Leopoldina Naudet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leopoldina Naudet (Firenze, 13 maggio 1773Verona, 17 agosto 1834) è stata una religiosa italiana, fondatrice della congregazione delle sorelle della Sacra Famiglia.[1]

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque a Firenze da Giuseppe, un alto funzionario del la corte del granduca Pietro Leopoldo, originario di Soissons, e da Susanna von Arnth, figlia di un ufficiale austriaco.[2]

Perse la madre in tenera età e trascorse l'infanzia tra Italia, Austria e Francia.[2]

Dopo la morte del padre, seguì il granduca Pietro Leopoldo (divenuto imperatore) a Vienna e divenne dama di compagnia di sua figlia, l'arciduchessa Maria Anna, residente a Praga.[2]

Entrò in contatto con Niccolò Paccanari, ispirato dal quale fondò la congregazione delle Dilette di Gesù, suore insegnanti di ispirazione ignaziana (tra le collaboratrici ebbe Madeleine-Sophie Barat):[2] caduto in disgrazia Paccanari, la congregazione si dissolse e la Naudet si trasferì a Verona, dove divenne collaboratrice di Maddalena di Canossa, anch'essa fondatrice di una congregazione di suore insegnanti (le Figlie della Carità).[3]

Desiderando dedicarsi specialmente all'educazione delle ragazze di buona famiglia, nel 1816 fondò le sorelle della Sacra Famiglia.[3]

Il suo processo di beatificazione si è aperto nel 1971: il 6 luglio 2007 papa Benedetto XVI ha promulgato il decreto [4] riguardante le virtù eroiche della serva di Dio Leopoldina Naudet, riconoscendole il titolo di venerabile.[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Hagiography Circle. URL consultato il 4 agosto 2011.
  2. ^ a b c d C. Simonelli, "Leopoldina Naudet", in Enciclopedia delle donne. URL consultato il 4 agosto 2011.
  3. ^ a b N. Dalle Vedove, DIP, vol. VIII (1988), coll. 1921-1922.
  4. ^ M. Bonato, Decreti. Ieri la firma di Benedetto XVI. Sacra Famiglia,
 la fondatrice
 diventerà beata. Leopoldina Naudet ora è venerabile. L'Arena, 7 luglio 2007

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (a cura di), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.
  • Cristina Simonelli, Leopoldina Naudet. Sette stanze e un'ouverture, Gabrielli Editori, Verona 2009, ISBN 8860991005.
  • Mauro Bonato Pia Accordini, Memorie secrete, Della Scala Edizioni, Verona 1999, ISBN 8885099366

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License