Chyna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Joanie Laurer)
Chyna
Fotografia di {{{nome}}}
Nome Chyna
Ring name Chyna[1]
Chyna Doll[1]
Joanie Laurer[1]
Joanie Lee[1]
Just Joanie[1]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Rochester, New York[1][2]
27 dicembre 1970[1][3]
Residenza Los Angeles, California
Altezza dichiarata 1.78[4][5] cm
Peso dichiarato 82[6] kg
Allenatore Killer Kowalski[1][3]
Debutto 1995[1][7]
Progetto Wrestling

Joan Marie "Joanie" Laurer, oggi Chyna[8] (Rochester, 27 dicembre 1970), è una wrestler, ex culturista, attrice pornografica e attrice statunitense, nota per aver lottato nella World Wrestling Federation (WWF) tra il 1997 ed il 2001, dove era conosciuta con il ring name Chyna ed era soprannominata La Nona Meraviglia del Mondo (l'ottava era André The Giant).[9] Iniziò la propria carriera nella WWF come guardia del corpo di Triple H, ma i due si fidanzarono presto anche nella vita reale.[9] Entrambi erano membri della D-Generation X, stable di cui fecero parte anche diversi altri wrestler.[9].

Chyna fu la prima donna della WWF a lottare, a tempo pieno, nella divisione maschile. Fu inoltre la prima ad aggiudicarsi un posto all'interno della Royal Rumble, al torneo King of the Ring e a competere per il WWE Championship. Nel 1999, diventò la prima - e finora unica - donna a vincere il WWE Intercontinental Championship: riuscì nell'impresa per due volte.[9] In una circostanza, si aggiudicò anche il WWE Women's Championship, prima di lasciare la compagnia nel 2001. Il suo contratto non fu infatti rinnovato e si ritiene che, una delle ragioni, potesse essere anche il suo ormai concluso rapporto romantico con Triple H: quest'ultimo, infatti, era ormai sentimentalmente impegnato con Stephanie McMahon, figlia del proprietario della federazione Vince, e che la donna non volesse concorrenti in amore alla WWE.[9] Ufficialmente, lasciò il mondo del wrestling nel 2004, ma rientrò a farne parte nel 2011, con un breve stint nella Total Nonstop Action (TNA).

Fuori dal mondo del wrestling, Chyna apparse per due volte sulla rivista Playboy, oltre che in numerosi film e show televisivi. Nel 2005, partecipò al reality show The Surreal Life, che la portò a lavorare ancora per la stessa rete televisiva, nello spin-off The Surreal Life: Fame Games (2007) e in Celebrity Rehab with Dr. Drew (2008). È conosciuta anche per la relazione con Sean Waltman e i due furono protagonisti di un filmato hard amatoriale, che fu poi messo in vendita nel 2004 con il titolo 1 Night in China. A seguito del buon successo riscosso dal video, a partire dal 2011 intraprende una vera e propria carriera da pornostar recitando nel film porno Backdoor to Chyna.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Gli inizimodifica | modifica sorgente

Chyna nacque a Rochester, da Janet e Joe Laurer.[2][10] Ha due fratelli maggiori: Kathy e Sonny.[10] I genitori divorziano quando Chyna aveva circa quattro anni e si ritrovò ad avere, nel corso del tempo, tre patrigni e una matrigna.[10] Secondo quanto dichiarato dalla Laurer, uno dei suoi patrigni arrivò a minacciare il suicidio[10] mentre il padre biologico, che una volta colpì accidentalmente sua moglie con un coltello da pane, ebbe problemi con l'alcol.[2] Tra il 1973 ed il 1983, Chyna e la sua famiglia si trasferirono diverse volte.[2]

