codice di Roda[2] è citato come regnante) del re di Pamplona, Fortunato, da poco liberato dai Mori dalla prigione di Cordova, fu sostituito dal suo fratellastro, Íñigo II Garcés.

Jimeno, all'inizio del X secolo, sposò Sancha Aznárez (ca. 885-970), figlia di Aznar Sánchez, signore di Larraun, e di Oneca Fortúnez, la figlia del re Fortunato, la sorella di sua cognata, Toda Aznárez. I loro discendenti furono dunque della dinastia Jimena, da parte di padre e della famiglia Arista per parte di madre.

Regno di Navarra
Jiménez
Blason Royaume Navarre.svg

Sancho I
Jimeno II
García I
Sancho II
García II
Sancho III
García III
Sancho IV

Sancho V

Pietro I

Alfonso I

García IV

Sancho VI

Sancho VII

Modifica

Quando il fratello, Sancho I Garcés, morì, nel 925, divenne reggente, assieme alla cognata Toda Aznárez, per il nipote García I Sánchez, assumendo però il titolo regale (il codice di Roda[2] lo annovera tra i re di Pamplona). Di quel periodo, ci sono pervenuti due documenti in cui Jimeno è nominato con il titolo di re: uno è una donazione al Monastero di San Pedro di Siresa e l'altro è una donazione al Monastero di San Martíno di Albelda, dell'11 gennaio 931[3].

Mantenne il titolo sino alla morte, avvenuta il 29 maggio 931, secondo il codice di Roda[2][3].
Alla sua morte la cognata Toda nella reggenza fu affiancata, sino al 933, dal fratellastro di suo marito, Íñigo II Garcés e poi la mantenne, da sola, sino al 934.

Discendenzamodifica | modifica sorgente

Jimeno e Sancha ebbero quattro figli:[3][2]

Ebbe anche un figlio illegittimo:

  • García Jiménez, che morì a Cordova.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ In realtà Jimeno avrebbe dovuto essere solo reggente per il nipote, García I Sánchez, che al momento della successione era solo un bambino, ma si comportò da sovrano e in due documenti è ricordato come tale.
  2. ^ a b c d e Il codice di Roda, compilato nel X secolo con qualche aggiunta dell'XI secolo, si occupa della storia e delle genealogie del periodo alto-medioevale della zona a cavallo dei Pirenei, quindi soprattutto regno di Navarra e Marca di Spagna.
  3. ^ a b c d e (EN) Dinastie reali di Navarra

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Predecessore Re di Navarra Successore Escudo de Navarra (oficial).svg
Sancho I Garcés 925931 García I Sánchez







Creative Commons License