La regina dei Caraibi (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La regina dei caraibi
Autore Emilio Salgari
1ª ed. originale 1901
Genere romanzo
Sottogenere romanzo di avventura
Lingua originale italiano
Ambientazione Mar dei Caraibi
Serie I corsari delle Antille
Preceduto da Il Corsaro Nero
Seguito da Jolanda, la figlia del Corsaro Nero

La regina dei caraibi è un romanzo di Emilio Salgari pubblicato nel 1901 da Donath; è il secondo romanzo del ciclo dei corsari delle Antille.

È il seguito del romanzo Il Corsaro Nero (ma l'autore stesso non decide se sono trascorsi uno o quattro anni) e precede (di sedici o diciotto anni) Jolanda, la figlia del Corsaro Nero. Il romanzo poi fornisce due date di ambientazione contraddittorie: il 1683, anno in cui è avvenuto storicamente l'assedio di Veracruz, e il 1680.

Ritroviamo qui il Corsaro Nero, tormentato dal rimorso per aver abbandonato in mare l'amata Honorata Wan Guld, ma deciso a concludere la vendetta contro il duca Wan Guld, responsabile della morte dei suoi tre fratelli.

Tramamodifica | modifica sorgente

Il Corsaro Nero, accompagnato dai fidati Carmaux, Wan Stiller e Moko, nonché dal luogotenente Morgan e dall'equipaggio della Folgore, intraprende un lungo viaggio al fine di uccidere il carnefice dei suoi fratelli: il duca di Wan Guld. Oltre che dai suoi fidi compagni di ventura il Corsaro Nero è accompagnato da Yara: una bella principessa indiana la quale è innamorata del Corsaro e vuole vendicarsi anch'ella dello sterminio della sua famiglia. Il gruppo riesce, dopo varie avventure, a scoprire dove si trovi il duca Wan Guld e cioè a Veracruz.

I filibustieri della Tortue, guidati dai condottieri (storicamente esistiti) Wan Horn, Laurent e Grammont, con cui il Corsaro Nero si era accordato, conquistano la città, ma il duca riesce a fuggire nuovamente, e il Corsaro Nero, Carmaux e Moko vengono catturati e imbarcati verso la Florida per essere consegnati poi proprio al duca.

La Folgore, però, li raggiunge durante una tempesta e riesce a liberarli. Dopo di che, i filibustieri abbordano la nave del duca, il quale vedendosi perduto fa esplodre la propria nave, nella speranza di uccidere anche il proprio nemico. Tuttavia il Corsaro e i tre compari riescono a salvarsi a nuoto e ad approdare sulle coste caraibiche, mentre la Folgore, in fiamme, viene trascinata al largo dalla tempesta.

I quattro filibustieri, mentre attraversavano le paludi e le foreste di quelle ignote coste, vengono catturati da alcuni indigeni. I quattro fortunati vengono poi salvati da Honorata Wan Guld, creduta dispersa, che aveva fatto naufragio su quella costa ed era diventata regina della tribù, in quanto era considerata un genio del mare.

Il Corsaro Nero decide di rinunciare alla sua vendetta e fa ritorno in Italia assieme alla sua amata.

Edizionimodifica | modifica sorgente

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura







Creative Commons License