Kristalina Georgieva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kristalina Georgieva
Kristalina Georgieva (1).jpg

Commissario europeo per la Cooperazione internazionale, gli Aiuti umanitari e la Risposta alle Crisi
In carica
Inizio mandato 9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Karel De Gucht (Sviluppo e Aiuti Umanitari)

Kristalina Georgieva (Sofia, 13 agosto 1953) è un'economista e politica bulgara, Commissario europeo per la Cooperazione internazionale, gli Aiuti umanitari e la Risposta alle Crisi nella Commissione Barroso II dal 2010.

Formazione e carriera professionalemodifica | modifica sorgente

Kristalina Georgieva ha ottenuto un dottorato in economia e un master in economia politica e sociologia all'Università di economia nazionale e mondiale a Sofia. Ha svolto lavoro di ricerca e studi sulle politiche ambientali e l'economia delle risorse naturali alla London School of Economics e al Massachusetts Institute of Technology. Ha svolto vari incarichi accademici e di consulenza in Bulgaria e negli Stati Uniti e ha insegnato in molte università del mondo, tra cui il Massachusetts Institute of Technology, Yale University, Harvard University e London School of Economics.

Nel 1993 Georgieva ha iniziato a lavorare per la Banca Mondiale come economista ambientale per l'Europa e l'Asia centrale. All'interno di quella istituzione ha ricoperto vari incarichi, giungendo a diventare direttrice del dipartimento per l'ambiente della Banca Mondiale. Dal 2004 al 2007 è stata la rappresentante permanente della Banca Mondiale in Russia. Successivamente è tornata a Washington per lavorare come direttrice delle strategie e delle azioni per lo sviluppo sostenibile e vicepresidente della Banca Mondiale.

Commissario europeomodifica | modifica sorgente

Kristalina Georgieva è stata indicata dal governo bulgaro per la Commissione europea solo dopo che il Parlamento Europeo aveva bocciato l'indicazione di Rumiana Jeleva, ritenuta insufficientemente competente e trasparente. L'audizione di Georgieva davanti al Parlamento Europeo è stata invece positiva.

Non appena nominata commissario europeo, Georgieva si è occupata del coordinamento della risposta europea alla crisi umanitaria seguita al terremoto di Haiti. In seguito Georgieva ha assicurato la visibilità e l'efficacia degli aiuti europei al Cile dopo il terremoto, al Pakistan dopo le alluvioni, ai Paesi del Sahel durante la crisi alimentare, al Darfur e al Kirghizistan. Ha anche seguito le crisi e le catastrofi naturali avvenute all'interno dell'Unione Europea. Tra le priorità del suo mandato, Georgieva ha indicato il rafforzamento della capacità europea di rispondere alle catastrofi, la creazione dei corpi volontari europei di aiuto umanitario e la revisione del piano di azione dell'Unione Europea per gli aiuti umanitari.

Nel 2010 Georgieva è stata eletta Commissario dell'anno dal quotidiano European Voice[1].

Vita personalemodifica | modifica sorgente

Kristalina Georgieva è sposata e ha un figlio.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ http://www.europeanvoice.com/page/evawards-nominees-and-voting/2755.aspx?LG=1.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Predecessore Commissario europeo
per la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi
Successore Flag of Europe.svg
Karel De Gucht (sviluppo e aiuti umanitari) 9 febbraio 2010 - in carica -
Predecessore Commissario europeo
per la Bulgaria
Successore Flag of Bulgaria.svg
Meglena Kuneva 9 febbraio 2010 - in carica -







Creative Commons License