Da bambina, suonò sia il violino che il violoncello.[11] All'età di circa dodici anni, Chyna raccontò d'essere stata baciata da un insegnante molto più anziano.[12] Mentre frequentava la Penfield High School, a tredici anni, Chyna soffrì di bulimia.[13] Lasciò casa a sedici anni, quando sua madre tentò di obbligarla a ricoverarsi in una clinica di riabilitazione dalla droga, piuttosto che permetterle di andare a vivere con il padre biologico.[14] Nello stesso anno, sviluppò un tumore alle ovaie, ma non se ne accorse poiché i suoi muscoli erano già molto forti.[12] Concluse le scuole superiori in Spagna.[9] Frequentò poi l'Università di Tampa.[15] In seguito, entrò nei Corpi di Pace e fu assegnata al Guatemala.[16]

Una volta rientrata dall'estero, svolse diversi lavori: fu una cameriera in uno strip club, cantante di un gruppo musicale e lavorò in una chat line a pagamento.[17] In seguito, svolse un corso di sei settimane per diventare assistente di volo.[18] Mentre si stava dirigendo all'aeroporto per il primo volo, fu coinvolta in un incidente stradale e rimase in ospedale per quattro giorni.[19] Si ruppe la caviglia, il naso, subì lacerazioni al volto ed ebbe problemi alla schiena.[19] Dopo aver recuperato, lavorò con la sorella come venditrice di cercapersone, ma nel frattempo erano entrambe anche danzatrici del ventre.[20]

Terminato il college, Chyna cominciò a partecipare a concorsi di fitness. Nel 1996, fece parte di uno di questi, riservato alla zona di New York.[6] A causa delle sue dimensioni fisiche, molto superiori a quelle delle altre donne, terminava spesso i concorsi all'ultimo posto.[6]

Allenamento e circuito indipendente (1995-1997)modifica | modifica sorgente

Chyna si allenò alla palestra di wrestling di Killer Kowalski, a Malden, diventando la prima allieva femminile.[3][9] Nel 1995, sostenne il primo incontro: il suo avversario fu un uomo vestito da donna.[21] Mentre frequentava la scuola di Kowalski, lottò nel circuito indipendente con il nome di Joanie Lee.[22][23] Alcuni dei suoi primi match, furono preparati da The Fabulous Moolah.[23][24]

La Laurer incontrò Triple H e Shawn Michaels, stelle della WWF, al termine di uno show professionistico di wrestling del 1996.[25][26] I due, dopo averne visto alcuni video, decisero di portarla nella WWF e lanciarla come guardia del corpo.[25][26] Vince McMahon, inizialmente, non voleva metterla sotto contratto poiché riteneva che il pubblico non considerasse credibile un incontro tra un uomo e una donna.[26][27] Mentre attendeva una risposta dalla WWF, la Laurer fu contattata dalla World Championship Wrestling (WCW), che voleva farne l'unico membro femminile del New World Order.[28] Inizialmente accettò quest'offerta, ma ci ripensò quando Shane McMahon gli confidò che stava per essere assunta nella WWF.[28] Kowalski, suo ex allenatore, dichiarò d'aver permesso la sua assunzione in WWF, riferendo a Shane McMahon dell'interessamento della WCW nei confronti della ragazza.[29]

World Wrestling Federation (1997-2001)modifica | modifica sorgente

D-Generation X (1997-1999)modifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi D-Generation X.
Chyna come rinforzo della
D-Generation X.

Vince McMahon cambiò così idea e decise di assumere la Laurer, che debuttò in federazione il 16 febbraio 1997, in occasione del pay-per-view In Your House 13: Final Four; il suo personaggio si trovava tra i tifosi, a bordo ring, per poi tentare di strangolare Marlena, che faceva la valletta di Goldust, impegnato in un incontro con Triple H.[30] Il suo ruolo iniziale fu quello di rinforzo e guardia del corpo di Triple H prima e di tutta la D-Generation X poi. Aiutò spesso Triple H (all'epoca, un heel in rampa di lancio) ad ottenere delle vittorie, spesso interagendo fisicamente con i suoi avversari e colpendoli con degli illegali low blow.[30] Le fu successivamente scelto il nome Chyna: si tratta di un gioco di parole, tra la delicata e fragile porcellana (in inglese, fine china) e l'aspetto duro del suo personaggio.[31] Lontano dalle telecamere, comunque, i wrestler di sesso maschile erano titubanti nel concedere spazio in video ad una donna dal fisico così potente.[32]

