Libri deuterocanonici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Köln-Tora-und-Innenansicht-Synagoge-Glockengasse-040.JPG

I libri deuterocanonici (ovvero del secondo canone) sono quei libri della Bibbia che sono stati accolti nel canone della Chiesa latina e dalla Chiesa greca, ma che, per l'Antico Testamento, sono stati parzialmente o totalmente respinti dalla Comunione Anglicana e dalle chiese protestanti che non li ritengono validi per la formazione di articoli dottrinali, ma solo per l'edificazione personale. Dai Protestanti sono in questo caso chiamati apocrifi. Il termine viene anche utilizzato per alcuni libri del Nuovo Testamento, detti anche antilegomena.

Nell'Antico Testamentomodifica | modifica sorgente

I libri deuterocanonici dell'Antico Testamento sono inclusi nella versione greca della Bibbia detta Septuaginta (il cosiddetto canone alessandrino), mentre non fanno parte dell'elenco dei libri considerati ispirati dagli Ebrei, definito nel I secolo d.C. (il canone palestinese). Questi libri vennero esclusi perché successivi ad Esdra e non scritti in ebraico, sebbene di alcuni di questi sono stati ritrovati nel XX secolo edizioni in ebraico tra i manoscritti di Qumran che risalgono a prima del II secolo.

Nella tradizione cristiana sono esplicitamente considerati canonici a partire dal Decreto di Damaso o De explanatione fidei, promulgato da papa Damaso I nel 382 (testo latino). Seguendo Martin Lutero, che peraltro li tradusse in tedesco, la tradizione protestante li considera non canonici.

