Juan Carlos Muñoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Carlos Muñoz
JC Munoz.jpg
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1953
Carriera
Giovanili
193?-1937
1938
Independiente Independiente
Sportivo Dock Sud Sportivo Dock Sud
Squadre di club1
1938-1939 Sportivo Dock Sud Sportivo Dock Sud 23 (13)
1939-1950 River Plate River Plate 184 (39)
1951-1953 Platense Platense 39 (3)
Nazionale
1942-1945 Argentina Argentina 11 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Juan Carlos Muñoz (Avellaneda, 4 marzo 1919Avellaneda, 22 novembre 2009) è stato un calciatore argentino, di ruolo attaccante.

Fece parte de Máquina; fu l'ultimo di quella squadra a morire.[1]

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Muñoz giocava come ala destra.[2] All'inizio della sua carriera, nelle giovanili dell'Independiente, il suo ruolo era quello di mezzala destra;[3] nel 1938 l'allenatore dello Sportivo Dock Sud, la sua nuova squadra, lo spostò sulla fascia, trasformandolo in un'ala, che divenne poi la posizione che ricoprì per il resto della carriera.[4] I punti di forza di Muñoz erano l'abilità tecnica, la capacità di effettuare dribbling per liberarsi degli avversari, la velocità con cui percorreva la fascia e la precisione nei cross.[3] Era uso ricorrere a dei movimenti ben consolidati durante le partite: scendeva verso il centrocampo per prendere palla, per poi raggiungere la linea di fondo per effettuare un cross,[1] solitamente verso Ángel Labruna o José Manuel Moreno.[5] Dei componenti della Máquina, Muñoz fu quello che meno cambiò posizione;[1] le sue caratteristiche furono decisive per la creazione del gioco della squadra,[3] basato su rapidi scambi.[5]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Juan Carlos Muñoz iniziò la sua carriera di calciatore nell'Independiente: come mezzala destra, giocò nel settore giovanile fino a raggiungere la Cuarta Especial, riservata ai giocatori di 18 anni. La dirigenza scelse di non fargli firmare il contratto per entrare definitivamente in prima squadra, e così Muñoz e il fratello Oscar si trovarono senza club; fu il Dock Sud, squadra della seconda serie argentina, a concedere una possibilità a Juan Carlos.[4] Con la maglia della nuova società debuttò il 30 aprile 1938 contro l'El Porvenir, segnando due reti; l'incontro terminò 6-3 per gli avversari.[4] La prima stagione al Dock Sud si chiuse con 17 presenze e 7 reti, e la formazione giunse all'ottavo posto in classifica.[4] Il 1939 iniziò bene, con 10 gol in 10 partite tra l'8 aprile e il 3 giugno, e Muñoz fu acquistato dal River Plate,[4] in cambio di vari giocatori, che si trasferirono così allo Sportivo Dock Sud.[5] Fece poi il suo esordio nel River l'8 giugno contro l'Atlanta, mettendo a referto una doppietta.[3] Nel nuovo club Muñoz rimpiazzò Carlos Peucelle,[3] stabilendosi ben presto come il nuovo titolare nel ruolo di ala destra.[5] Il primo titolo che vinse con il River fu il campionato del 1941, cui ne seguirono altri tre, nel 1942, nel 1945 e nel 1947. Nel 1950 lasciò il club per trasferirsi al Platense di Vicente López: al suo posto, il River schierò Santiago Vernazza.[3] Con il Platense disputò altre tre stagioni: 1951, 1952 e 1953, segnando 3 gol in 39 partite totali; terminata l'ultima, chiuse la carriera.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Debuttò nella selezione nazionale il 25 maggio 1942,[2] a Buenos Aires contro l'Uruguay,[6] nell'incontro di Copa Lipton, ove segnò anche la sua prima rete.[2] In seguito partecipò ad alcune competizioni minori, come la Copa Nicanor R. Newton, la Copa Juan R. Mignaburu e la Copa Héctor Rivadavia Gómez.[2] Fu poi convocato al Campeonato Sudamericano de Football 1945, dove debuttò il 18 gennaio a Santiago contro la Bolivia; in questo incontro fu schierato da titolare, e giocò tutti e novanta i minuti.[7] Saltò la sfida con l'Ecuador del 31 gennaio, sostituito da Mario Boyé, così come contro la Colombia il 7 febbraio.[7] Tornò in campo nel secondo tempo di Cile - Argentina dell'11 febbraio, rilevando lo stesso Boyé; contro il Brasile venne schierato titolare.[7] Muñoz disputò anche l'ultima gara del torneo contro l'Uruguay, lasciando il posto a Boyé al 77º.[7] Conclusa questa manifestazione, fu impiegato durante la Copa Rosa Chevalier Boutell, in cui assommò 3 presenze e un gol.[2]

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

River Plate: 1941, 1942, 1945, 1947

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Cile 1945

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c (ES) Franco Predazzi, De acá a la eternidad, 22 novembre 2009. URL consultato il 3-5-2011.
  2. ^ a b c d e (EN) Juan Carlos Muñoz, playerhistory.com. URL consultato il 3-5-2011.
  3. ^ a b c d e f (ES) El fútbol, de luto: murió Juan Carlos Muñoz, integrante de La Máquina de River, Clarín, 22 novembre 2009. URL consultato il 3-5-2011.
  4. ^ a b c d e (ES) Oscar Barnade, Dock Sud: territorio de La Máquina, Clarín, 9 maggio 2009. URL consultato il 3-5-2011.
  5. ^ a b c d (ES) Martín Castilla, La leyenda viviente de la Máquina, La Nación, 23 marzo 2008. URL consultato il 3-5-2011.
  6. ^ (EN) Héctor Pelayes, Argentina national team archive, RSSSF. URL consultato il 3-5-2011.
  7. ^ a b c d (EN) Southamerican Championship 1945, RSSSF. URL consultato il 3-5-2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License