A gennaio 1999, Chyna fu il trentesimo partecipante alla Royal Rumble, diventando così la prima donna di sempre a partecipare all'incontro.[9] Fu però eliminata da Steve Austin.[33] Il giorno successivo, Chyna effettuò un turn heel e si schierò dalla parte di Vince McMahon e Kane, tradendo Triple H, abbandonando la D-Generation X.[26] Fece coppia con Kane al pay-per-view St. Valentine's Day Massacre, vincendo la sfida contro gli ex alleati Triple H e X-Pac.[26] A WrestleMania XV, Chyna attaccò Kane con una sedia, mentre questi era impegnato in un match contro Triple H; la ragazza sembrò così in procinto di riunirsi alla D-Generation X.[26][34] Triple H e Chyna, invece, tradirono la stable attaccandone il membro X-Pac, impegnato in una sfida contro Shane McMahon, e costandogli la vittoria.[34] Il duo entrò così in una nuova formazione, chiamata The Corporation,[9] e successivamente nel Corporate Ministry. Quando quest'ultima stable si sciolse, Chyna restò al fianco di Triple H.

Titolo Intercontinentale (1999-2000)modifica | modifica sorgente

A giugno 1999, Chyna diventò la prima donna a partecipare al torneo King of the Ring: eliminò Val Venis, per poi essere sconfitta da Road Dogg.[26] Fu la prima donna a diventare sfidante al WWE Championship, ma perse questa possibilità prima di SummerSlam 1999, contro Mick Foley.[26] Successivamente, nello stesso anno, effettuò un turn face nel corso del feud con Jeff Jarrett. Ebbe una possibilità per il WWE Intercontinental Championship ad Unforgiven 1999, ma fu Jarrett ad imporsi.[35] Vinse il titolo, però, in quello che fu l'ultimo incontro di Jarrett nella federazione, a No Mercy: diventò la prima e finora unica donna a vincere questa cintura.[36][37] Chyna si guadagnò anche i servigi della valletta dello sconfitto, Miss Kitty. Chyna dichiarò che Jarrett ricevette da Vince McMahon la somma di 300.000 dollari per perdere in maniera pulita contro una donna.[38] Il 16 ottobre successivo, il suo contratto giunse alla scadenza e Chyna non ebbe obblighi per apparire al pay-per-view seguente.[39] La sua presenza era però annunciata per il pay-per-view e, nel caso in cui non si fosse fatta vedere, la federazione sarebbe stata contestata per pubblicità ingannevole.[40]

Chyna allora cominciò un feud con Chris Jericho, battendolo a Survivor Series 1999, ma perse il titolo ad WWE Armageddon.[41][42] I due si sfidarono ancora nell'edizione di SmackDown! del 28 dicembre, in una sfida che si concluse in maniera controversa, con i lottatori che si schienarono l'un l'altro. Per questo, Stephanie McMahon-Helmsley sfruttò la propria autorità per dichiararli entrambi detentori della cintura.[43] Alla Royal Rumble 2000, Jericho e Chyna furono chiamati a difendere il titolo in un Triple Threat Match che vedeva coinvolto anche Hardcore Holly: fu Jericho ad uscirne vincitore.[44] Successivamente, Chyna e Jericho fecero brevemente squadra.

Alleanza con Eddie Guerrero, titolo femminile e addio (2000-2001)modifica | modifica sorgente

Chyna ed Eddie Guerrero al King of the Ring 2000.

