Libero Mancone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Libero Mancone (Roma, 18 gennaio 1949Roma, 1993) è stato un criminale italiano, ed esponente dell'organizzazione malavitosa romana Banda della Magliana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Primo arresto nel 1970 per furto aggravato, sin da giovane Mancone era operativo all'interno del gruppo criminale di Nicolino Selis che agiva nelle zone di Ostia e Acilia, a sud della capitale. Introdotto dallo stesso Selis, entrò poi a far parte del nucleo originario della nascente Banda della Magliana, con compiti di controllo dello spaccio delle sostanze stupefacenti nella zona di Acilia.[1]

È deceduto nel 1993 in un incidente stradale sulla Strada statale 8 (Via del Mare), che collega Roma ad Ostia.

Fierolocchiomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fierolocchio.

La figura di Libero Mancone ha ispirato il personaggio di Fierolocchio nel libro Romanzo criminale, scritto nel 2002 da Giancarlo De Cataldo e riferito alle vicende realmente avvenute della Banda della Magliana. Nell'omonimo film che ne verrà poi tratto, diretto da Michele Placido nel 2005, il personaggio di Fierolocchio fu interpretato dall'attore Giorgio Careccia, mentre nella serie televisiva, diretta da Stefano Sollima, i suoi panni furono vestiti da Mauro Meconi.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Bianconi, 2005, op. cit., p. 86

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License