La mina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Mina del 1975, vedi La Mina.
La mina
Titolo originale La mina
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1958
Durata 90 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Giuseppe Bennati, aiuto regista Emilio Miraglia, assistente alla regia Vittorio Cecchi Gori
Soggetto Giuseppe Bennati
Sceneggiatura Vicente Escrivá, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Giuseppe Mangione, Alberto Albani Barbieri, Ranieri Cochetti
Produttore Mario Cecchi Gori, Pablo Tallavi
Produttore esecutivo ispettori alla produzione Armando Morandi, Pio Angeletti, assistente alla produzione Giorgio Musco
Casa di produzione Maxima Film, Lux Film, Aspa Film-Madrid
Distribuzione (Italia) Lux Film
Fotografia Marco Scarpelli, operatore Silvano Ippoliti, riprese subacquee Tommaso Manunza
Montaggio Franco Fraticelli
Musiche Carlo Rustichelli, dirette da Carlo Savina, Edizioni Musicali Campidoglio
Scenografia ambientazione Andrea Tomassi, architetto Mario Santovetti, arredamento Giorgio Giovannini
Costumi Piero Tosi
Trucco Goffredo Rocchetti, parrucchiere Fiamma Rocchetti
Interpreti e personaggi

La mina è un film drammatico del 1958, diretto da Giuseppe Bennati.

Il film è stato girato in parte negli Studi Cinematografici Ponti-De Laurentiis.

Tramamodifica | modifica sorgente

In una notte di burrasca, un gruppo di pescatori forestieri viene tratto in salvo dagli abitanti di Porto Ercole, un piccolo paese marinaro. La loro barca è troppo danneggiata e non può essere riparata, ma si accordano con una persona del posto per venderla come relitto. Mentre i suoi compagni tornano a casa, Stefano è costretto a fermarsi in paese in attesa che vengano svolte le pratiche burocratiche per ottenere l'autorizzazione del Registro Marittimo alla vendita.

Stefano conosce Raffaele, detto l'Ardito, un pescatore del posto che gli affitta un letto nella sua casa, e si invaghisce di Lucia, una bella ragazza orfana che vive con il fratellino Picchio. Ma Lucia è corteggiata anche da Nicola, il proprietario della Ionia, la locale società di pescherecci, che per allontanare il rivale gli offre lavoro su una delle sue barche.

Scoperto l'imbroglio, inizia lo scontro tra i due. Stefano avanza delle rivendicazioni sindacali in favore degli altri dipendenti di Nicola e, per ritorsione, Nicola fa cadere un asse di legno sul collo di Stefano. Successivamente Stefano prende a pugni Nicola e quest'ultimo brucia il relitto che Stefano dovrebbe vendere.

Stafano si accorge che l'Ardito, aiutato da Picchio e da Lucia, effettua la pesca illegale utilizzando delle bombe per uccidere i pesci e, visto l'elevato rischio, vorrebbe convincerli a smettere. Intanto si scopre che nella rete di un peschereccio di Nicola è rimasta incagliata una mina risalente alla seconda guerra mondiale e Stefano, che è stato un sommozzatore, con grande fatica riesce a sganciarla.

Prima di essere fatta brillare dagli artificieri, la mina viene però rubata dall'Ardito e da Picchio che vorrebbero estrarne l'esplosivo per fabbricare le bombe per la pesca. Anziché aspettare uno specialista amico dell'Ardito, il piccolo Picchio si tuffa e comincia a smontare la mina. In difficoltà chiede aiuto all'Ardito, che gli salva la vita, ma salta in aria in seguito all'esplosione.

Mentre Stefano sta per ripartire, Lucia che fino ad allora gli aveva negato il suo amore, si decide finalmente a dichiararsi e i due possono rimanere a vivere insieme.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema







Creative Commons License