Non molto tempo dopo aver perso il titolo intercontinentale, Chyna diventò la fidanzata di Eddie Guerrero, all'interno degli show. I due, originariamente heel, effettuarono un turn face nell'estate 2000, con Guerrero che la definì sua Mamacita.[45] La coppia affrontò Val Venis e Trish Stratus in un match di coppia, con il titolo intercontinentale in palio.[46] Chyna vinse l'incontro, ma perse la cintura due settimane più tardi in favore di Guerrero, in un Triple Threat Match che vide coinvolto anche Kurt Angle.[47] Chyna ed Eddie Guerrero si separarono ufficialmente a novembre 2000, quando la ragazza sorprese il suo fidanzato sotto la doccia, in compagnia di altre due donne.[48]

Nello stesso periodo, Chyna posò per Playboy.[5] Questo servizio fu portato anche sugli schermi della WWE, con Chyna che fu coinvolta in una storyline assieme ai Right to Censor, stable di wrestler moralmente conservatori e piuttosto rigidi. Poco dopo, iniziò un feud con un Ivory, ragazza che faceva parte dei Right to Censor e che era detentrice della cintura femminile. La rivalità culminò con un match alla Royal Rumble 2001, nel corso del quale Chyna s'infortunò al collo nel tentativo di eseguire un handspring back elbow.[49] L'infortunio faceva parte della kayfabe e, nell'ordine di convincere il pubblico, anche il commentatore Jerry Lawler si alzò dalla sua postazione ed andò a sincerarsi delle condizioni di Chyna: l'ultima volta che accadde una cosa del genere, si trattò dell'incidente che portò alla morte di Owen Hart.[49] Chyna tornò dal suo "infortunio" dopo qualche tempo e vinse il titolo di Ivory a WrestleMania X-Seven in uno squash match.[50] Difese poi il titolo dall'assalto di Lita, a Judgment Day.[51] Nonostante quest'affermazione, il titolo di Chyna fu reso vacante dalla WWE e riassegnato; questo fu l'ultimo incontro di Chyna nella federazione.[9] Il suo contratto si avviava verso la scadenza e la WWE non glielo rinnovò, ufficialmente per ragioni di carattere economico.[9] Come detto, però, tanti credono che alla base di questa scelta ci fosse la volontà di Stephanie McMahon (ormai impegnata con Triple H nella vita di tutti i giorni) di allontanare un'ex rivale in amore.[9] Lasciò la WWE in data 30 novembre 2001, ma non appariva negli show televisivi già da molti mesi.[52]

Ritorno al circuito indipendente e ritiro (2001-2004)modifica | modifica sorgente

La carriera della Laurer lontana dalla WWE fu breve. Nel 2002, entrò a far parte della New Japan Pro Wrestling (NJPW) e fu l'arbitro speciale dell'incontro tra gli Steiner Brothers e il tag team costituito da Hiroshi Tanahashi e Kensuke Sasaki, nel corso delle celebrazioni per il trentesimo anno della federazione.[52] Tra settembre e ottobre dello stesso anno, disputò quattro match per la federazione.[52] Dopo aver perso contro Masahiro Chono, in data 14 ottobre, disputò l'ultimo incontro facendo coppia con il falso Great Muta, ma i due furono sconfitti da Hiroshi Tanahashi e Kenzo Suzuki.[52] La Laurer raggiunse anche un accordo con la Total Nonstop Action (TNA), ma non poté rispettare il contratto a causa di una polmonite.[53]

Total Nonstop Action (2011)modifica | modifica sorgente

Il 3 maggio 2011, mentre si registrava la puntata di Impact! del 12 maggio, Chyna effettuò il suo debutto nella TNA, venendo introdotta da Mick Foley. Venne presentata come socia d'affari di Kurt Angle, nonché suo tag team partner in vista del match di Sacrifice, dove avrebbero affrontato Jeff Jarrett e Karen Angle. Nelle stesse registrazioni, partecipò ad una Battle Royal dove fu eliminata da Jarrett.[54][55][56] Secondo quanto riportato, Chyna non firmò alcun contratto con la TNA, ma si limitò ad apparire alle registrazioni sulla base di una stretta di mano.[57] A Sacrifice, Chyna portò la vittoria al suo team, sottomettendo Karen Angle.[58]

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Le protesi mammarie di Chyna furono fatte su misura per lei, dopo che le prime si ruppero nel corso di un match di wrestling.[59] Si lamentò anche con il chirurgo plastico, sostenendo che le loro protesi più grandi non erano accettabili, considerato ciò che desiderava.[59] Questi impianti furono successivamente commercializzati con il nome Chyna 2000s, un modello di protesi particolarmente adatto per le culturiste.[59][60] La Laurer dichiarò d'aver pagato 6.000 dollari per quest'intervento.[11]

Chyna e Triple H.

