Joseph Deiss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Deiss
Joseph Deiss.jpg

Presidente
della Confederazione elvetica
Durata mandato 2004 –
2006
Predecessore Pascal Couchepin
Successore Samuel Schmid

Presidente dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Durata mandato 2010 –
2010
Predecessore Ali Abdussalam Treki
Successore Nassir Al-Nasser

Dati generali
Partito politico Partito Popolare Democratico

Joseph Deiss (Friburgo, 18 gennaio 1946) è un economista e politico svizzero, esponente del Partito Popolare Democratico.

È stato membro del Consiglio federale dal 1999 al 2006 e Presidente della Confederazione elvetica nel 2004. Nel 2010 è stato presidente dell'Assemblea generale delle Nazioni unite.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Deiss conseguì un dottorato in scienze economiche e sociali nel 1971 e in seguito svolse delle ricerche al King's College dell'Università di Cambridge. Nel 1973 cominciò ad insegnare economia politica all'Università di Friburgo, dove rimase fino al 1977. Nel 1983 fu nominato professore straordinario e nel 1984 professore ordinario di economia politica e di politica economica. È stato preside della Facoltà di scienze economiche e sociali dal 1996 al 1998.

Deiss è sposato e ha tre figli.

Carriera politicamodifica | modifica sorgente

Deiss è membro del Partito Popolare Democratico. Tra il 1981 e il 1991 fu deputato al Gran Consiglio friborghese, di cui divenne presidente nel 1991. Tra il 1982 e il 1996 fu sindaco di Barberêche, suo comune di origine.

Deiss fece parte del Consiglio nazionale dal 1991 al 1999. Fu nominato "mister prezzi" tra il 1993 e il 1996, e fu vicepresidente della Commissione di politica estera tra il 1995 e il 1996. Nel 1996 Deiss fu nominato presidente della Commissione per la revisione totale della Costituzione federale, che fu adottata il 18 aprile 1999.

Membro del Consiglio federalemodifica | modifica sorgente

L'11 marzo 1999 Deiss fu eletto membro del Consiglio federale. Vinse la votazione per una sola preferenza di vantaggio sul rivale del PPD Peter Hess. Il 1º maggio 1999 fu nominato ministro degli esteri. Durante il suo mandato la Svizzera aderì all'ONU il 10 settembre 2002.

Nel 2003 Deiss fu rieletto membro del Consiglio federale, anche se il suo partito perse un seggio. Il 1º gennaio 2003 assume l'incarico di ministro dell'economia. Dovette confrontarsi con la debole crescita economica, l'aumento della disoccupazione - specialmente dei giovani - e con il mutamento dell'agricoltura svizzera. Difese con successo l'estensione degli accordi bilaterali tra Svizzera e Unione Europea sulla libera circolazione delle persone ai 10 nuovi stati membri dell'UE. Cercò anche di concludere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti.

Nel 2004 Deiss fu nominato Presidente della Confederazione Elvetica. Si dimise dal Consiglio federale il 14 giugno 2006.

Nel 2010 Deiss fu eletto presidente della sessione annuale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Manuel d'économie politique, con Danielle Meuwly, 1995.
  • Initiation à l'économie politique: analyse économique de la Suisse, 1982.
  • Économie politique et politique économique de la Suisse, 1979.
  • The regional adjustment process and regional monetary policy, 1978.
  • La théorie pure des termes de l'échange international, tesi di dottorato, 1971.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Consigliere federale Successore Flag of Switzerland (Pantone).svg
Flavio Cotti 1999 - 2006 Doris Leuthard
Predecessore Presidente della Confederazione svizzera Successore Flag of Switzerland (Pantone).svg
Pascal Couchepin 2004 Samuel Schmid

Controllo di autorità VIAF: 59081138 LCCN: n82058593








Creative Commons License