Lingua tagica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tagico (тоҷикӣ, تاجیکی , toçikī́)
Parlato in Tagikistan, Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Russia (Asia), Turkmenistan, Ucraina, Uzbekistan
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Alfabeto arabo, alfabeto cirillico, alfabeto latino
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue indoiraniche
  Lingue iraniche
   Lingue iraniche occidentali
    Lingue iraniche sudoccidentali
Statuto ufficiale
Nazioni Tagikistan Tagikistan
Codici di classificazione
ISO 639-1 tg
ISO 639-2 tgk
ISO 639-3 tgk  (EN)
SIL tgk  (EN)
Iranian tongues.svg
Distribuzione geografica delle varie lingue iraniche

La lingua tagica (nome nativo: тоҷикӣ, تاجیکی, toçikī́; pronuncia tagica [tɔːʤɪˈkiː]) è una lingua iranica parlata in Asia centrale. Dal punto di vista linguistico è ampiamente simile alla lingua persiana dell'Iran e dell'Afghanistan.

Distribuzione geograficamodifica | modifica sorgente

Il numero di parlanti il tagico come lingua madre ammonta – se si considerano anche i parlanti persiani dell'Afghanistan – a circa 15 milioni. Tra questi oltre 6 milioni e 119 000 si trovano sul territorio della CSI. Solo in Tagikistan appena 6 milioni e 300 000 persone parlano questa lingua, in Uzbekistan circa 15.933.000 e in Afghanistan circa 15 milioni e 800 000 persone (tra cui 1,3 milioni di Hazara, una popolazione di origine mongola). In Kirghizistan oltre 33.000 persone e in Kazakistan oltre 25.000 si riconoscono nella lingua tagica. In Cina vivono nelle zone di confine occidentali ancora circa 26.000 tagichi.

Lingua ufficialemodifica | modifica sorgente

Il tagico è lingua ufficiale del Tagikistan.[1]

Dialetti e lingue derivatemodifica | modifica sorgente

Il tagico si suddivide in diversi dialetti. Dagli anni venti il tagico si è distaccato sempre più dal persiano dell'Iran. La moderna lingua scritta tagica si distingue soprattutto per i prestiti lessicali dal russo e dalla lingua scritta dell'Iran o dell'Afghanistan (Dari).

I dialetti si distinguono oggi nella pronuncia e nel ritmo della lingua parlata, ma anche chiaramente nella grammatica dei dialetti del persiano in Iran o Afghanistan, subendo anche l'influenza dell'uzbeco e del turkmeno della regione del Turkestan.

Nell'attuale situazione linguistica si deve soprattutto distinguere tra la lingua tagica standard del Tagikistan e di tutti i Paesi dell'ex Unione Sovietica da un lato e le forme linguistiche dell'Afghanistan e dell'Iran dall'altro. La definizione linguistica "tagico" è usuale solo per il primo gruppo, anche se in Afghanistan il gruppo etnico che parla tale lingua è individuato come "tagico", malgrado la lingua sia definita genericamente "persiana" o, più precisamente, "dari".

Sistema di scritturamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Alfabeto tagico.

La lingua standard tagica usata in Tagikistan e nei paesi confinanti dell'ex Unione Sovietica è per la stragrande maggioranza identica alla lingua persiana per quanto riguarda il sistema linguistico, ma al contrario di questa non utilizza l'alfabeto arabo come in Iran o in Afghanistan, bensì quello cirillico.

Fino agli anni '20 il persiano fu usato anche nei paesi dell'Impero Russo o dell'Unione Sovietica e scritto con i caratteri arabi. La forma linguistica usata nella regione si differenziava soltanto in alcuni punti del vocabolario, della sintassi e della pronuncia delle vocali, non esaurientemente rese nella scrittura araba degli altri paesi di lingua persiana.

Dal 1º gennaio 1929 fu introdotto, anche per la lingua tagica, l'alfabeto unitario basato su quello latino.

Nell'inverno del 1939 venne poi introdotto anche per il tagico un alfabeto cirillico modificato, al posto di quello latino.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica la scrittura araba in Tagikistan ha trovato nuovamente sempre maggior applicazione. I progetti presi nel frattempo in considerazione all'inizio degli anni novanta per la sostituzione della scrittura cirillica con quella arabo-persiana non si sono tuttavia realizzati, anche se quest'ultima viene molto più utilizzata di quella cirillica. La scrittura arabo-persiana viene vista come parte del proprio patrimonio culturale e mezzo di conoscenza delle tradizioni culturali, mentre nella lingua amministrativa e nella lingua comune viene ampiamente utilizzato l'alfabeto cirillico.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Tajikistan in The World Factbook, Central Intelligence Agency. URL consultato il 3 dicembre 2012.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • (DE) Lutz Rzehak: Tadschikische Studiengrammatik. - Wiesbaden: Reichert, 1999.
  • (DE) Lutz Rzehak: Vom Persischen zum Tadschikischen: sprachliches Handeln und Sprachplanung in Transoaxanien zwischen Tradition, Moderne und Sowjetmacht; (1900 - 1956). - Wiesbaden, Reichert, 2001. (Iran - Turan; 2)

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License