Katja Seizinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Katja Seizinger
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 171 cm
Peso 64 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra SC Halblech
Ritirata 1998
Palmarès
bandiera Germania Ovest
Mondiali juniores 1 3 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Germania Germania
Olimpiadi 3 0 2
Mondiali 1 3 0
Campionati tedeschi 3 2 2
Coppa del Mondo 2 trofei
Coppa del Mondo - Discesa 4 trofei
Coppa del Mondo - Supergigante 5 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Katja Seizinger (Datteln, 10 maggio 1972) è un'ex sciatrice alpina tedesca.

Agli inizi della carriera, prima della riunificazione tedesca (1990), ha gareggiato per la nazionale tedesca occidentale.

È la sciatrice tedesca di maggior successo nella storia. Ha vinto tre medaglie d'oro ai Giochi olimpici invernali e due volte la Coppa del Mondo di sci alpino. Grande specialista della velocità, dotata di tecnica sopraffina, è considerata la più grande discesista dai tempi di Annemarie Moser-Pröll[1].

Biografiamodifica | modifica sorgente

La sciatrice tedesca ottiene i suoi primi risultati di rilievo nel Circo bianco ai Mondiali juniores di Aleyska 1989 negli Stati Uniti, conquistando un argento in supergigante ed un bronzo in slalom gigante. Nel dicembre dello stesso anno si aggiudica i primi punti di carriera in Coppa del Mondo giungendo 15ª nella combinata di Steamboat Springs in Colorado. L'11 febbraio 1990, sul tracciato francese di Meribel, sale per la prima volta sul podio in Coppa del Mondo, piazzandosi seconda in super-g dietro la sciatrice di casa Carole Merle[2].

Due mesi dopo, la Seizinger partecipa ai Campionati mondiali juniores di Zinal 1990 in Svizzera vincendo una medaglia d'oro (in super-g) e due argenti (discesa libera e gigante). L'anno seguente disputa i Mondiali di Saalbach-Hinterglemm ottenendo due quinti posti (in discesa e combinata) e conquista il primo successo in Coppa del Mondo nel super-g di Santa Caterina di Valfurva; mentre il 1992 è contraddistinto dalla vittoria della prima coppetta di specialità di discesa e dal bronzo olimpico in super-gigante ai XVI Giochi olimpici invernali di Albertville 1992.

Durante la stagione seguente, l'atleta tedesca incrementa il palmarès con due coppe di specialità (discesa e super-g), e vince l'oro ai Campionati del mondo di Morioka 1993 in supergigante. Il 1994 è l'anno dei XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994 che vedono tra i protagonisti proprio la Seizinger, la quale riesce ad aggiudicarsi la medaglia d'oro nella discesa; a questo prestigioso risultato si aggiungeranno anche altri due trofei, le coppette di discesa e super-g.

Se la stagione 1994/1995 consente alla sciatrice di incrementare il proprio bottino di trofei con un'altra Coppa del Mondo di supergigante, nel 1996 finalmente la fuoriclasse tedesca riesce a conquistare la sua prima Coppa del Mondo assoluta, oltre a vincere un argento iridato in discesa ai Mondiali della Sierra Nevada 1996. Anche il 1997 è caratterizzato dalla rassegna mondiale ed anche in questa occasione la Seizinger non torna a casa a mani vuote, ma con due argenti, rispettivamente in super-g e combinata.

Il 1998 è l'anno del ritiro dalle competizioni ed è anche il più ricco di soddisfazioni per l'atleta; infatti si aggiudica due ori olimpici ai XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998 (discesa e combinata) e il bronzo in gigante, la seconda Coppa del Mondo assoluta e due coppette nelle discipline veloci. Il 20 marzo 1998 si congeda dall'attività agonistica laurandosi campionessa nazionale tedesca in gigante a Todtnau.

La Seizinger può vantare inoltre 76 podi e 36 vittorie in Coppa del Mondo e 3 titoli nazionali tedeschi.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Olimpiadimodifica | modifica sorgente

Mondialimodifica | modifica sorgente

Mondiali junioresmodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondomodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondo - vittoriemodifica | modifica sorgente

Data Luogo Paese Disciplina
7 dicembre 1991 Santa Caterina di Valfurva Italia Italia SG
11 gennaio 1992 Schruns Austria Austria DH
25 gennaio 1992 Morzine Francia Francia DH
7 marzo 1992 Vail Stati Uniti Stati Uniti DH
20 dicembre 1992 Lake Louise Canada Canada SG
15 marzo 1993 Cortina d'Ampezzo Italia Italia DH
26 febbraio 1993 Veysonnaz Svizzera Svizzera DH
3 marzo 1993 Morzine Francia Francia DH
20 marzo 1993 Vemdalen Svezia Svezia GS
20 marzo 1993 Åre Svezia Svezia SG
14 gennaio 1994 Cortina d'Ampezzo Italia Italia DH
15 gennaio 1994 Cortina d'Ampezzo Italia Italia SG
6 marzo 1994 Whistler Canada Canada DH
9 marzo 1994 Mammoth Mountain Stati Uniti Stati Uniti SG
16 marzo 1994 Vail Stati Uniti Stati Uniti DH
11 dicembre 1994 Lake Louise Canada Canada SG
19 marzo 1995 Bormio Italia Italia SG
15 dicembre 1995 St. Anton Austria Austria DH
6 gennaio 1996 Maribor Slovenia Slovenia GS
13 gennaio 1996 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania SG
2 febbraio 1996 Val-d'Isère Francia Francia SG
3 febbraio 1996 Val-d'Isère Francia Francia DH
4 febbraio 1996 Val-d'Isère Francia Francia SG
9 marzo 1996 Hafjell Norvegia Norvegia GS
26 ottobre 1996 Sölden Austria Austria GS
30 novembre 1996 Lake Louise Canada Canada DH
7 marzo 1997 Mammoth Mountain Stati Uniti Stati Uniti SG
13 marzo 1997 Vail Stati Uniti Stati Uniti SG
29 novembre 1997 Mammoth Mountain Stati Uniti Stati Uniti SG
4 dicembre 1997 Lake Louise Canada Canada DH
5 dicembre 1997 Lake Louise Canada Canada DH
6 dicembre 1997 Lake Louise Canada Canada SG
17 dicembre 1997 Val-d'Isère Francia Francia DH
18 dicembre 1997 Val-d'Isère Francia Francia SG
24 gennaio 1998 Cortina d'Ampezzo Italia Italia SG
31 gennaio 1998 Åre Svezia Svezia DH

Campionati tedeschimodifica | modifica sorgente

  • Campionessa tedesca di supergigante nel 1989 1996[3].
  • Campionessa tedesca di slalom gigante nel 1998[3].

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Katja Seizinger è stata proclamata sportiva tedesca negli anni 1994, 1996 e 1996[4].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Road to Sochi 2014 #24 – Profili, Katja Seizinger.
  2. ^ (EN) Referto della gara sul sito della F.I.S.. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  3. ^ a b (DE) "Albo d'oro". URL consultato il 13 gennaio 2011.
  4. ^ (DE) Elenco atlete tedesche dell'anno.. URL consultato il 13 gennaio 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License