La fiammata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La fiammata
Titolo originale La fiammata
Paese di produzione Italia
Anno 1952
Durata 100 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Alessandro Blasetti
Soggetto dal dramma omonimo di Henry Kistermaekers
Sceneggiatura Vitaliano Brancati, Leonardo Benvenuti, Filippo Mercati, Alessandro Blasetti
Casa di produzione Cines
Fotografia Carlo Montuori
Montaggio Mario Serandrei
Musiche Alessandro Cicognini
Scenografia Mario Chiari
Costumi Maria De Matteis
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La fiammata è un film del 1952 diretto da Alessandro Blasetti, tratto dal dramma omonimo di Henry Kistemaekers.

Tramamodifica | modifica sorgente

In un castello francese, sullo sfondo dell'imminente guerra contro i prussiani, si intrecciano amori e intrighi. Monica riesce a salvare il marito colonnello dall'accusa di omicidio, evitando di cedere al ministro della guerra che voleva approfittare della situazione.

Produzionemodifica | modifica sorgente

Il regista Alessandro Blasetti accettò la proposta della Cines di dirigere questo film a patto di poter avere Vittorio De Sica nel cast di Altri tempi (film 1952).[1]

Criticamodifica | modifica sorgente

Secondo lo stesso regista, si tratta di un film di «second'ordine», la dimostrazione che «nemmeno una sufficiente regia può sollevare il livello di un testo mediocre».[1]

Per il Dizionario Mereghetti, è «un lavoro inesorabilmente teatrale e artificioso».[2]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Gianfranco Gori, Alessandro Blasetti. Firenze, La nuova Italia, 1984. p. 88
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 1099
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License