Libri deuterocanonici
Titolo Autore Lingua Data Contenuto Note
Giuditta anonimo greco forse su un prototesto ebraico perduto redazione finale nel II secolo a.C. durante la rivolta dei Maccabei contro la persecuzione di Antioco IV Epifane Assedio della città palestinese di Betulia da parte di Oloferne, generale di Nabucodonosor (605-562 a.C.) re degli Assiri (in realtà babilonese). Una pia e bella vedova di nome Giuditta riesce a far ubriacare il generale e gli taglia la testa, provocando la sconfitta degli assedianti In una cornice storico-geografica imprecisa o del tutto errata viene descritto l'intervento salvifico di Dio tramite una donna, simbolo della nazione giudea (v. Giuditta) chiamata alla resistenza contro il persecutore straniero
Tobia anonimo greco forse su un prototesto aramaico o ebraico perduto inizio II secolo a.C. forse in Palestina A Ninive il giudeo Tobi diventato cieco invia suo figlio Tobia da lontani parenti a Ecbatana tra cui vive Sara, alla quale un demonio uccide i mariti. Nel viaggio Tobia è accompagnato dall'angelo Raffaele che rende possibile il matrimonio tra Sara e Tobia e al ritorno guarisce Tobi Romanzo popolare debitore della tradizione sapienzale pagana, esortante alla fedeltà alla Legge nonostante le avversità della diaspora
Primo libro dei Maccabei anonimo greco su prototesto ebraico perduto fine II secolo a.C. in Palestina Rappresenta un resoconto storico dettagliato e preciso della lotta nazionalista guidata dai fratelli Maccabei (Giuda, Gionata e Simone) tra il 176 e il 134 a.C. contro il dominio dei Seleucidi in Palestina, in particolare contro Antioco IV Epifane Come stile ricalca le narrazioni storiche dell'Antico Testamento (1-2 Samuele, 1-2Re, 1-2 Cronache)
Secondo libro dei Maccabei anonimo sunteggiatore di un'opera in 5 libri di un certo Giasone di Cirene, scrittore giudeo della diaspora direttamente in greco fine II secolo a.C. in Palestina Non è il seguito di 1Mac ma presenta gli avvenimenti connessi alla lotta dei Maccabei tra il 176 e il 160 a.C. (cc. 1-7 di 1Mac) Presenta esplicitamente il tema teologico della creazione dal nulla, della risurrezione dei giusti, dei meriti dei martiri e dell'intercessione per i morti
Sapienza di Salomone o solo Sapienza pseudoepigrafo di Salomone greco Ad Alessandria d'Egitto tra il 20 a.C. e il 38 d.C. San Girolamo, nel 405, lo attribuì a Filone d'Alessandria (15 a.C.- 45 d.C.). Indicativamente 3 sezioni: cc. 1-5 destino umano secondo Dio; cap. 6-11,3 elogio della Sapienza; cap. 14 idolatria e le statue di Caligola nelle sinagoghe. È l'ultimo libro dell'Antico Testamento, scritto dai Giudei della diaspora. Evidente influsso ellenista. Presenta la Sapienza di Dio.
Siracide o Sapienza di Siracide o Ecclesiastico Gesù figlio di Sirach, maestro scriba di Gerusalemme originale ebraico perduto e ritrovato parzialmente (circa 2/3) nel 1910, tradotto in greco dal nipote di Ben Sirach verso il 130 a.C. circa 180 a.C. a Gerusalemme Implementa riflessioni religiose senza un definito piano sistematico Esalta la religione ebraica nei confronti della cultura ellenista
Baruc o Baruch pseudoepigrafo di Baruc 'segretario' di Geremia durante l'esilio babilonese (VI secolo a.C.) direttamente in greco, la 2ª parte probabilmente da un originale ebraico seconda metà del II secolo a.C. 4 parti eterogenee: 1. Introduzione storica; 2. Preghiera penitenziale; 3. meditazione sulla Sapienza; 4. Esortazione e consolazione di Gerusalemme Rivolto alla diaspora esorta alla riconciliazione con Dio
Lettera di Geremia pseudoepigrafo del profeta Geremia (VII-VI secolo a.C.), forse di un Giudeo di Alessandria d'Egitto greco forse su un prototesto ebraico perduto IV-II secolo a.C. (?) Messa in guardia contro l'idolatria Rivolto alla diaspora in Siria o Fenicia. Conservato nella Vulgata e nella tradizione cattolica come c. 6 del Libro di Baruc
Preghiera di Azaria e Cantico dei tre giovani nella fornace anonimo greco forse su un prototesto ebraico metà del II secolo a.C. Contiene una preghiera di Azaria=Abdenego e un cantico delle creature dei 3 giovani (Sadrach, Mesach e Abdenego) nella fornace a Babilonia VI secolo a.C. Aggiunta del testo del Libro di Daniele della Settanta rispetto alla versione ebraica, conservata poi nella Vulgata e nella tradizione cattolica
Storia di Susanna anonimo greco forse su un prototesto ebraico metà del II secolo a.C. A Babilonia nel VI secolo a.C. il saggio Daniele discolpa la bella Susanna dalle calunnie di adulterio di due empi anziani giudei Testo autonomo della Settanta, incorporato nella Vulgata e nella tradizione cattolica come cap. 13 del Libro di Daniele
Bel e il Drago anonimo greco forse su un prototesto ebraico metà del II secolo a.C. 2 racconti autonomi: 1. a Babilonia sotto Ciro (590-529 a.C.) il saggio Daniele dimostra la falsità del culto all'idolo Bel; 2. Daniele uccide un drago venerato come divinità, viene gettato nella fossa dei leoni ma dopo una settimana viene liberato incolume Testo autonomo della Settanta, incorporato nella tradizione cattolica come cap. 14 del Libro di Daniele
Ester (versione greca) anonimo greco II secolo a.C. A Susa sotto il regno di Artaserse (465-424 a.C.) la giudea Adassa = Ester sventa un complotto di palazzo ordito da Aman contro i Giudei Versione contenuta nella Settanta del Libro di Ester ebraico con notevoli aggiunte (93 versetti) e variazioni

Nel Nuovo Testamentomodifica | modifica sorgente

Il termine viene talvolta utilizzato anche per alcuni libri del Nuovo Testamento per i quali in antico erano sorti dei dubbi sull'autenticità, ma che alla fine sono stati ritenuti canonici. Alcuni di questi erano in antico detti antilegomena. Anche in questo caso, nel XVI secolo risorsero delle discussioni sulla loro validità.

I libri invece che non fanno parte di alcun canone perché di dottrina o attribuzione incerta vengono detti apocrifi (ad esempio il protovangelo di Giacomo). Per distinguerli dagli apocrifi/deuterocanonici vengono talvolta chiamati pseudoepigrafi (cioè dal titolo falso).

Essi sono:

Fortuna letterariamodifica | modifica sorgente

I libri deuterocanonici (o apocrifi) dell'Antico Testamento ebbero una grossa fortuna nel XVIII secolo, quando se ne trassero libretti per opere e oratori in musica composti da artisti come Vivaldi e Händel.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Leonhard Rost, Introduzione agli apocrifi dell'Antico Testamento, a cura di Liliana Rosso Ubigli, Marietti 1820, Genova-Milano 2007 ISBN 978-88-211-7174-1

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License