Dal 1996 al 2000, fu fidanzata con il wrestler Paul Michael Levesque, noto come Triple H.[9] Inizialmente, nascosero la loro relazione agli addetti ai lavori, poiché la Laurer temeva che essi potessero pensare che "si fosse conquistata la carriera con il letto".[61] I due vissero assieme per qualche tempo.[4] Agli inizi del 2003, ebbe invece una relazione tumultuosa con Sean Waltman, noto come X-Pac. I due si fidanzarono e si lasciarono diverse volte, fino al 2005. Nel 2004, girarono un filmato hard amatoriale che fu poi messo in vendita con il titolo 1 Night in China.[62] Il video vendette oltre 100.000 copie e una percentuale dei profitti andò sia a Waltman che alla Laurer .[62] Quest'ultima, però, dichiarò di non aver ricevuto soldi per il video.[53] A gennaio 2005, la Laurer fu arrestata per violenza domestica, avendo presumibilmente picchiato Waltman.[63] A partire dal 2011 intraprende una vera e propria carriera da pornostar recitando nei film porno Backdoor to Chyna, Chyna is Queen of the Ring, e The Avengers XXX: A Porn Parody (dove interpreta il ruolo di She-Hulk nella parodia porno del celebre fumetto Marvel).

Dopo aver lasciato la WWE, la Laurer non poté utilizzare il nome Chyna poiché si trattava di un marchio registrato dalla federazione.[60] Per questo, iniziò a farsi chiamare Chynna Doll nelle sue apparizioni pubbliche.[63] A novembre 2007, presentò i documenti per cambiare legalmente il suo nome in Chyna.[8]

Titoli e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

International Wrestling Federation

  • IWF Women's Championship (1)

Pro Girls Wrestling Association

  • Rookie of the Year (1996)

Pro Wrestling Illustrated

  • 106° tra i 500 migliori wrestler (2000)

World Wrestling Federation

Playboy

  • Cover Girl (novembre 2000)

Nel wrestlingmodifica | modifica sorgente

  • Signature moves
    • Handspring back elbow
    • Jawbreaker
    • Low blow
    • Powerslam
  • Soprannomi
    • "The Ninth Wonder of The World"
  • Musiche d'ingresso
    • Break it Down della DX Band (utilizzata come parte di D-Generation X)
    • No Chance in Hell di Jim Johnston (utilizzata come parte di The Corporation)
    • My Time della DX Band (utilizzata quando faceva team con Triple H)
    • Who I Am di Jim Johnston

Titoli e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

  • International Wrestling Federation
    • IWF Women's Championship (1)
  • Ladies International Wrestling Association
    • Rookie of the Year (1998)
  • Professional Girl Wrestling Association
    • Rookie of the Year (1996)
  • Pro Wrestling Illustrated
    • Nel 2000 questa rivista ha inserito Joan al 106º posto della classifica "PWI single wrestler 500": i migliori 500 del wrestling.

Apparizionimodifica | modifica sorgente

Librimodifica | modifica sorgente

Filmmodifica | modifica sorgente

Film pornograficimodifica | modifica sorgente

Televisionemodifica | modifica sorgente

Chyna nei videogiochimodifica | modifica sorgente

Chyna è apparsa in 5 videogiochi:

  1. WWF Attitude per Game Boy Color nel Marzo 1999
  2. WWF Wrestlemania 2000 per Nintendo 64 nell'ottobre 1999
  3. WWF SmackDown! per PS1 nel Marzo 2000
  4. WWF No Mercy per Nintendo 64 nel Novembre 2000
  5. WWF SmackDown 2: Know Your Role per PS1 nel Novembre 2000

