Lamar Odom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lamar Odom
LamarOdomLakers.jpg
Odom con la maglia dei Los Angeles Lakers
Dati biografici
Nome Lamar Joseph Odom
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 208 cm
Peso 104 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala
Squadra New York Knicks New York Knicks
Carriera
Giovanili
1994-1998
1998-1999
Saint Thomas Aquinas High School
Rhode Island Rams Rhode Island Rams
Squadre di club
1999-2003 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 230
2003-2004 Miami Heat Miami Heat 80
2004-2011 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 519
2011-2012 Dallas Mavericks Dallas Mavericks 50
2012 Texas Legends Texas Legends 0 (0)
2012-2013 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 82
2014 Saski Baskonia Saski Baskonia 2 (2)
2014- New York Knicks New York Knicks
Nazionale
2004-2010 Stati Uniti Stati Uniti 8
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Bronzo Atene 2004
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Oro Turchia 2010
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 aprile 2014

Lamar Joseph Odom (Queens, 6 novembre 1979) è un cestista statunitense.

Carriera nella NBAmodifica | modifica sorgente

Dopo tre stagioni all'università di Rhode Island, si dichiarò eleggibile per il Draft NBA 1999. Non terminò così il suo anno da senior, venendo selezionato come 4ª scelta dai Los Angeles Clippers. Il suo debutto nella lega è datato il 2 novembre 1999 contro i Seattle Supersonics dove in 44 minuti Odom fece 30 punti 12 rimbalzi 3 assist 2 stoppate e 2 palle recuperate. Nella sua stagione da rookie giocò alla grande concludendo con 16,6 punti, 7,8 rimbalzi e 4,2 assist di media. Restò per quattro anni ai Clippers, per poi passare nella stagione 2003-04 ai Miami Heat, con un contratto di 6 anni da un totale di 65 milioni di dollari.

Odom ai Lakers nel 2007.

Anche qui realizzò un'ottima stagione, con 17,1 punti, 9,7 rimbalzi e 4,1 assist. Con queste statistiche, unite alle altre due ottime stagioni delle altre due stelle nascenti della squadra (Dwyane Wade e Caron Butler) Miami riuscì a passare ai playoffs e a confrontarsi con le migliori.

Alla fine di quella promettente stagione, però, Miami, per riuscire ad accaparrarsi Shaquille O'Neal, dovette cedere Odom, Butler e Grant ai Lakers.

Le tre stagioni seguenti sono tra alti e bassi ma la quarta stagione, 2007-08, è la migliore in carriera di Lamar che dopo l'acquisizione da parte dei Lakers di Pau Gasol, è migliorato in tutte le sue statistiche rivelandosi anche decisivo in molte partite. Conclude la sua regular season con 14,2 punti a partita, 10,6 rimbalzi, 3,5 assist a partita.

Nella stagione 2008-09, nonostante il fatto di partire dalla panchina per ben 46 volte su 78, riesce a dare il suo contributo al raggiungimento del secondo posto dopo la regular season dietro ai Cleveland Cavaliers, mantenendo 11,3 punti, 8,2 rimbalzi e 2,6 assist in 29,7 minuti di media. Ma è durante i play-off che rivela la sua importanza per la squadra, mettendo a segno numerose doppie doppie, sempre partendo dalla panchina, e mantenendo elevate le percentuali di tiro. Sconfiggendo in finale i sorprendenti Orlando Magic, grazie ad un cast stellare comprendente tra gli altri anche Kobe Bryant, Pau Gasol, Bynum, Ariza e Fisher, i gialloviola riescono a vincere il 15º anello della loro storia, il primo personale per "Lamarvelous".

Dopo esser stato per un buon periodo sul mercato dei free agent, il 30 luglio 2009 ha firmato un contratto di 3 anni con l' opzione del 4º, prendendo a stagione poco più di 8,3 milioni di dollari. Nel novembre 2011, durante il Lockout NBA, firma con il Beşiktaş ma, a causa della fine del Lockout stesso, non gioca neanche una partita con la squadra turca. L'11 dicembre 2011 diviene un giocatore dei Dallas Mavericks in cambio di una futura prima scelta e della "trade exception".

Il 3 marzo 2012 viene assegnato alla franchigia di sviluppo dei Texas Legends, nella NBDL[1]. Il giorno dopo viene però reintegrato nel roster ufficiale dei Mavericks[2].

Il 28 giugno 2012 viene ceduto ai Los Angeles Clippers in una trade che ha coinvolto anche Utah Jazz e Houston Rockets[3].

Il 18 febbraio firma un contratto della durata di due mesi (con possibilità di rinnovo fino alla fine della stagione) con gli spagnoli del Saski Baskonia[4]. Un mese dopo, in seguito ad un infortunio alla schiena, fa ritorno negli Stati Uniti per un consulto con i suoi medici personali: non è in grado di terminare la stagione col Baskonia, chiudendo quindi l'esperienza con sole 2 partite giocate.

