Lingue brittoniche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue brittoniche
Parlato in Francia, Regno Unito
Persone circa 1 milione
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue celtiche
  Lingue celtiche insulari

Le lingue brittoniche sono una delle due branche della famiglia del celtico insulare (parlato cioè nelle Isole Britanniche). Brittonico deriva dal nome latino Brittónes[1] (Britanni dell'Antichità e dell'Alto Medioevo), che veniva utilizzato per distinguere le popolazioni autoctone dagli anglo-sassoni.

Le due più importanti lingue brittoniche sono il gallese e il bretone, entrambe ancora parlate. Il cornico scomparve sul finire del XVIII secolo, anche se di recente ci sono tentativi per resuscitarlo. Un'altra importante lingua brittonica ormai estinta era il cumbrico.

Distribuzione geograficamodifica | modifica sorgente

Secondo Ethnologue, limitatamente alle lingue vive, sono attestati circa mezzo milione di locutori del bretone in Francia nella regione della Bretagna, altrettanti del gallese nel Galles e qualche centinaio del cornico in Cornovaglia.

Classificazionemodifica | modifica sorgente

Storiamodifica | modifica sorgente

Le odierne lingue brittoniche derivano tutte da un'unica lingua, chiamata britannico, brittonico comune, brittonico antico o Proto-brittonico, che si pensa si sia sviluppato dal Proto-celtico, che fu a sua volta introdotto in Gran Bretagna a partire dal 1500 a.C. (Hawkes, 1973). Le lingue brittoniche furono poi parlate almeno nell'intera Britannia a sud dei fiumi Forth e Clyde, compresa, forse, l'isola di Man. Secondo alcuni (tra cui R. F. O'Rahilly), l'Irlanda fu popolata da genti di lingua brittonica, poi rimpiazzate da una popolazione di idioma Q-celtico (forse dalla tribù dei quarieti, proveniente dalla Francia meridionale). Linguisti come Dillon e Chadwick considerano però inverosimile quest'ipotesi.

Durante la dominazione romana (43 - ca. 410 d.C.), il brittonico comune mutuò molte parole dal latino. Circa 800 di queste parole sono sopravvissute nelle odierne lingue brittoniche. È probabile che durante questo periodo il brittonico comune si suddivise in almeno due dialetti principali, nel sud-ovest e nell'ovest (oltre forse ad alcuni dialetti parlati nell'odierna Inghilterra e che hanno lasciato poche tracce o non ne hanno lasciata nessuna).

Tra la fine dell'occupazione romana e la metà del VI secolo i due dialetti andarono trasformandosi in due lingue diverse l'una dall'altra: il cumbrico a ovest e nel Galles e il cornico nel sud-ovest, mentre da loro derivò il bretone, portato in Armorica (odierna Bretagna, regione della Francia) da britanni che sfuggirono alle invasioni anglosassoni rifugiandosi in continente.

Le lingue brittoniche parlate in Scozia, nell'isola di Man e in Inghilterra cominciarono a essere modificate e disperse nel V secolo per influenza degli invasori irlandesi, vichinghi e germanici. Questa sostituzione, tranne che in Cornovaglia, fu probabilmente ormai completa attorno all'XI secolo (anche se la datazione varia ed è molto discussa da zona a zona).

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Menzionati da Giovenale e Isidoro di Siviglia (Etymologiae, II, 102).

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Celti Portale Celti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Celti







Creative Commons License