Kim Sowol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Kim Sowol 김소월 (Kwaksan, 6 agosto 190223 dicembre 1934) è stato un poeta nordcoreano. Nacque a Kwaksan, una provincia situata al nord di Pyongan, nell’attuale Corea del Nord. Il suo nome vero era Kim Chongsik (김정식:金廷湜).

Biografiamodifica | modifica sorgente

È riconosciuto soprattutto per I suoi contributi alla poesia moderna Coreana. Il suo stile ricorda la musica popolare tradizionale Coreana. “Azalea” (진달래 꽃) è una delle sue poesie più famose, la cui malinconia dovuta ai temi di perdite e partenze ricorda la canzone popolare “Arirang” (아리랑) probabilmente la più rinomata e conosciuta tra tutte le canzoni popolari della penisola. Grazie al tono e alla musicalità delle sue opere, è anche conosciuto con il nome “Poeta della musica popolare”. Nel 1904, due anni dopo la sua nascita, suo padre venne picchiato rendendolo psicopatico. Questo incidente tragico influì probabilmente sul giovane poeta, il quale ebbe una morte prematura. Suo nonno gli insegnò il Cinese classico e lo fece entrare nella rinomata scuola media Osan a quindici anni. Divenne poi uno studente di Kim Ok (김억:金憶). Nel 1925, completò la collezione di poesie del suo primo e unico libro, Azalea.

Dopo aver studiato al liceo Paejae, insegnò per un po’ di tempo a Kwaksan e successivamente andò in Giappone per studiare economia e commercio. Durante i suoi studi, pubblicò varie poesie in Kaebyok e altri periodici letterari. Continuò a pubblicare poesie anche dopo il suo ritorno dal Giappone in periodici come Yongdae fino al suo inaspettato suicidio il 23 dicembre, 1934. Il suo maestro, Anso, pubblicò una raccolta di poesie di Sowol nel 1935. Quest’ultima includeva una memoria del maestro e un fondamentale saggio il quale sottolineava che il vero genio del defunto poeta stava nel fatto che riuscì a comporre nello stile delle canzoni popolari Coreane, toccando a fondo lo spirito dei suoi connazionali. Nel 1968, il quotidiano Coreano Hankook Ilbo (한국일보) eresse un monumento a Seoul in memoria del poeta.

Il vero fascino delle sue poesie non può essere captato adeguatamente in traduzione, semplicemente perché lo spirito del suo verbo si rivela solamente tramite il suono della musica popolare Coreana.








Creative Commons License