Il 16 aprile 2014 firma con i New York Knicks per le ultime partite stagionali.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Con la Nazionale statunitense prese parte al torneo olimpico di Atene 2004, dove la squadra americana dovette accontentarsi della medaglia di bronzo.

Ha fatto parte della Nazionale statunitense che vinse i mondiali di Turchia 2010. Qui disputò 9 partite con il 53,8% dal campo e 69 rimbalzi, risultando così il miglior rimbalzista del Team USA.[5]

Statistiche nella stagione regolaremodifica | modifica sorgente

Legenda: PG=Partite giocate PT=Partite da titolare MPG=Minuti per gara PPG=Punti per gara SPG=Palle rubate per gara RPG=Rimbalzi per gara APG=Assist per gara BPG=Stoppate per gara.

Stagione Squadra PG PT MPG PPG SPG RPG APG BPG
'99-00 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 76 70 36,4 16,6 1,2 7,8 4,2 1,2
'00-01 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 76 74 37,3 17,2 1,0 7,8 5,2 1,6
'01-02 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 29 25 34,4 13,1 0,8 6,1 5,9 1,2
'02-03 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers 49 47 34,3 14,6 0,9 6,7 3,6 0,8
'03-04 Miami Heat Miami Heat 80 80 37,5 17,1 1,1 9,7 4,1 0,9
'04-05 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 64 64 36,3 15,2 0,7 10,7 3,7 1,0
'05-06 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 80 80 40,3 14,8 0,9 9,2 5,5 0,8
'06-07 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 56 56 39,3 15,9 0,9 9,8 4,8 0,6
'07-08 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 77 77 37,9 14,2 1,0 10,6 3,5 0,9
'08-09 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 78 32 29,7 11,3 1,0 8,2 2,6 1,3
'09-10 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 82 38 31,5 10,8 0,9 9,8 3,3 0,7
'10-11 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 82 35 32,2 14,4 0,6 8,7 3,0 0,7
'11-12 Dallas Mavericks Dallas Mavericks 50 4 20,5 6,6 0,4 4,2 1,7 0,4

Statistiche nei play-offmodifica | modifica sorgente

Stagione Squadra PG PT MPG PPG SPG RPG APG BPG
'03-04 Miami Heat Miami Heat 13 13 39,4 16,8 1,1 8,3 2,8 0,8
'05-06 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 7 7 44,9 19,1 0,4 11,0 4,9 1,1
'06-07 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 5 5 38,4 19,4 0,4 13,0 2,2 1,2
'07-08 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 21 21 37,4 14,3 0,7 10,0 3,0 1,3
'08-09 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 23 5 32,0 12,3 0,7 9,1 1,8 1,4
'09-10 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 23 0 29,0 9,7 0,6 8,6 2,0 0,9
'10-11 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 10 1 28,6 12,1 0,2 6,5 2,1 0,4

Premi e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Los Angeles Lakers: 2009, 2010.

Vita privatamodifica | modifica sorgente

È stato fidanzato con Liza Morales, con la quale ha avuto tre figli: Destiny (1998), Lamar Jr. (2002) e Jayden (15 dicembre 2005). Il 29 giugno 2006 Jayden, il figlio di 6 mesi di Odom, è morto di SIDS mentre dormiva nella sua casa di New York.

Nel settembre 2009 si è sposato con l'attrice Khloé Kardashian.

Il 26 agosto 2013 viene diffusa la notizia della sua sparizione da 3 giorni. Il giocatore sarebbe scomparso dopo essere stato cacciato di casa dalla moglie a seguito del suo rifiuto di entrare in riabilitazione per curare la sua dipendenza da crack. Il 30 agosto 2013 viene arrestato per guida in stato di ebbrezza[6]; il successivo 9 dicembre si dichiara colpevole al processo e accetta la condanna a 3 anni di libertà vigilata e 3 mesi di riabilitazione[7].

Il 13 dicembre 2013 la moglie Khloé presenta i documenti per la richiesta di divorzio[8].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Odom ai Texas Legends
  2. ^ Mavs Recall Lamar Odom From Texas Legends « CBS Dallas / Fort Worth
  3. ^ Nba News - Notizie quotidiane dal mondo Nba
  4. ^ (ES) Laboral Kutxa se refuerza con el ex NBA Lamar Odom, baskonia.com, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  5. ^ (EN) Lamar ODOM, turkey2010.fiba.com.
  6. ^ Basket NBA, Odom altri guai: è stato arrestato, tuttosport.com.
  7. ^ Lamar Odom condannato a tre anni di liberta vigilata, sportando.com.
  8. ^ Altre nozze finite nel clan Kardashian: divorziano anche Khloe e Lamar Odom, quotidiano.net.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License