Junkers F 13

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Junkers F 13
Lo  Junkers F 13 esposto al Deutsches Museum di Monaco di Baviera
Lo Junkers F 13 esposto al Deutsches Museum di Monaco di Baviera
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 2
Progettista Otto Reuter
Costruttore Germania Junkers
Data primo volo 25 giugno 1919
Data entrata in servizio 1920
Esemplari 322
Sviluppato dal Junkers J 12
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 10,50 m
Apertura alare 17,75 m
Altezza 3,60 m
Superficie alare 44,0
Peso a vuoto 1 480 kg
Peso max al decollo 2 318 kg
Passeggeri 4
Propulsione
Motore uno Junkers L5
Potenza 310 hp (228 kW)
Prestazioni
Velocità max 198 km/h
Velocità di crociera 170 km/h
Tangenza 5 100 m
Note dati riferiti alla versione F.13fe

Junkers: an aircraft album no.3 [1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia
Un F 13 in fase di decollo.

Lo Junkers F 13 (designazione aziendale: J 13), era un monomotore di linea ad ala bassa prodotto dall'azienda tedesca Junkers Flugzeugwerk AG nei tardi anni dieci del XX secolo.

Prodotto dal 1919 al 1932 fu uno dei più rappresentativi modelli di velivolo destinati al mercato dell'aviazione commerciale del primo dopoguerra.

Utilizzatorimodifica | modifica sorgente

Civilimodifica | modifica sorgente

Austria Austria
  • ÖLAG (Österreichishe Luftverkehrs AG)
operò con 24 esemplari
Bolivia Bolivia
Brasile Brasile
Cina Cina
Colombia Colombia
Finlandia Finlandia
Francia Francia
Germania Germania
circa 110 esemplari operanti principalmente con la Deutsche LuftHansa.
GermaniaURSS Germania-Unione Sovietica
Giappone Giappone
bandiera Regno d'Italia
Islanda Islanda
3 esemplari operanti nel periodo 1928-1931
Lituania Lituania
Polonia Polonia
16 esemplari utilizzati da varie compagnie aeree nel periodo 1922-1936.
Regno Unito Regno Unito
5 esemplari con registrazioni civili utilizzati negli anni trenta
Romania Romania
operò con quattro esemplari.[2]
Svezia Svezia
Svizzera Svizzera
almeno 4 esemplari (matricola civile CH-91/92/93/94) operanti tra il 1919 e probabilmente il 1930
Turchia Turchia
2 esemplari con matricola civile operanti nel periodo 1933-1938 con la THP (precursore della Turkish Airlines).
Ungheria Ungheria
operò con 6 esemplari tra il 1923 ed il 1927
Stati Uniti Stati Uniti
URSS URSS

Militarimodifica | modifica sorgente

bandiera Afghanistan
operò con 4 esemplari tra il 1924 ed il 1928.
Colombia Colombia
Turchia Turchia
3 esemplari con matricola militare operativi nel periodo 1925-1933. Un esemplare dotato di apparecchiatura fotografica per la rilevazione aerea operò per conto del Turkish Mapping Command nel periodo 1933-1938 (serie No: 882).[4]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Turner, P. St.J and Nowarra, H Junkers: an aircraft album no. 3. (1971).New York: Arco Publishing Inc. ISBN 0-668-02506-9
  2. ^ (EN) Rob Mulder, Fleet list of Liniile Aeriene Romane Exploatate de Statul in European Airlines, http://www.europeanairlines.no/, gen 2004. URL consultato l'11 ago 2010.
  3. ^ (EN) R.E.G. Davies, Mike Machat, Aeroflot: An Airline and Its Aircraft - An Illustrated History of the World's Largest Airline, Paladwr Press, 1992, p. 26. ISBN 0-9626483-1-0.
  4. ^ http://www.hgk.mil.tr/english/english.htm

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • (EN) Turner, P. St.J and Nowarra, H. (1971). New York: Arco Publishing Co. Inc. ISBN 0-668-02506-9

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License