John McLaughlin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John McLaughlin
Fotografia di John McLaughlin
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Genere Jazz
Fusion
Rock
Post-bop
Periodo di attività 1960 – in attività
Strumento chitarra, keyboard
Etichetta Abstract Logix, Verve Records, Douglas Records

John McLaughlin anche noto come Mahavishnu John McLaughlin (Doncaster, 4 gennaio 1942) è un chitarrista britannico.

È considerato uno tra i maggiori chitarristi viventi. Dotato di ottima tecnica, si è spesso contraddistinto per sperimentazioni influenzate dalle musiche di origine orientale e dallo stile fusion, ma anche per aver sviluppato negli anni un modo di suonare molto personale.

Un libro pubblicato recentemente Power, Passion and Beauty: The Story of the Legendary Mahavishnu Orchestra racconta la sua vita e quella relativa al gruppo Mahavishnu Orchestra In esso c'è un passaggio in cui si capisce la devozione che fin da giovane aveva per la musica.

« Mia madre dovette sequestrarmi la chitarra per mesi perché stavo tutto il giorno a suonarla e andavo avanti nonostante mi sanguinassero le dita. »

Biografiamodifica | modifica sorgente

Inizia a suonare la chitarra all'età di undici anni attirato dallo swing e dal blues, ma fu anche il flamenco ad attirarlo per la sua immediatezza. Dopo le prime esperienze in sala di registrazione negli anni settanta, è a New York dove partecipa alle sessioni di In a Silent Way e Bitches Brew di Miles Davis.

Miles Davis (come viene riferito nel libro sopraccitato) aveva però notato che McLaughlin e Cobham erano maturi e pronti per iniziare il loro successo individuale:

« Hey John è ora che cominci a pensare al tuo gruppo »

Dal 1971 al 1973 suona con la sua band in cui è presente il potente ed innovativo batterista Billy Cobham, la Mahavishnu Orchestra, per poi riformarla nel biennio 1974/1975 con la collaborazione del violinista Jean-Luc Ponty. In questo periodo vengono creati i capolavori Inner Mounting Flame e Birds of Fire ed è anche da ricordare l'album Between Nothingness and Eternity.Nel 1974 fondò inoltre la band di World music Shakti.

John McLaughlin 2008

Ha collaborato con importanti figure della musica mondiale, tra le quali il sassofonista Bill Evans, che partecipò ad una terza riunione della Mahavishnu Orchestra negli anni ottanta.

Tra i suoi album più conosciuti sono da citare Extrapolation, My Goals Beyond, disco acustico con influenze indiane, Handful of Beauty, con gli Shakti, uno dei primi esempi di World Music, il live Friday night in San Francisco, registrato con i chitarristi Paco de Lucia e Al Di Meola nel 1981, e Love devotion surrender in coppia con Carlos Santana, pubblicato nel 1973, che contiene un'interessante rivisitazione di A love supreme di John Coltrane.

Strumentazionemodifica | modifica sorgente

Chitarremodifica | modifica sorgente

Nel corso della sua lunghissima carriera McLaughlin ha usato molte chitarre, tra di esse ecco quelle utilizzate in alcune delle sue incisioni più importanti[1][2]:

  1. Gibson L-4 con pick-up Charlie Christian suonata in Extrapolation (1969);
  2. Gibson Hummingbird con pick-up De Armond usata in Emergency! (1969) dei Tony Williams Lifetime;
  3. Gibson Hummingbird in In a Silent Way (1969) di Miles Davis;
  4. Fender Mustang in Bitches Brew (1970), A Tribute to Jack Johnson (1971), Live-Evil (1971), On The Corner (1972), Big Fun (1974) di Miles Davis e nel solistico Devotion (1970);
  5. Les Paul Custom del 1958 in Turn it Over (1970) dei Tony Williams Lifetime;
  6. Ovation acustica in My Goals Beyond (1970);
  7. Gibson SG 6/12 Double-Neck in The Inner Mounting Flame (1971) e Birds of Fire (1973);
  8. Gibson Les Paul Junior degli anni sessanta in The Lost Trident Sessions (incisioni del 1973 pubblicate nel 1999) dei Mahavishnu Orchestra;
  9. Rex Bogue 6/12 Double-Neck in Between Nothingness and Eternity (1973), Apocalypse (1974), Visions of the Emerald Beyond (1975) e in Love Devotion Surrender (1973);
  10. Les Paul Special (Gibson Byrdland modificata con un pick-up esafonico collegato a un trasformatore Systems 360 e a sei moduli Minimoog) in Inner Worlds (1976);
  11. Acustica Shakti (Mark Whitebook Custom costruita da Abe Wechter) in Shakti (1976).

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ sito http://www.eqmag.com/article/poetic-thievery/mar-05/4056
  2. ^ sito http://web.archive.org/20120225034106/rp.couturier.free.fr/Guitares/jml1_flash.htm

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 116694561 LCCN: n83046966








Creative Commons License