Leslie Cheung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leslie Cheung Kwok-Wing (12 settembre 19561 aprile 2003) è stato un attore e musicista hongkonghese, soprannominato Gor Gor(哥哥) che significa "fratello maggiore"[1][2][2][3]. Considerato come uno dei padri fondatori della Cantopop, ha unito una brillante carriera musicale ad interpretazioni in film di enorme successo.[4]

Infanzia e adolescenzamodifica | modifica sorgente

Nato a Kowloon è il più giovane di dieci figli d'una famiglia della classe media. Il padre è un sarto molto noto nell'ambiente della moda, tra i suoi innumerevoli clienti ha tra l'altro anche gli attori americani Marlon Brando e Cary Grant[5][6][7]. I suoi genitori però divorziano quando è ancora molto piccolo.

All'età di 13 anni viene mandato dalla famiglia in Inghilterra come convittore presso la prestigiosa "Eccles Hall School"; dopo appena sei mesi si trasferisce a Chelmsford dove ha ottenuto una borsa di studio. Lavora inoltre come barista durante il tempo libero presso un ristorante gestito da suoi parenti, intrattenendo anche gli avventori cantando durante i weekend. Ed è proprio in questo periodo che sceglie di portar il nome "Leslie"; sceglie questo nome per il suo amore nei confronti di Via col vento e "Mi piace Leslie Howard. Il nome inoltre è molto unisex, può esser sia da uomo che da donna, per questo l'ho voluto"[8]

In molte interviste rilasciate oramai da adulto fatto, dichiara d'aver avuto un'infanzia piuttosto infelice: "ho subito molte discussioni e lotte interne alla mia famiglia. Sono stato allevato essenzialmente da mia nonna"[8], "Quello che più mi ha dato sofferenza da bambino è stato vedere che i miei genitori non vivevano assieme nella stessa casa, come invece accadeva a tutti gli altri[9]

Frequenta l'università di Leeds nel nord dell'Inghilterra, dove studia gestione tessile; ma abbandona al termine del primo anno, dopo che suo padre s'ammala abbastanza gravemente. Non torna più in Inghilterra per completar gli studi neanche dopo che il genitore si rimette in salute[6][10]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Inizimodifica | modifica sorgente

Nel 1977 firma un contratto con la RTV (in seguito divenuta AsiaTelevisionLimited-ATL) e dà avvio alla sua carriera nel mondo dello spettacolo: i primi tempi non sono stati facili e i suoi primi due album non ebbero un gran riscontro di pubblico. Il primo film a cui partecipa è del 1978, un pornosoft dal titolo Il sogno erotico della camera rossa(红楼春上春): in seguito dichiara che non era stato informato della natura sessuale della pellicola[9]. Durante gli anni tra la fine dei '70 e l'inizio degli '80 appare in una serie di drammi televisivi, che contribuiscono a trasformarlo in un nome popolare nel sudest asiatico

La famamodifica | modifica sorgente

A partir dalla metà degli anni '80 scala le vette delle classifiche (nell'84 entra per la prima volta in top-ten) ed intrattiene una duratura amicizia con la cantante Anita Mui. Nel 1986 pubblica il primo album mandarino per Taiwan ititolato "L'amore in quegli anni" e che divien un successo immediato.

Leslie assieme ad Anita Mui ed altri collaboratori

La carriera cinematografica invece stenta un po' di più a decollare, continuando ad apparire in semplici ruoli di supporto; tuttavia il suo talento recitativo fu subito riconosciuto tanto da guadagnarsi la nomination agli AwardsFilm di Hong Kong come miglior attore non protagonista in On trial(1981). L'anno successivo svolge un ruolo di primo piano in Teenage Dreamers, da allora in poi ottenendo sempre parti da protagonista: fino a quel momento la maggior parte dei film a cui partecipa eran teen drama fino a Nomad, da lui stesso considerato il suo primo vero film. Nello stesso tempo continua a partecipare a vari drama televisivi.

Nel 1988 compone una delle sue canzoni più famose il silenzio è d'oro (沉默是金), subito adattato anche in versione taiwanese.

