Jon Moss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jon Moss
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere New wave[1][2]
Pop rock[1]
Post-punk[2][2]
Dance rock[2][3]
Hard rock[4]
Heavy metal[4]
British punk[3]
Gothic rock[3]
Punk rock[3]
Blue-eyed soul[1]
Periodo di attività 1976 
1977 - 1986
1998 - 2002
2008 - in attività
Strumento Batteria
Percussioni
Etichetta Alliance
Virgin
EMI
BMG
River
Sony
Captain Oi
Sanctuary
VocalEssence
Gruppo attuale London
Gruppi precedenti The Damned
The Nipple Erectors
Culture Club
Adam & the Ants
Album pubblicati 29
Studio 10
Live 1
Raccolte 18
Opere audiovisive 3

Jon Moss (Wandsworth, 11 settembre 1957[5]) è un batterista e percussionista britannico, celebre per essere stato uno dei componenti dei London, dei Culture Club, degli Adam & the Ants, dei The Damned e dei The Nipple Erectors.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Moss ebbe un rapporto sentimentale con il leader dei Culture Club Boy George. Sebbene non ne parlò mai quando i Culture Club erano all'apice del successo, durante una successiva riunione del gruppo negli anni novanta Moss dichiarò apertamente la relazione avuta con George e l'amore che nutriva per lui. All'epoca Moss aveva una moglie e tre figli.[6] Secondo un'intervista di Boy George apparsa sul sito internet Perez Hilton Moss divorziò dalla moglie Barbara ("Babs") nel 2008.[7] Ma secondo altre fonti risulterebbe ancora sposato.

Nel 1985, produsse alcuni pezzi per una band, i Woyeyeh di cui faceva parte Sheila. Successivamente ai Culture Club, pubblicò un singolo con il gruppo Heartbeat Uk, intitolato Jump to It. Fu anche il produttore del loro disco omonimo.

Nel 1989, con il nome Rubberman, pubblicò su una white label un pezzo di musica acid house strumentale. Boy George utilizzò quella traccia per creare la canzone After the Love, che fu rilasciata come singolo per il gruppo inglese Jesus Loves You nel 1989. Tra gli anni 1991-1992 fu impegnato con i Promised Land, insieme a Nick Feldman del gruppo pop Wang Chung. Pubblicarono alcuni singoli (Something in the Air e Circle in the Square) e l'album omonimo Promised Land.

Moss fece parte della riunione dei Culture Club avvenuta tra il 1998 e il 2002.

Suonò anche con il gruppo rock/punk dei Fassbender tra il 2003 e il 2005. Moss è attualmente membro dei gruppi DanMingo e Dirth. Ha anche suonato e registrato con la cantautrice Londinese Anca.

Nel mese di luglio 2005, Moss partecipò come batterista al singolo di beneficenza People I Don't Know Are Trying to Kill Me, scritto dal giornalista Neil McCormick, con lo scopo di aiutare le famiglie delle vittime degli attentati terroristici di Londra.[8]

A giugno del 2006, si sparse la voce che Moss potesse prendere parte ad una nuova riunione dei Culture Club, con un nuovo cantante, Sam Butcher, poiché Boy George rifiutò di parteciparvi. In ogni caso, il progetto dei nuovi Culture Club non andò a buon fine e Moss si ritirò ancor prima che l'idea fosse definitivamente accantonata.

Moss è stato recentemente intervistato dallo Hampstead Village Voice in merito alla sua vita e carriera.[9]

Discografiamodifica | modifica sorgente

Con i Culture Clubmodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Culture Club#Discografia.

Con i Londonmodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi London#Discografia.

Con i The Damnedmodifica | modifica sorgente

Con i The Nipple Erectorsmodifica | modifica sorgente

Album dal vivomodifica | modifica sorgente

Raccoltemodifica | modifica sorgente

Con Adam & the Antsmodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Adam & the Ants#Discografia.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c (EN) Culture Club, allmusic.com. URL consultato il 29-10-2009.
  2. ^ a b c d (EN) Adam & the Ants, allmusic.com. URL consultato il 29-10-2009.
  3. ^ a b c d (EN) The Damned, allmusic.com. URL consultato il 29-10-2009.
  4. ^ a b (EN) London, allmusic.com. URL consultato il 29-10-2009.
  5. ^ (EN) Jon Moss, allmusic.com. URL consultato il 29-10-2009.
  6. ^ Boy will be boy - musician Boy George - includes related article on Culture Club - Interview | Advocate, The | Find Articles at BNET.com
  7. ^ 1. BOY GEORGE CHATTING WITH PEREZ HILTON - YouTube
  8. ^ Telegraph.co.uk
  9. ^ Hampsteadvillagevoice.com

Controllo di autorità VIAF: 87036625








Creative Commons License