Junkers Ju 160

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Junkers Ju 160
Junkers Ju 160.jpg
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 2
Progettista Hermann Pohlmann
Costruttore Germania Junkers
Data primo volo 30 gennaio 1934
Utilizzatore principale Germania DLH
Altri utilizzatori Germania Luftwaffe
Esemplari 18
Sviluppato dal Junkers Ju 60
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12,30 m
Apertura alare 14,30 m
Altezza 3,90 m
Superficie alare 35,0 [1]
Passeggeri 6
Capacità combustibile 540 L
Propulsione
Motore un radiale BMW 132E
Potenza 660 PS (485 kW)
Prestazioni
Velocità max 335 km/h

i dati sono estratti da Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945 (Band 3)[2]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Lo Junkers Ju 160 "Pfeil", designazione aziendale EF 30, fu un da trasporto passeggeri di linea ed aereo postale monomotore ad ala bassa sviluppato dall'azienda aeronautica tedesca Junkers Flugzeug- und Motorenwerke AG nei primi anni trenta.

Sviluppato dal precedente Ju 60, venne utilizzato come trasporto passeggeri dalla Deutsche LuftHansa (DLH) ed in seguito come aereo militare dalla Luftwaffe.

Storia del progettomodifica | modifica sorgente

Dopo aver realizzato lo Ju 60, l'ultimo modello Junkers che adottava ancora parzialmente la struttura metallica ricoperta da duralluminio ondulato, il progettista ed ingegnere Hermann Pohlmann sviluppò il progetto originale mantenendo l'aspetto generale del precedente modello ma ridisegnandone completamente la cellula.

Il nuovo modello, indicato come Ju 160, abbandonava la precedente ala a pianta trapezioidale parzialmente ricoperta da pannelli in duralluminio ondulato e che integrava le gambe del carrello principale semiretrattili con movimento verso coda, per una a pianta triangolare liscia con carrello, sempre retrattile ma ora totalmente con movimento verso la parte interna.

Impiego operativomodifica | modifica sorgente

Civilemodifica | modifica sorgente

Lo Ju 160 entra in servizio con la compagnia di bandiera Deutsche LuftHansa (DLH) nel periodo tra il 1935 ed il 1936. Inizialmente viene utilizzato su rotte nazionali ed in seguito in un collegamento internazionale collegando Polonia, Cecoslovacchia e Germania sulla rotta Breslavia-Praga-Monaco di Baviera.

Un esemplare venne utilizzato per breve tempo anche dalla Eurasia, compagnia aerea cinese ma controllata dalla DLH. Dopo pochi voli, a seguito di un incidente presso Shangai venne riportato in Germania per riparazioni e non fece più ritorno.

Deutschen Versuchsanstalt für Luftfahrt

Militaremodifica | modifica sorgente

Allo scoppio della seconda guerra mondiale alcuni esemplari vengono requisiti dalla Luftwaffe ed utilizzati come aereo da collegamento e come addestratori nelle scuole di volo.

Utilizzatorimodifica | modifica sorgente

Civilimodifica | modifica sorgente

Taiwan Repubblica di Cina
Germania Germania

Governativimodifica | modifica sorgente

Germania Germania

Militarimodifica | modifica sorgente

Germania Germania

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Zoeller
  2. ^ Nowarra 1993, p. 104

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 3, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993. ISBN 3-7637-5467-9.

Velivoli Comparabilimodifica | modifica sorgente

Germania Germania
Stati Uniti Stati Uniti

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License