Laura Vittoria Mancini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laura Mancini
Laura Mancini
Duchessa di Mercœur
Nome completo italiano: Laura Vittoria Mancini
francese: Laure Victoire Mancini
Nascita Roma, Stato Pontificio, 6 maggio 1636
Morte Parigi, Francia, 8 febbraio 1657
Padre Lorenzo Mancini
Madre Geronima Mazarino
Consorte Luigi, Duca di Vendôme
Figli Luigi Giuseppe, Duca di Vendôme
Filippo, Duca di Vendôme

Laura Vittoria Mancini (Roma, 1636Parigi, 8 febbraio 1657) era una nipote del Cardinale Mazarino. Era la maggiore delle famose cinque sorelle Mancini, che insieme a due delle loro cugine Martinozzi, erano note alla corte di Luigi XIV di Francia come le Mazarinettes. Sposò Luigi di Borbone, Duca di Vendôme, nipote di Re Enrico IV e fu la madre del grande generale il Duca di Vendôme.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Laura era la maggiore delle figlie di Lorenzo Mancini, cognato del Cardinale Mazarino attraverso sua moglie Geronima Mazarino. Ricevé il nome Vittoria in onore della nonna paterna, Vittoria Capocci. La maggiore di dieci figli, attraverso l'influenza di suo zio, il consigliere personale di Luigi XIII di Francia, Laura e la sua famiglia furono invitati in Francia, lasciando Roma nel 1653 dopo la morte di suo padre con i loro cugini Laura e Anna Maria. La famiglia risiedé nel Palais Royal a Parigi, dimora della Regina Anna e dei suoi figli Luigi XIV e Filippo, Duca d'Orléans.

Le quattro sorelle di Laura erano:

  1. Olimpia (1638–1708) sposò Eugenio Maurizio, Conte di Soissons, madre del famoso generale Eugenio di Savoia.
  2. Maria (1639–1715) primo amore di Luigi XIV, moglie del Principe Lorenzo Onofrio Colonna.
  3. Ortensia (1646–1699) sposò Armand Charles de La Porte de La Meilleraye e amante di Carlo II d'Inghilterra.
  4. Maria Anna (1649–1714) sposò Goffredo Maurizio de La Tour d'Auvergne, Duca di Bouillon, nipote di Turenne.
Stemma di Laura Mancini come Duchess of Mercœur

Laura aveva anche tre fratelli: Paolo (1636-1652), Filippo, Duca di Nevers (1641-1707), e Alfonso (1644-1658). Inizialmente fidanzata a Louis Charles de Nogaret de La Valette, Duca di Candale, figlio del Duca di Épernon, l'unione non ebbe luogo ed ella fu invece data in moglie a Luigi di Borbone, Duca di Mercœur. Il giovane Luigi era il figlio del Duca di Vendôme, figlio illegittimo di Enrico IV di Francia e di Gabrielle d'Estrées.

Laura sposò Luigi al Palais Royal nella capitale francese il 4 febbraio 1651 diventando quindi Duchessa di Mercœur. Avendo sposato un legittimato principe del sangue, a Laura fu permesso di utilizzare l'appellativo di altezza serenissima. Tuttavia, ella ebbe un rango inferiore a quello della cugina la Principessa di Conti che aveva sposato un principe legittimo. Il giovane duca s'innamorò immediatamente di sua moglie e il suo affetto era corrisposto. Tre figli seguirono in rapida successione il maggiore dei quali fu un famoso comandante delle guerre della Grande Alleanza e della Successione Spagnola. Laura morì a seguito del parto di Giulio Cesare, chiamato in onore del nonno e del Cardinale, nel 1657. Nato il 27 gennaio, la duchessa morì quindici giorni dopo, il 7 febbraio. Sepolta a Parigi, suo marito si ritirò dalla vita pubblica per diventare cardinale, assicurando l'educazione dei suoi figli alla sorella di Laura la Duchessa di Bouillon.

Discendenzamodifica | modifica sorgente

Da Luigi di Borbone-Vendôme Laura Vittoria ebbe:

Titoli e trattamentomodifica | modifica sorgente

  • 6 maggio 1636 - 4 febbraio 1651 Laura Vittoria Mancini
  • 4 febbraio 1651 - 8 febbraio 1657 Sua Altezza Serenissima La Duchessa di Mercœur

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

in tedesco:

  • Otto Flake: Große Damen des Barock. Historische Porträts. Fischer, Berlin 1981, ISBN 3-596-22273-7, S. 23–26.
  • Amédée Renée: Die Nichten Mazarin’s. Studien der Sitten und Charaktere im 17. Jahrhundert. 3. Auflage. Rudolf Kuntze, Dresden 1858, S. 88–99 (PDF; 21,8 MB).
  • (EN) Guy Jean Raoul, Eugène Charles Emmanuel de Savoie-Carignan: The seven richest heiresses of France. J. Long, London 1911, S. 74–85.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License