Johann Albert Fabricius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johann Albert Fabricius

Johann Albert Fabricius (Lipsia, 11 novembre 1668Amburgo, 30 aprile 1736) è stato un bibliografo e bibliotecario tedesco.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Johann Albert Fabricius[1] ricevette dal padre[2] i primi rudimenti scolastici. Proseguì l'istruzione presso alcuni teologi luterani, presso i quali lo aveva raccomandato il padre in punto di morte.

Iscrittosi nel 1686 alla facoltà di Teologia dell'Università di Lipsia, ottenne il dottorato nel 1688, e iniziò la sua carriera di studioso della letteratura classica pubblicando anonimo il Decas decadum, Sive plagiariorum et pseudonymorum centuria, uno studio su cento scrittori accusati di plagio o di mistificazione letteraria. Nel 1694 divenne bibliotecario ad Amburgo e nel 1699 ottenne la nomina a professore di etica e di retorica nel locale ginnasio, mantenendo l'incarico fino alla sua morte.

Fabricius è considerato il fondatore della storiografia nell'ambito della letteratura latina e greca. Compilò alcune opere di fondamentale importanza in campo bibliografico, grandi repertori bibliografici consultati ancor oggi. Pubblicò inoltre opere di apologetica scientifica. Ha pubblicato inoltre le edizioni critiche di Dione Cassio e Sesto Empirico. Complessivamente è autore di 128 opere.

Una sua biografia apparve ad Amburgo nel 1737, opera di Reimarus, suo genero ed editore di Dione Cassio[3].

Operemodifica | modifica sorgente

  • Bibliotheca latina (tre volumi, 1697), che raccoglie l'elenco di tutte le edizioni e dei commentari degli autori latini classici
  • Bibliotheca graeca (14 volumi, 1705-1728), riportano l'elenco di tutte le edizioni e i commentari degli autori greci
  • Bibliotheca latina mediae et infimae aetatis (6 volumi, 1734-1746), raccoglie un repertorio vastissimo della letteratura latina medievale
  • Codex pseudepigraphus Veteris Testamenti, (3 volumi, 1703-1739)
  • Codex apocryphus Novi Testamenti (2 volumi, 1719-1743), in cui sono raccolti tutti gli scritti apocrifi del Nuovo Testamento
  • Bibliotheca antiquaria (1713) un repertorio degli scritti in ebraico nelle opere classiche e cristiane
  • Centifolium Lutheranum (1728-1730), raccoglie un repertorio delle opere sulla Riforma

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • "Fabricius, Johann Albert", Encyclopedia Britannica, XI ed., Vol. 10, p. 119, 1911 [3]
  • "Fabricius (John Albert)" in Hugh James Rose, A New General Biographical Dictionary, Vol. VII, p. 290-1, 1853 [4]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Nei testi italiani pubblicati fino ai primi del XX secolo, per es. negli scritti di Tiraboschi [1] e di Muratori [2], il nome di Fabricius veniva italianizzato in Gian Alberto Fabricio.
  2. ^ Werner Fabricius (1633-1679), avvocato, poeta e musicista, direttore musicale nella chiesa di San Paolo a Lipsia e autore di trattati musicali.
  3. ^ Hermann Samuel Reimarus, De vita et scriptis Joannis Alberti Fabricii commentarius. Hamburgi : Sumtu vidvæ Felgineriæ, litteris Piscatoriis, 1737 (on-line)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 24623353 LCCN: n85801802

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License