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f g h i (DE) Chyna, cagematch.de. URL consultato il 27 luglio 2012.
  2. ^ a b c d Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 34-36.
  3. ^ a b c Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 145-148.
  4. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 5-6.
  5. ^ a b (EN) The real Chyna revealed, slam.canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  6. ^ a b c Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 225-228.
  7. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. p. 184.
  8. ^ a b (EN) Copia del documento del cambiamento del nome, aolcdn.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m Giovanni Pantalone, Chyna, tuttowrestling.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  10. ^ a b c d Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 31-32, 79.
  11. ^ a b (EN) The parent's guide to WWF, thefreelibrary.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  12. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 98-99.
  13. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 63.
  14. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 74-75, 77.
  15. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 122, 127.
  16. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. p. 130.
  17. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 18-19.
  18. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 15-16.
  19. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 22-23.
  20. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 138-139.
  21. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 184.
  22. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 178.
  23. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 203.
  24. ^ Lillian Ellison, The Fabulous Moolah: First Goddess of the Squared Circle, ReaganBooks, 2003, p. 203.
  25. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 207-213.
  26. ^ a b c d e f g h Triple H and Chyna (1999). It's Our Time (VHS). World Wrestling Federation.
  27. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 215.
  28. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 338-341.
  29. ^ (EN) Killer Kowalski slams Chyna's book, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  30. ^ a b Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 259, 269.
  31. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 289.
  32. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 274.
  33. ^ (EN) Rumble Match, wwe.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  34. ^ a b (EN) Austin wins title at WM15, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  35. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 311.
  36. ^ (EN) The truth about Chyna, thesun.co.uk. URL consultato il 27 luglio 2012.
  37. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 299.
  38. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 314.
  39. ^ (EN) Chyna's book for fans only, canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  40. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 316.
  41. ^ (EN) Booking blows Survivor Series, canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  42. ^ (EN) Steph betrays Vince at Armageddon, canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  43. ^ (EN) Intercontinental Championship - Chris Jericho, wwe.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  44. ^ (EN) Rocky wins the Rumble, canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  45. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 7-8.
  46. ^ (EN) Stunts highlight SummerSlam, canoe.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  47. ^ (EN) Intercontinental Championship - Eddie Guerrero, wwe.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  48. ^ (EN) Eddie Guerrero, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  49. ^ a b (EN) Surprises dominate Rumble 2001, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  50. ^ (EN) Austin turns heel at WM X-Seven, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  51. ^ (EN) Triple H loses, Austin wins at J-Day, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  52. ^ a b c d (EN) Chyna, onlineworldofwrestling.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  53. ^ a b (EN) Joanie 'Chyna' Laurer Interview: Talks about leaving WWE, HHH & more, wrestleview.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  54. ^ (EN) TNA News: Impact SPOILERS from Tuesday's Impact taping - big re-branding, debut, two returns, Sacrifice matches, pwtorch.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  55. ^ (EN) SPOILERS: TNA Impact taping for May 12, wrestleview.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  56. ^ (EN) CALDWELL'S TNA IMPACT REPORT 5/12: Complete "virtual-time" coverage of big reveals, final PPV hype, battle royal main event, pwtorch.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  57. ^ (EN) TNA News: TMZ report & Impact SPOILERS - Chyna's contract status, reportedly has contract offer from other promotion, pwtorch.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  58. ^ (EN) CALDWELL'S TNA SACRIFICE PPV RESULTS 5/15: Complete "virtual time" coverage of live PPV - Sting vs. RVD, four title matches, Chyna PPV return, pwtorch.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  59. ^ a b c Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 94-97.
  60. ^ a b (EN) Fine dining and Chyna at Prego, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.
  61. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 277.
  62. ^ a b (EN) Sex, Lawsuits and Celebrities Caught on Tape, nytimes.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  63. ^ a b (EN) Chyna over the edge, slam.ca. URL consultato il 27 luglio 2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 117316041 LCCN: n00049313








Creative Commons License