Juan Barbas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Juan Alberto Barbas)
Juan Barbas
Juan Alberto Barbas.jpg
Juan Alberto Barbas con la maglia del Lecce (1989)
Dati biografici
Nome Juan Alberto Barbas
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 167 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1976-1982 Racing Club Racing Club 132 (14)
1983-1985 Real Saragozza Real Saragozza 91 (19)
1985-1990 Lecce Lecce 149 (27)
1990-1991 Locarno Locarno  ? (?)
1991-1992 Sion Sion 11 (0)
1992-1993 Locarno Locarno  ? (?)
1993 Huracan Huracán 9 (0)
1993-1994 Alvarado Alvarado  ? (?)
1994-1997 All Boys All Boys  ? (?)
Nazionale
1979-1985 Argentina Argentina 33 (0)
Carriera da allenatore
2009 Racing Club Racing Club
2012 Racing Club Racing Club
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Juan Alberto Barbas (San Martín, 23 agosto 1959) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, di ruolo centrocampista.

Ha origini spagnole[1].

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Iniziò la carriera in Argentina nel Racing Avellaneda, dove si rivelò una delle giovani promesse del campionato. In poco tempo entrò a far parte della Nazionale argentina Under-20 (in cui figurava anche Diego Armando Maradona), dando il suo contributo alla vittoria nella competizione mondiale di categoria nel 1979. Esordì in Nazionale contro il Brasile di Zico.

Nel 1982 fu acquistato dal Real Saragozza: con la squadra spagnola disputò tre campionati ad alti livelli, ricevendo per due stagioni consecutive, 1982- 1983 e 1983-1984, il titolo di migliore straniero del campionato spagnolo. Riuscì a segnare ben 19 gol. Si trasferì al Lecce nella stagione 1985-1986 dove verrà ricordato come uno dei giocatori più amati. Tra i suoi gol si ricordano: la doppietta messa a segno contro la Roma il 20 aprile 1986, nella partita che il Lecce già retrocesso vinse per 3-2 e che costò ai capitolini la possibilità di superare la Juventus, dopo averla agganciata in vetta alla classifica; il gol realizzato contro il Torino il 25 giugno 1989, marcatura che fece retrocedere la squadra granata in Serie B, grazie al 3-1 finale per i giallorossi. A malincuore, e tra lo stupore generale, dovette abbandonare nel 1990 la squadra giallorossa in quanto non rientrava più nei piani del nuovo allenatore Zbigniew Boniek. Con il Lecce, quindi, giocò fino alla stagione 1989-1990, ottenendo una promozione in Serie A, seguita da due salvezze consecutive, con 27 reti all'attivo.

Barbas con la maglia dell'Argentina.

Nelle tre stagioni successive militò nel campionato svizzero: due annate nel Locarno e una nel Sion, squadra con la quale vinse il titolo nazionale nel 1992. Chiuse la carriera nel suo Paese natale, giocando prima nell'Huracán, poi nell'Alvarado e infine, nel 1997, negli All Boys.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Con la Nazionale argentina militò dal 1979 al 1985 e prese parte al campionato del mondo 1982. Il suo debutto in Coppa del mondo risale alla partita contro l'Ungheria 18 giugno di quell'anno. La partita si concluse con la vittoria dell' Argentina per 4-1. La distanza causata dal suo stabilirsi in Italia gli precluse la continuazione dell'attività in Nazionale.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Il 13 ottobre 2009 viene assunto come allenatore del Racing Avellaneda in sostituzione di Ricardo Caruso Lombardi. Il 14 aprile 2012 ritorna ad interim alla guida del Racing Avellaneda dopo le dimmissioni di Alfio Basile[2] Il giorno dopo lascia il posto a Luis Zubeldía.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 08 maggio 2010.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1976-1977 Argentina Racing Club PD 9 1 - - - - - - 9 1
1977-1978 PD 16 0 - - - - - - 16 0
1978-1979 PD 32 5 - - - - - - 32 5
1979-1980 PD 35 3 - - - - - - 35 3
1980-1981 PD 40 5 - - - - - - 40 5
1981-1982 PD 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Racing Club 132 14 132 14
1982-1983 Spagna Real Saragozza PD 32 7 - - - - - - 32 7
1983-1984 PD 30 7 - - - - - - 30 7
1984-1985 PD 29 5 - - - - - - 29 5
Totale Real Saragozza 91 19 91 19
1985-1986 Italia Lecce A 24 4 - - - - - - 24 4
1986-1987 B 36 9 - - - - - - 36 9
1987-1988 B 30 7 - - - - - - 30 7
1988-1989 A 33 3 - - - - - - 33 3
1989-1990 A 26 4 - - - - - - 26 4
Totale Lecce 149 27 149 27
1990-1991 Svizzera Locarno LNB  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1991-1992 Svizzera Sion LNA 11 0 - - - - - - 11 0
1992-1993 Svizzera Locarno LNB  ?  ? - - - - - -  ?  ?
Totale Locarno  ?  ?  ?  ?
1993-1994 Argentina Huracán PD 9 0 - - - - - -  ?  ?
Totale 383 60 383 60

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Sion: 1991-1992

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Giappone 1979

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Barbas viene ricordato ancora per il suo comportamento dentro e fuori il campo dai tifosi leccesi, i quali lo chiamavano "Beto". Ad ogni punizione in favore del Lecce, anche da posizione molto lontana dallo specchio della porta, la curva dei tifosi leccesi intonava il canto "Beto, Beto, Beto, mina la bomba, mina la bomba" (Beto butta la bomba), che segnava, appunto, l'attesa per la prodezza balistica dell'argentino.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Gianni Minà, Gli Argentini: Passarella-Bertoni-Barbas-Pasculli, RAI.
  2. ^ UFFICIALE: Racing Avellaneda, si è dimesso Alfio Basile Tuttomercatoweb.com, 14 aprile 2012

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License