L'ultimo gladiatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultimo gladiatore
Titolo originale L'ultimo gladiatore
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1964
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Avventura
Peplum
Regia Umberto Lenzi
Soggetto Gian Paolo Callegari
Albert Valentin
Sceneggiatura Gian Paolo Callegari
Albert Valentin
Fotografia Pier Ludovico Pavoni
Montaggio Nella Nannuzzi
Musiche Carlo Franci
Scenografia Pier Vittorio Marchi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'ultimo gladiatore è un film peplum del 1964 diretto da Umberto Lenzi.

Tramamodifica | modifica sorgente

Cassio Cherea e Messalina complottano segretamente contro l'imperatore Caligola, stanchi di essere continuamente sottoposti a soprusi. Caligola nota nei suoi vivai uno schiavo dotato di grande forza e lo fa addestrare per farlo combattere nelle arene come gladiatore. Naor accetta di combattere e sgomina i suoi avversari ma al termine dei combattimenti rifiuta sempre di uccidere l'avversario, attirandosi le ire dell'imperatore che decide di farlo uccidere. Naor riesce a sfuggire all'assassinio e scappa insieme ad un gruppo di schiavi, durante l'inseguimento Caligola viene ucciso da Cassio Cherea. Appena giunta la notizia, Messalina fa incoronare imperatore il marito Claudio causando lo sdegno di Cassio, che si sente ingannato e tradito. Messalina fa uccidere Cassio e in seguito assume Naor come guardia del corpo, assegnandoli in seguito l'incarico di uccidere un altro nemico. Naor non intende assassinare un uomo e Messalina progetta di far uccidere anche lui ma viene arrestata dal marito Claudio prima che riesca nel suo intento. Messalina si rende conto di essere perduta e si avvelena.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License