Katie Taylor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Katie Taylor
Katie Taylor 2012.jpg
Dati biografici
Nazionalità Irlanda Irlanda
Altezza 165 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi leggeri
Squadra St. Fergal's Boxing club
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Oro Londra 2012 Leggeri
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Oro Nuova Delhi 2006 Leggeri
Oro Ningbo 2008 Leggeri
Oro Bridgetown 2010 Leggeri
Oro Qinhuangdao 2012 Leggeri
Wikiproject Europe (small).svg  Europei
Oro Tønsberg 2005 Leggeri
Oro Varsavia 2006 Leggeri
Oro Vejle 2007 Leggeri
Oro Mykolaïv 2009 Leggeri
Oro Rotterdam 2011 Leggeri
 Campionati EU
Oro Liverpool 2008 Leggeri
Oro Pazardžik 2009 Leggeri
Oro Keszthely 2010 Leggeri
Oro Katowice 2011 Leggeri
Calcio Football pictogram.svg
Carriera
Squadre di club1
- Lourdes Celtic - (-)
- Saint James's Gate FC - (-)
Nazionale
2006-2009 Irlanda Irlanda - (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Katie Taylor (Bray, 27 ottobre 1986) è una pugile e calciatrice irlandese.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Pugilatomodifica | modifica sorgente

Katie Taylor ha cominciato l'attività pugilistica nel 1998, all'età di 12 anni, allenata dal padre Peter, anch'egli un pugile dilettante.

Il primo titolo di rilievo è stato ottenuto ai campionati europei dilettanti di Tønsberg 2005, in Norvegia, dove ha conquistato la medaglia d'oro nella categoria pesi leggeri (60 kg), divenendo così la prima irlandese a conquistare una medaglia d'oro ai Campionati europei di pugilato dilettanti. Nello stesso anno ha raggiunto i quarti di finale ai campionati mondiali a Podolsk, in Russia.

Nel 2006 ha vinto campionati europei dilettanti a Varsavia, Polonia, interrompendo il dominio nella categoria della russa Tatyana Chalaya e ottenendo il premio di miglior pugile del torneo. Nello stesso anno ha vinto la medaglia d'oro ai campionati mondiali a Nuova Delhi, in India, battendo nuovamente la Chalaya in semifinale e l'argentina Anabella Farias in finale.

Nel 2007 ha vinto il terzo titolo europeo consecutivo a Vejle, Danimarca.

Del 2008 è il secondo titolo mondiale conquistato a Ningbo, Cina. In finale ha sconfitto la cinese Cheng Dong.

Nel 2009 la Taylor ha vinto la medaglia d'oro al Multi-Nazioni allo Sports Palace di San Pietroburgo riportando la 39ª vittoria consecutiva (e la sua 60ª vincita su 61 incontri)[1]. Nello stesso anno ha vinto il quarto titolo europeo consecutivo a Mykolaïv, Ucraina, senza concedere un solo punto alle avversarie[2].

Nel 2010 ha vinto il terzo consecutivo titolo mondiale conquistato a Bridgetown, Barbados. In finale ha sconfitto nuovamente la cinese Cheng Dong; questa è stata la 100ª vittoria della Taylor. Dello stesso anno è la medaglia d'oro ai Campionati dell'Unione europea in Ungheria. In novembre ha vinto per la seconda volta il titolo di Pugile Femminile dell'anno dell'AIBA durante la cerimonia tenutasi ad Almaty, Kazakistan[3].

Nel 2011 ha vinto la medaglia d'oro ai Campionati dell'Unione europea a Katowice, Polonia.

Il 19 maggio 2012, Taylor ha vinto il suo quarto titolo mondiale consecutivo in Qinhuangdao, Cina, battendo la russa Sofya Ochigava.[4]

Il 9 agosto 2012 vince la sua prima medaglia d'oro alle olimpiadi di Londra, battendo in finale la russa Sofya Ochigava.

Calciomodifica | modifica sorgente

Katie Taylor gioca nella Nazionale irlandese. Ha partecipato alle qualificazioni per il campionato europeo di calcio femminile 2009, segnando nella partita vinta contro l'Ungheria il 1º aprile 2007. Ha segnato nuovamente contro l'Italia nella partita persa dalla nazionale irlandese per 4-1.

In precedenza aveva giocato nelle squadre nazionali U-17 e U-19.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) http://www.irishtimes.com/newspaper/sport/2009/0713/1224250543873.html
  2. ^ (EN) http://www.independent.ie/breaking-news/sport/taylor-due-home-after-latest-european-success-1892092.html
  3. ^ (EN) http://www.irishtimes.com/sports/other/2010/1103/1224282586669.html
  4. ^ (EN) http://www.independent.ie/sport/other-sports/boxer-katie-taylor-wins-in-china-to-be-champion-of-the-world-3112448.html

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License