Abbandono e residenza in Canadamodifica | modifica sorgente

Nel 1989 annunzia la sua intenzione irrevocabile di ritirarsi dal mondo della musica come cantante. Nel 1990 lascia Hong Kong ed emigra a Vancouver dove riferisce d'aver trovato finalmente la pace e la tranquillità di cui tanto sentiva il bisogno[11]. Acquisisce la cittadinanza canadese nel 1992 e non torna più in Asia fino al 1995, per il suo rientro nella musica pop cinese.

Successo nella cinematografiamodifica | modifica sorgente

Dalla metà degli anni '80 alla metà dei '90 si verificò un periodo d'oro per l'industria cinematografica di Hong Kong, che ha coinciso perfettamente con la carriera di Leslie Cheung. Dal 1986 al 1989 assume ruoli importanti in un certo numero di film, tra cui A Better Tomorrow e A Better Tomorrow II (sarà un giovane poliziotto onesto e idealista), considerati dei classici da critici ed appassionati del cinema asiatico e a seguito dei quali il suo nome inizia ad esser conosciuto nei mercati giapponese e coreano[12][13] Nel 1990 assume la parte d'un bel ragazzo cattivo e senza scrupoli, donnaiolo e narcisista, nel film di Wong Kar-Wai Days of being wild. Recita successivamente in altri due film dello stesso regista, Ashes of Time del 1994, dove interpreta uno spadaccino assassino che vive ai margini del deserto, e in Happy Together del 1997, dove è narrata una complessa e difficile relazione tra due amanti gay, interpretati da Cheung e da Tony Leung.

In precedenza già nel 1992 ottiene un ampio riconoscimento nello storico film Addio mia concubina diretto da Chen Kaige: qui vive la parte di un attore dell'opera di Pechino che raggiunge la fama con le sue performance in ruoli squisitamente femminili. Questo è stato il primo film cinese ad aver vinto la Palma d'oro al Festival di Cannes. Questa prestazione gli valse definitivamente fama internazionale come star del cinema. Altro film importante è He's woman, she's Man del 1994 con Anita Yuen

Nel 1996 lavora nuovamente con Kaige nel ruolo d'un vacuo gigolò in Le tentazioni della luna. Nel 1998 scatena un acceso dibattito per il suo ruolo in A time to remember dove recita la parte di un leader comunista cinese. Essendo un attore molto versatile offre delle prove positive anche in diverse commedie, tra cui All's well, ends well (tutto è bene quel che finisce bene) dove fa la parte di un giovane uomo effeminato che, dopo molte vicissitudini, si renderà conto del vero significato da attribuir alla parola "Amore". Nel 1998 è stato membro della giuria al 48º festival di Berlino[14]

Ritorno nella scena della musicamodifica | modifica sorgente

Leslie saluta il pubblico durante uno dei suoi concerti

Anche se dal 1989 al 1995 ha chiuso la sua carriera di cantante pop, prosegue però a comporre testi e musica. Con gli album con cui torna al successo come cantante, il suo stile musicale risulta esser molto differente da quello che aveva in precedenza. Nel 1998 pubblica Printemps, un album mandarino in collaborazione con altri rinomati cantautori e produttori taiwanesi, tra cui Liu Chi Hong e i Metallica (刘志宏) e Liu Si Ming (刘思铭) che viene subito pubblicato anche in una versione in giapponese col titolo Gift.

Per tutto il 1997 tiene una serie di concerti dal vivo: assieme al perfezionamento del suo stile, introduce una nuova immagine di sé per il pubblico che gli è affezionato. Nel 1999 fonda una sua società musicale firmandoun contratto di distribuzione con l'Universal Music

Gli ultimi annimodifica | modifica sorgente

Nel 2000 tiene la sua ultima serie di concerti

La mortemodifica | modifica sorgente

Il luogo in cui è morto Leslie Cheung, costantemente pieno di fiori

Leslie Cheung si suicida il 1 di aprile dell'anno 2003 alle ore 18.41 locali, lanciandosi dal 24º piano del Mandarin Oriental Hotel situato nel quartiere centrale di Hong Kong Island.[15] Ha lasciato un biglietto d'addio dicendo che soffriva di depressione.[16][17][18][19][20][21] Aveva 46 anni. Di carattere schietto e senza compromessi, vivace e di sentimenti delicati e sinceri, riusci ad attrarre a sé molte vere amicizie all'interno del mondo dello spettacolo ove si trovava a operar, tra cui Anita Mui, Tony Leung, Teresa Mo, John Woo, Maggie Cheung e altri

