Leone Nani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leone Nani (Albino, 18801935) è stato un missionario e fotografo italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un idraulico della provincia bergamasca, ancora bambino venne mandato dalla famiglia a studiare al seminario di Bergamo, che tuttavia lasciò nel 1898 quando fu trasferito al Pontificio seminario romano dei santi apostoli Pietro e Paolo per le missioni estere. Partì missionario per la Cina il 20 settembre 1903 e vi rimase fin al 1914.

Nel corso di questi anni, Nani percorse diverse regioni cinesi e in particolare lo Shaanxi, affiancando la sua attività religiosa a un'assidua opera di fotografo della realtà sociale e antropologica della Cina a cavallo tra XIX e XX secolo.

Nani fotografava tutti: uomini, donne, ricchi, poveri, vecchi, bambini. Le oltre 600 lastre che Nani portò dalla Cina, conservate dal Pontificio Istituto Missioni Estere e poi pubblicate su diversi giornali e in alcune mostre, costituiscono una straordinaria testimonianza sugli stili di vita della Cina di quel periodo.

A Milano, Palazzo Reale, dal 17 dicembre 2003 al 25 gennaio 2004 si è tenuta la mostra dal titolo: Cina perduta nelle fotografie di Leone Nani. A Verona, Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri, dal 24 febbraio al 4 maggio 2008 si è tenuta un'altra mostra dallo stesso titolo.

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Di carattere assai vivace e burlesco, Nani era stato soprannominato dai suoi confratelli "don Allegro".

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • L.Nani Cina nelle lastre di Leone Nani, Editore Grafo, ISBN 88738522380, 1994, 154 pag.
  • Clara Bulfoni, Anna Pozzi, Cina perduta nelle fotografie di Leone Nani, Skira editore, ISBN 88-8491-570-8, 2003, 224pag

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License