Joaquim Marques Lisboa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il marchese di Tamandaré, 1873

Joaquim Marques Lisboa , Marchese di Tamandaré (Rio Grande, 13 dicembre 1807Rio de Janeiro, 20 marzo 1897) è stato un militare brasiliano. Partecipò alle lotte per l'indipendenza del Brasile e alla repressione delle rivolte scoppiate durante l'Impero del Brasile. Salito fino al grado di ammiraglio della marina brasiliana, ebbe un notevole ruolo nella guerra della Triplice Alleanza.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un capitano della milizia, sull'esempio del padre Joaquim Marques Lisboa si arruolò a 15 anni come volontario, come praticante pilota, sulla fregata Niterói, al comando dell'ammiraglio John Taylor, partecipando agli scontri contro i portoghesi nelle acque di Bahia.[1]

Iscrittosi all'Accademia Navale, ne dovette presto uscire per combattere sotto il comando di Lord Cochrane nelle acque nord-orientali del Brasile; distintosi nelle azioni navali, completò in seguito brillantemente i suoi studi militari.[2]

Allo scoppio della Guerra Cisplatina fece grande mostra di coraggio quando, catturato in Patagonia, riuscì a fuggire e prendere possesso di una nave nemica fino a tornare in territorio brasiliano. In seguito fu protagonista nelle operazioni di repressione delle sollevazioni succedutesi in varie zone del paese.[1]

In qualità di capitano ricevette nel 1848 il comando della prima nave mista (a vela e vapore) della marina da guerra brasiliana, la fregata Don Alfonso; con essa partecipò a due grandi operazioni di salvataggio in mare, ricevendone importanti riconoscimenti dai governi di Gran Bretagna, Stati Uniti d'America e Portogallo. Promosso vice-ammiraglio nel 1856, Marques Lisboa fu inoltre nominato Barone di Tamandaré da Pietro II nel 1860.[1]

Comandante delle forze navali del Río de la Plata, nel 1864 prese parte all'invasione brasiliana dell'Uruguay durante la crisi che avrebbe portato allo scoppio della guerra della Triplice Alleanza, occupando i porti di Salto e Paysandú, da dove scese a Montevideo per appoggiare la sollevazione di Venancio Flores. Dopo la dichiarazione di guerra del presidente paraguaiano Francisco Solano López fu l'artefice del blocco navale del fiume Paraguay; comandò in seguito la flotta brasiliana nella vittoriosa battaglia di Riachuelo.

Promosso ammiraglio nel 1867, lasciò il comando della flotta e fu nominato marchese; di sentimenti monarchici, poco dopo la proclamazione della Repubblica del Brasile si ritirò, mantenendo solo l'incarico al Tribunale Militare Supremo, che abbandonò solo pochi giorni prima della morte, avvenuta il 20 marzo 1897.[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d (PT) Sito ufficiale della Marina Brasiliana - Almirante Tamandaré. URL consultato il 23 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Sito del governo brasiliano - Figure storiche. URL consultato il 23 maggio 2011.









Creative Commons License