Liceo scientifico Gian Domenico Cassini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°24′29.26″N 8°56′31.97″E / 44.408128°N 8.942214°E44.408128; 8.942214 Il Liceo scientifico Gian Domenico Cassini è un liceo scientifico statale di Genova, situato nel centro della città, a poche centinaia di metri dalla stazione Brignole.

È uno dei più rinomati istituti scolastici pubblici secondari di Genova insieme al Liceo classico Andrea D'Oria e ai licei scientifici Luigi Lanfranconi, Martin Luther King e Leonardo da Vinci.

Conta una media di 1450 studenti iscritti ogni anno, con sezioni che vanno dalla A alla P per il bienno e generalmente vengono ridotte fino alla N durante i successivi tre anni.

Storiamodifica | modifica sorgente

Fu fondato nel 1923 come Regio Liceo Ginnasio "Gian Domenico Cassini". Fu la prima scuola nel suo genere a Genova e in Liguria, pur non essendo il primo liceo dedicato al celebre astronomo (il liceo G. D. Cassini di Sanremo esisteva già dal 1860).

Nel 1941 se ne aprì una succursale a Chiavari, che divenne autonoma nel 1952. Invece nel 1948 divenne autonoma la sezione di Savona.

Nei primi anni sessanta fu costruito l'edificio attuale, ubicato all'interno del Parco Serra, in via Galata.

L'edificio possiede una succursale in via Peschiera dove risiedono le classi prime e alcune seconde.

Legami con l'antifascismo e la Resistenzamodifica | modifica sorgente

La singolarità del Cassini nel panorama genovese sta nei suoi legami con l'antifascismo e la Resistenza. Legame a suo tempo passivo per il liceo, di per sé, (a parte quei docenti di sicura fede antifascista ma ridotti al silenzio dal regime) ma non per un gruppetto di studenti che appartengono ormai alla memoria storica della Resistenza nel Genovesato e non solo: Giacomo Buranello, Walter Fillak (Medaglie d'oro al valor militare) e Giorgio Issel, a cui fu dedicata una brigata partigiana.

Da alcuni anni, all'approssimarsi del 25 aprile, viene convocata un'assemblea studentesca per ricordare i tre partigiani. La cosa ha rilevanza in quanto Walter Fillak venne espulso dal liceo per motivi politici durante il fascismo.

Nel 2005, in concomitanza del sessantennale della Liberazione, intervennero i familiari romani di Silvano Stachetti[1][2][3], ex alunno del Cassini, a cui è stata assegnata la medaglia d'Argento per la sua attività resistenziale. Alla presenza di rappresentanti delle associazioni partigiane, come il delegato dell'ANPI e di studiosi del primo antifascismo, si è anche analizzata la vicenda, spesso ignorata negli studi scolastici, degli Arditi del Popolo e delle altre formazioni di difesa proletaria a Genova.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a cui Genova ha intitolato una strada[1]
  2. ^ Mirco Bottero Memoria nella pietra: monumenti alla Resistenza ligure, 1945-1995
  3. ^ Carlo Brizzolari Un archivio della Resistenza in Liguria

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License