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Leslie è bisessuale ed una volta affermò in un'intervista nel 2001 ad una rivista importante: "È forse molto più opportuno dire che sono bisessuale, a vent'anni ho avuto anche delle fidanzate"[22]. Dai primi anni '90 è stato d'altronde uno dei pochissimi attori d'origine cinese che hanno avuto il coraggio d'interpretare personaggi apertamente omosessuali sul grande schermo, a partire dal pluripremiato Addio mia concubina del 1993, dove interpreta un cantante Dan (attore maschio il quale, secondo la tradizione teatrale, ricopre ruoli femminili) che s'innamora del suo partner di lavoro.

Discografia e filmografia parzialemodifica | modifica sorgente

Discografiamodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Fans Pay Tribute to Beloved Leslie Cheung
  2. ^ a b Leslie Cheung – Biography
  3. ^ Thousands of fans pay tribute to Leslie Cheung in China Daily. URL consultato il 28 marzo 2012.
  4. ^ Simon Broughton, Mark Ellingham, "World Music Volume 2: Latin and North America, Caribbean, India, Asia and Pacific", P54., BBC Radio, ISBN 1-85828-636-0
  5. ^ Kevin Thomas, "A Career In Full Plumet", Los Angeles Times, 22 June 1997, page 6
  6. ^ a b Michel Ciment, Hubert Niogret, "Interview of Leslie Cheung", Positif no. 455/1999, Berlin, conducted on 21 February 1998
  7. ^ Chitose Shima, "Leslie Cheung Interview", All About Leslie, p25-40, Saangyo Henshu Center Co., Ltd., Tokyo, Japan, 1999, ISBN 4-916199-10-3
  8. ^ a b Richard Corliss, Forever Leslie in Time, 30 aprile 2001. URL consultato il 14 agosto 2008.
  9. ^ a b Leslie Cheung, "Leslie Cheung Autobiography", Commercial Radio Hong Kong, 1985, (also collected in Album Collection History-His Story by Capital Artist, 2004), an English translation can be found in [1]
  10. ^ Chitose Shima, "Leslie Cheung Interview", All About Leslie, p25-40, Sangyo Henshu Center Co., Ltd., Tokyo, Japan, 1999, ISBN 4-916199-10-3
  11. ^ The rise and tragic fall of a Canto-pop king, Asian Pacific Post, 10 aprile 2003. URL consultato il 21 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2008).
  12. ^ The Best 100 Chinese Motion Pictures, Hong Kong Film Awards
  13. ^ "A Better Tomorrow" collegamento interrotto
  14. ^ Berlinale: 1998 Juries in berlinale.de. URL consultato il 14 gennaio 2012.
  15. ^ Corliss, R. (2003). "That old feeling: Days of being Leslie" Time magazine Asia Edition. Retrieved 17 December 2005, from ]
  16. ^ Stephen Kelly, "WHY DOES IT HAVE TO BE LIKE THIS?" Leslie Cheung, 1956–2003", 8 May 2003
  17. ^ "Leslie Cheung Kwok-Wing commits suicide.", Hong Kong Entertainment News in Review (2003). Retrieved 17 December 2005
  18. ^ "Actor Leslie Cheung 'found dead'", BBC, 1 April 2003
  19. ^ "Activities to Commemorate Leslie Cheung", Xinhua, 2 April 2005
  20. ^ Yu Sen-lun, "The Leslie Cheung Legend Lives on", TaiPei Times, 10 April 2003
  21. ^ Bruce Einhorn, "Hong Kong: A City in Mourning", BusinessWeek, 14 April 2003
  22. ^ Corliss, R. (2001). "Forever Leslie", Time magazine Asia Edition. Retrieved 17 December 2005,

Controllo di autorità VIAF: 117374826 LCCN: no97066906








Creative Commons License